Cape Dutch

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Casa in stile Cape Dutch a Stellenbosch

L'espressione cape dutch, o stile coloniale olandese del Capo, si riferisce allo stile architettonico coloniale boero della Provincia di Western Cape, in Sudafrica. L'espressione significa letteralmente "olandese del Capo" e deriva dal fatto che i boeri (o afrikaner) erano principalmente di origine olandese. Lo stile cape dutch si può ricondurre a influenze dei Paesi Bassi e della Germania medievali e della Francia ugonotta, con elementi indonesiani.

Fra le caratteristiche distintive del cape dutch ci sono gli spioventi decorati e tondeggianti, che ricordano le case di Amsterdam ma che risentono anche di elementi asiatici. Esse erano in genere costruite da schiavi importati nel Capo dalle colonie orientali. Questo tipo di spioventi iniziò ad apparire all'inizio del XVIII secolo.

Le case hanno una pianta a U (con la parte frontale affiancata da due ali perpendicolari), a T (con una singola ala posizionata perpendicolarmente alla parte posteriore dell'edificio) o ad H (evoluzione della pianta a T, con un'ala aggiuntiva). L'aggiunta di ali perpendicolari, e la diversificazione di questi tre tipi di piante, iniziò a diffondersi alla metà del XVIII secolo, con la pianta ad H che divenne alla fine la scelta predominante, specialmente nelle campagne.

I muri esterni sono in genere imbiancati, e i tetti sono spesso coperti di paglia o di frasche.

A Città del Capo, dove si è sviluppata inizialmente l'architettura cape dutch, gli edifici storici sopravvissuti sono relativamente pochi. Un interessante esempio è costituito dalla residenza di Groote Schuur nel quartiere di Rondebosch. Per osservare case coloniali boere nella loro forma originale occorre spingersi nell'entroterra, soprattutto nel distretto di Wine Route oppure in luoghi come Groot Drakenstein. Sulla costa, si ricordano per questo stile le cittadine storiche di Stellenbosch e Somerset West.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]