Capitale Tier 1

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Con Tier 1 capital (o Core Tier 1, o patrimonio di classe 1) si intende la componente primaria del capitale di una banca.

Definizione[modifica | modifica sorgente]

Secondo gli accordi di Basilea, il patrimonio delle banche può essere distinto in due classi (tier): una "classe principale (Tier 1) composta dal capitale azionario e riserve di bilancio provenienti da utili non distribuiti al netto delle imposte[1], e una "classe supplementare" composta da elementi aggiuntivi. Dalla componente principale vanno poi dedotti alcuni elementi come l'avviamento.

Per evitare che il capitale Tier 1 venisse reso meno solido dall'uso di strumenti innovativi via via creati dalle banche, il Comitato di Basilea decise di limitarne l'inclusione nel Tier 1 al 15%[2]. Escludendo del tutto tali strumenti innovativi dal Tier 1 capital, si ottiene il cosiddetto Tangible Common Equity (TCE).

Coefficienti patrimoniali[modifica | modifica sorgente]

Rapportando il Tier 1 alle attività ponderate per il rischio, secondo i criteri di Basilea II, si ottiene il coefficiente patrimoniale Tier 1, spesso utilizzato come importante misura di patrimonializzazione di una banca.

Composizione[modifica | modifica sorgente]

Esso si compone di:

  1. Utili non distribuiti e Riserve, al netto dell'avviamento,
  2. Azioni ordinarie ( quelle di risparmio escluse a partire dal 2010, non assicurano, infatti, il pieno assorbimento delle perdite, in quanto prevedono vantaggi in fase di liquidazione e nella maggior parte dei casi sono caratterizzate da meccanismi di remunerazione privilegiati e commisurati al valore nominale dello strumento),
  3. Preferred Securities: obbligazioni perpetue richiamabili non prima di 10 anni, il cui pagamento può essere sospeso in presenza di andamenti negativi della gestione e privilegiate solo rispetto alle azioni ordinarie e di risparmio.

Il Tier 1 si scompone in Core Tier 1, il cui ammontare deve essere non inferiore all'85% dell'intero Tier 1, e considera i punti 1 e 2, e l'Hybrid Tier 1, che accoglie invece solo le preferred securities, in un ammontare massimo non superiore al 15% dell'intero Tier 1.

Con un livello di seniority decrescente, ovvero con una minore garanzia di rimborso per l'investitore, troviamo il Tier 2, anch'esso scomponibile in Upper Tier 2, che accoglie obbligazioni della durata superiore a 10 anni e utilizzabili per coprire perdite derivanti dalla operatività dell'ente che non le consentirebbero la prosecuzione dell'attività, e in Lower Tier 2, contenente obbligazioni della durata superiore ai 5 anni.

Ancora con seniority decrescente troviamo il Tier 3, composto da obbligazioni della durata superiore ai 2 anni, non utilizzabili per coprire le perdite derivanti dalla operatività dell'ente ma ammettono la sospensione del pagamento di capitale e interessi in caso di riduzione del Patrimonio netto contabile al di sotto dei limiti di legge e su iniziativa delle autorità di vigilanza (Banca d'Italia).

Possiamo aggiungere che il Tier 1 deve essere pari almeno al 4% delle attività ponderate per il rischio (in base ai parametri stabiliti da Basilea 2 e quindi utilizzando l'approccio standard o l'internal rating based advanced o foundation), il Tier 2 deve essere non superiore al 100% del Tier 1 e la loro somma non deve essere inferiore all'8% delle attività ponderate per il rischio (RWA), che poi rappresenta il coefficiente di solvibilità della Banca. Il Tier 3 deve essere pari al massimo al 250% del Tier 1 a copertura dei rischi di mercato.

Come si nota, quindi, il patrimonio di vigilanza è diverso dal patrimonio netto contabile per i vari strumenti di debito emessi dalla banca che vi sono all'interno e che possono essere considerati come strumenti "quasi-equity", la cui erogazione da parte della banca le consente di espandere gli impieghi. Nel caso in cui il Patrimonio di Vigilanza fosse incapiente rispetto alle previsioni di impiego della banca, stabilite in sede di budget, esso può essere aumentato riducendo i dividendi, emettendo azioni e/o preferred securities oppure incrementando il Tier 2.

Il motivo per cui le banche devono detenere il capitale così definito è fronteggiare perdite inattese, la principale delle quali deriva dal peggioramento del merito creditizio della controparte oltre la quota prevista sulla base del rating ad essa associato in sede di risk rating.

Da notare che per fronteggiare perdite attese si usano altri strumenti come appositi accantonamenti a fondo rischi bancari generali (voce 190 Conto economico e 120 Stato patrimoniale) o l’utilizzo dei profitti dell’esercizio corrente.

Sia il Capitale Tier 1 che il Capitale Tier 2 sono definiti negli accordi internazionali Basilea I e Basilea II. Ogni Autorità di controllo nazionale ha tuttavia una certa discrezionalità su come devono essere considerati i diversi strumenti finanziari nel calcolo di questo tipo di capitale. Tale discrezionalità serve ad applicare adeguatamente l’accordo ai differenti sistemi legali in vigore nei vari paesi aderenti.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Convergenza internazionale della misurazione del capitale e dei coefficienti patrimoniali. Parte 2, Ia, A, 49(iii).
  2. ^ Comunicato stampa del 27 ottobre 1998

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

economia Portale Economia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di economia