Cantautore

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Canzone d'autore)
bussola Disambiguazione – "Canzone d'autore" rimanda qui. Se stai cercando altri significati, vedi Canzone d'autore (disambigua).
Bob Dylan è un cantautore e una delle figure più importanti degli ultimi cinquant'anni nel campo della musica popolare

Con il termine cantautore (da cantante + autore) si indica colui che interpreta canzoni da lui stesso composte.

La storia[modifica | modifica wikitesto]

In Italia[modifica | modifica wikitesto]

La nascita dei cantautori[modifica | modifica wikitesto]

In Italia il moltiplicarsi degli esponenti di questa categoria di artisti - cresciuta specialmente nella seconda metà del Novecento - ha portato al formarsi di diverse scuole cantautorali (anche se la loro definizione specifica è piuttosto vaga, e riferita sostanzialmente alla città di nascita o di adozione degli artisti piuttosto che alle loro caratteristiche poetiche): le più note sono comunque quella genovese, quella romana, la napoletana, la bolognese e la milanese, sebbene il fenomeno si sia poi diffuso su scala nazionale.

La parola cantautore fu creata nell'ambito della casa discografica RCA da Ennio Melis e Vincenzo Micocci nel 1959 per il lancio di Gianni Meccia[1]. Ovviamente, già vi erano stati dei personaggi che scrivevano e cantavano le proprie canzoni, come Domenico Modugno, Odoardo Spadaro, Ettore Petrolini, Rodolfo De Angelis e - andando ancora più indietro nel tempo - Armando Gill, uno dei primi a firmare sia i testi che le musiche delle sue canzoni (come spiegava nella celebre presentazione che faceva precedere ai suoi spettacoli: Versi di Armando, musica di Gill, cantati da Armando Gill) e il napoletano Berardo Cantalamessa, il primo ad incidere una sua canzone su disco 78 giri[2], la celeberrima 'a risata, nel 1895[3].

Modugno è il primo che scrive canzoni partendo dalla cronaca: nel 1955 scrive Vecchio frack dopo aver letto su un giornale la notizia del suicidio del principe Raimondo Lanza di Trabia (marito dell'attrice Olga Villi) che, all'età di 39 anni, nel novembre del 1954 si era gettato dalla finestra del suo palazzo in via Sistina a Roma[4], ed anche Lu pisce spada nasce da una storia vera, letta in un giornale[5][6].

I Cantacronache; da sinistra a destra: Sergio Liberovici, Fausto Amodei, Michele Luciano Straniero e Margot

Non bisogna infine dimenticare l'esperienza torinese di Cantacronache, con esponenti quali Fausto Amodei, Sergio Liberovici, Michele Straniero e Margot che da un lato recuperano tutta la tradizione della musica popolare italiana, dall'altro producono nuove canzoni, spesso in collaborazione con intellettuali come Italo Calvino ed Umberto Eco, inserendo nei testi delle canzoni nuove tematiche come le morti sul lavoro (La zolfara, del 1959) l'opposizione alla guerra (Dove vola l'avvoltoio, 1961) le lotte operaie (Per i morti di Reggio Emilia, 1960).

Il gruppo di Cantacronache viene considerato tra i precursori diretti della prima generazione di cantautori italiani di un certo spessore; così si è espresso in proposito Umberto Eco:

« Se non ci fossero stati i Cantacronache e quindi se non ci fosse stata anche l’azione poi prolungata, oltre che dai Cantacronache, da Michele L. Straniero, la storia della canzone italiana sarebbe stata diversa. Poi, Michele non è stato famoso come De André o Guccini, ma dietro questa rivoluzione c’è stata l’opera di Michele: questo vorrei ricordare »
(Umberto Eco[7])

Gli anni '60[modifica | modifica wikitesto]

Tra i principali cantautori italiani degli anni sessanta (spesso influenzati dalla canzone d'autore francese) troviamo Umberto Bindi (solo autore delle musiche, mentre per i testi si appoggiava ad altri, primo fra tutti Giorgio Calabrese), Luigi Tenco, Gino Paoli, Sergio Endrigo, Bruno Lauzi, Giorgio Gaber, Enzo Jannacci (il primo che nelle sue canzoni fa diventare protagonisti gli ultimi, dai barboni ai malati di mente, dalle prostitute ai poveri), Piero Ciampi (in realtà solo paroliere, mentre per le musiche si affidava a vari compositori come Gian Piero Reverberi o Gianni Marchetti), Fabrizio De André (anche se, in realtà, quasi tutto il suo repertorio è stato scritto insieme ad altri artisti[8]), Nino Tristano, Silverio Pisu, Duilio Del Prete, i quali hanno saputo riprendere le suggestioni della canzone francese e trasformarle secondo la sensibilità italiana.

Questa prima generazione è influenzata principalmente dalla canzone francese e dalla canzone popolare italiana; a metà del decennio ad essi si affiancano altri cantautori come Lucio Dalla, Gian Pieretti, Francesco Guccini, Mauro Lusini, Roby Crispiano, Jonathan del duo Jonathan & Michelle, Emilio Insolvibile e Tony Cucchiara, che sono invece influenzati dal beat (con il passare del tempo ed il proseguimento della carriera alcuni di loro come Dalla e Guccini svilupperanno delle caratteristiche musicali e tematiche proprie, mentre Cucchiara si dedicherà al teatro canzone).

Gian Pieretti con Jack Kerouac, durante una delle conferenze tenute insieme nell'ottobre del 1966

Infine appartengono alla categoria anche alcuni come Gipo Farassino o Nanni Svampa che si sono dedicati per lo più alla canzone dialettale: Svampa forma poi nel 1964 un gruppo, I Gufi, con cui spesso incide canzoni di propria composizione in italiano, ed anche Farassino, alla fine degli anni '60, abbandona spesso il dialetto per scrivere canzoni come l'antimilitarista Ballata per un eroe («Andrò a ingrossare la nutrita schiera/di quelli che aggrappati a una bandiera/son morti bestemmiando di paura/ad occhi chiusi in una notte scura»), Remo la barca, La mia città, Il bar del mio rione, Avere un amico.

Altri, come Paolo Pietrangeli, Gualtiero Bertelli ed Ivan Della Mea, sono stati più legati ad una canzone strettamente politica.

Alla fine del decennio emerge un altro cantautore, Ugolino, che si distacca dal genere per avvicinarsi ad un tipo di canzone d'autore, basata su tematiche sociali che vengono espresse in maniera ironica e satirica.

Per quel che riguarda le donne, una delle prime cantautrici è Paola Orlandi, che già nel 1959 scrive il testo e la musica di una canzone che incide, Voglio l'amore; nello stesso periodo iniziano la carriera la sorella Nora Orlandi e Maria Monti (all'epoca fidanzata di Gaber), mentre Margot scrive e canta le sue prime canzoni all'interno dell'esperienza dei Cantacronache di cui fa parte e Giovanna Marini debutta a metà degli anni '60.

Nella seconda metà del decennio emerge Nives (al secolo Nives Gazziero), cantautrice a metà tra il folk e il beat, scoperta da Nanni Ricordi, che oltre a brani propri traduce alcune canzoni americane, come Where Have All the Flowers Gone? di Pete Seeger (che diventa Dove sono finiti i fiori?).

Proprio in questo decennio iniziano le collaborazioni tra canzone d'autore e poesia: l'antesignano, in questo senso, è ancora una volta Domenico Modugno che mette in musica due poesie di Salvatore Quasimodo con l'autorizzazione dell'autore, Ora che sale il giorno e Le morte chitarre; così racconta l'esperienza il cantautore pugliese:

« Quando gli chiesero il permesso per questa operazione, lui rispose che non lo aveva mai concesso a nessuno, ma che per Modugno non ci sarebbero stati problemi. Poi ci siamo incontrati e conosciuti a casa sua: era una persona molto strana, chiusa, vulnerabile, che ispirava tenerezza[9] »

Un altro intellettuale che ha frequenti collaborazioni con la canzone d'autore è Pier Paolo Pasolini, che nel 1963 autorizza Sergio Endrigo ad utilizzare alcuni versi tratti dalla raccolta La meglio gioventù; la canzone che nasce è Il soldato di Napoleone, contenuta nel primo 33 giri del cantautore istriano.

Sempre Pasolini collabora anche con Modugno, scrivendo il testo di Che cosa sono le nuvole:

« Recitai nell'episodio Cosa sono le nuvole, e dal titolo del film nacque anche una canzone, che scrivemmo insieme. È una canzone strana: mi ricordo che Pasolini realizzò il testo estrapolando una serie di parole o piccole frasi dell'Otello di Shakespeare e poi unificando il tutto[10] »

Endrigo invece collabora con Giuseppe Ungaretti ed il poeta brasiliano Vinicius De Moraes incidendo nel 1969 l'album La vita, amico, è l'arte dell'incontro, ed in seguito mette in musica alcune poesie per bambini scritte da Gianni Rodari in Ci vuole un fiore, album del 1974.

Gli anni '70[modifica | modifica wikitesto]

Negli anni settanta, in concomitanza coi movimenti politici e culturali del periodo, si diffonde ancora di più l'utilizzo della canzone da parte di alcuni cantautori per uno scopo politico e sociale; musicalmente le influenze si spostano dalla musica francese a quella d'oltremanica ed oltreoceano ed i principali modelli sono Bob Dylan, Paul Simon e Leonard Cohen, anche se non manca chi, come Claudio Rocchi, si rifà a nomi meno conosciuti in Italia come Nick Drake o Roy Harper.

Tra i più importanti esponenti di questo periodo, oltre ai già citati Dalla, De André e Guccini, Nino Tristano (con l'album "Suonate Suonatori" (Fonit-Cetra) che Renzo Arbore nella sua Enciclopedia della Canzone definisce "il primo esempio di contaminazione tra musica popolare italiana e musica rock") ci sono Francesco De Gregori, Antonello Venditti, Edoardo De Angelis, Giorgio Lo Cascio, Ernesto Bassignano, Renzo Zenobi, Rino Gaetano, Corrado Sannucci, Mario Bonura, Stefano Rosso legati all'esperienza del Folkstudio, locale romano che promuove la canzone d'autore; poi Roberto Vecchioni, Claudio Lolli, Mario Panseri, Pierangelo Bertoli, Giorgio Laneve, Edoardo Bennato, Tito Schipa Jr., Claudio Fucci, Gianni Bella, Franco Battiato, Ivano Fossati (che inizia con il gruppo progressive I Delirium), Eugenio Finardi, Alberto Camerini, Gianfranco Manfredi (questi ultimi tre vicini all'esperienza del Movimento Studentesco milanese), Ricky Gianco (già attivo nel decennio precedente, negli anni '70 si avvicina alla canzone politica), Enzo Maolucci e Carlo Credi, musicalmente più vicini al rock.

Anche se spesso inseriti nella categoria dei cantautori, non lo sono totalmente perché in realtà collaborano con parolieri o musicisti Claudio Baglioni (per buona parte degli anni '70 scrive insieme ad Antonio Coggio le musiche), Riccardo Cocciante (i cui testi sono scritti da Paolo Amerigo Cassella e Marco Luberti, poi dal solo Luberti ed infine da Mogol) e Renato Zero (che compone con vari collaboratori, da Franca Evangelisti a Piero Pintucci, da Roberto Conrado a Dario Baldan Bembo, e in un caso, per Il carrozzone, è solo interprete).

Lo stesso è il caso di Lucio Battisti, che in realtà inizia l'attività nel decennio precedente, e che è autore quindi delle musiche delle canzoni da lui cantate, le quali - dopo essere state composte - vengono completate dai testi scritti da Mogol.

De Gregori e Venditti sull'etichetta del disco Theorius Campus

Anomalo anche il caso di Paolo Conte, la cui produzione coincide a livello temporale con quella degli artisti citati, ma i cui riferimenti musicali sono il jazz e le grandi orchestre swing degli anni trenta e quaranta, e spesso i suoi testi descrivono situazioni dell'epoca (Topolino amaranto, Bartali, Diavolo rosso) o semplicemente si identificano in una poetica molto intensa e universale (I giardini pensili hanno fatto il loro tempo, Per quel che vale, Chi siamo noi?, per esempio). Conte poi, oltre a cantare le sue musiche e i suoi testi, prende generalmente parte all'esecuzione come pianista.

Nella seconda metà del decennio raggiungono il successo cantautori come Pino Daniele, Angelo Branduardi, Ivan Graziani, Ron, Leano Morelli, Massimo Bubola e Goran Kuzminac che, seppure in maniera diversa, danno molto risalto all'aspetto musicale delle loro composizioni.

Le cantautrici, al contrario dei colleghi uomini, non riscontrano un grande successo in questo periodo: per questo nomi come quello di Antonella Bottazzi, Maria Teresa Grossman, Roberta D'Angelo, Jamima, Chiara Grillo, Teresa Gatta, Nicoletta Bauce, Dania Colombo, Graziella Caly, Elena Rinaldi restano conosciuti solo da una ristretta cerchia di appassionati.

Gli anni '80[modifica | modifica wikitesto]

Negli anni ottanta si affermano interpreti che, seguendo le tendenze dell'epoca, adattano la canzone d'autore a stili quali punk, ska, rap e Rock;
Il filone Rock trova in Vasco Rossi l'interprete di punta; al punk si rifà (almeno inizialmente) Enrico Ruggeri; allo Ska Alberto Camerini e Donatella Rettore mentre Jovanotti porta al successo uno stile rap inizialmente destinato a fasce giovanili, per poi ricercare nuovi messaggi destinati ad un'audience più impegnata riguardo alle tematiche sociali. Da citare anche noti cantautori come Luca Carboni, Biagio Antonacci e Raf, quest'ultimo vicino alle sonorità dance.

Altri cantautori emersi in questo periodo, come Fabio Concato, Giuni Russo, Amedeo Minghi, Mario Castelnuovo, Gerardo Carmine Gargiulo e Marco Ferradini, si ricollegano musicalmente alla melodia italiana.

In modo più o meno marcato altri cantautori come Luca Barbarossa o Mimmo Locasciulli si ispirano a songwriters quali James Taylor o Tom Waits; non mancano però altri nomi che, nel solco della tradizione della canzone d'autore del decennio precedente, portano delle novità specifiche nella composizione dei testi e delle musiche, come Gian Piero Alloisio o Flavio Giurato.

Di grande successo anche il genere umoristico il cui principale esponente è Stefano Belisari con il suo gruppo Elio e le storie tese.

In questo periodo cominciano a suscitare un certo interesse anche alcune cantautrici fra le quali Giuni Russo, Gianna Nannini, legata alla musica rock, e Grazia Di Michele, influenzata da suggestioni etniche e richiami alle folk singer americane.

Gli ultimi anni[modifica | modifica wikitesto]

Negli anni novanta si affermano autori che coniugano un gusto "postmoderno" ad una qualità dei testi vicina a quella dei loro predecessori. Sono cambiati i tempi, prima le persone avevano una maggiore predisposizione all'ascolto di una canzone, alle parole, all'impegno politico e sociale. Bastava presentarsi con una chitarra sul palco e creare una complicità e una corrispondenza di intenti che andava oltre la canzone[11]. La confusione dei tempi che si trovano a vivere porta molti di essi a ripiegare sul versante intimista. Tra i più rappresentativi del periodo ci sono Neffa, Max Pezzali, Paolo Vallesi, Samuele Bersani, Eros Ramazzotti, Max Gazzè, Niccolò Fabi, Massimo Di Cataldo, Michele Zarrillo, Francesco Renga, Gianluca Grignani, Alexia, Zucchero Fornaciari, Piero Pelù, Enrico Capuano, Daniele Silvestri, Paola Turci, Riccardo Sinigallia, Nek, Laura Pausini, Carmen Consoli, Irene Grandi, Luciano Ligabue, Marco Masini, Elisa, Gigi D'Alessio, Tiziano Ferro, Povia, Luca Dirisio, Giorgia, Cesare Cremonini, Mao, Cristina Donà e Nesli e Emma Marrone.

Con il nuovo millennio emergono i nomi di Bugo, Pacifico, Carlo Fava, Gianmaria Testa, Morgan, Caparezza, Sergio Cammariere, Simone Cristicchi, Fabrizio Moro, Max Manfredi, Ennio Rega, Luca Bonaffini, Francesco Tricarico e Nada Malanima, quest'ultima un tempo solo interprete. Accanto a questi si va affermando una nuova leva di cantautori, i quali spesso utilizzano l'autopromozione, l'indipendenza dall'Etichetta Discografica e nuove forme di Digital distribution. Tra essi troviamo Dente, Joe Barbieri, Diego Mancino, Max Manfredi, Federico Sirianni, Paolo Benvegnù, Marco Parente, Pino Marino, Sergio Bassi, Alessio Lega, Andrea Parodi, Moltheni, Cesare Basile, Vasco Brondi, Roberto Tardito, Susanna Parigi, Momo, Beatrice Antolini, Giua, Patrizia Laquidara, Pierpaolo Lauriola, Nicolò Carnesi, Brunori Sas, Il Cile, Zibba & Almalibre, Ghemon e Musica Per Bambini.

All'estero[modifica | modifica wikitesto]

Georges Brassens (a destra) con Nanni Svampa

Gli omologhi dei cantautori si ritrovano soprattutto nella canzone francese (Georges Brassens, Serge Gainsbourg, Boris Vian, Barbara, Georges Moustaki, Charles Aznavour, Jacques Brel, Léo Ferré, Michel Fugain o - più recentemente - Renaud), nel "folk" e "rock" inglese (Donovan, Cat Stevens e Nick Drake), statunitense (Woody Guthrie, Pete Seeger, Bob Dylan, James Taylor, Carole King, Bob Mould, Sixto Rodriguez), e canadese (Leonard Cohen, Neil Young, Joni Mitchell).

Sono cantautori anche i catalani, Joan Manuel Serrat e Lluís Llach, il portoghese José Afonso, il cileno Víctor Jara, il guatemalteco Ricardo Arjona, lo svizzero Mani Matter, il ceco Karel Kryl.

Una delle scuole più influenti degli anni '90 fu quella che ha visto come protagonista Bill Callahan, conosciuto anche con lo pseudonimo di Smog a San Francisco. Stessa città da cui provenivano American Music Club e Red House Painters i cui cantanti, Mark Eitzel e Mark Kozelek, seguiranno, la strada tracciata da Smog. Da Los Angeles Duncan Sheik e Mountain Goats a Portland Elliott Smith, a Seattle Damien Jurado, all'Ohio Jason Molina con lo pseudonimo di Songs:Ohia, a Boston Mike Johnson e Matt Keating, in New Jersey Justin Mikulka, in Pennsylvania Karl Hendricks, a New York Jeff Buckley, Dave Schramm, Joseph Arthur, Vic Chestnutt in Georgia, Mark Lanegan a Seattle. In Canada Ron Sexsmith unira' nella sua musica le esperienze di Paul Simon e Leonard Cohen.

Anche San Francisco ha prodotto due cantautori in quel periodo: Jason Falkner (poi Jellyfish) e Chris Von Sneidern. A Los Angeles Frank Black (dei Pixies), in Oregon Eric Matthews (dai Cardinals) e Pete Krebs (dagli Hazel), in Ohio Tobin Sprout, in Australia Richard Davies.

I nuovi cantautori americani sono: Will Stratton, Bon Iver, Sharon Van Etten, Angel Olsen, Marissa Nadler. Dall'Inghilterra la singer-songwriter Anna Calvi.

La parola cantautor esiste anche in spagnolo e in catalano. Alcuni esempi sono Lluís Llach, Joan Manuel Serrat e Roger Mas.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Il primo articolo giornalistico in cui è documentata la parola è, allo stato attuale delle ricerche, Chi sono i cantautori?, non firmato, pubblicato su Il Musichiere n° 90 del 17 settembre 1960
  2. ^ Macchiette Ecco l'antologia sulla canzone che fa ridere - Repubblica.it » Ricerca
  3. ^ Bernardo Cantalamessa - La Risata
  4. ^ Maurizio Ternavasio, La leggenda di mister volare. Domenico Modugno, editore Giunti, 2004, pag. 35
  5. ^ "Il dizionario della canzone italiana - Le canzoni", di Autori Vari (a cura di Gino Castaldo), ed. Curcio, 1990; alla voce U pisci spada, pag. 479
  6. ^ Maurizio Ternavasio, "La leggenda di mister Volare", ed. Giunti, 2004, pagg. 31-32
  7. ^ Giovanni Straniero e Carlo Rovello, Cantacronache. I cinquant'anni della canzone ribelle, 2008, editrice Zona, pag. 8
  8. ^ Le canzoni di cui De Andrè è autore sia del testo che della musica sono otto in quasi quarant'anni di carriera (fonte: Archivio della SIAE, dopo una scrematura delle 14 che lì risultano, vedi discussione di questa pagina), ma in realtà alcune di queste derivano da musiche di cui i diritti sono scaduti (La canzone dell'amore perduto), o sono di autori non iscritti alla SIAE, come Vittorio Centanaro per La guerra di Piero e Si chiamava Gesù
  9. ^ Vincenzo Mollica, Domenico Modugno, edizioni Lato Side, 1981, pag. 86
  10. ^ Vincenzo Mollica, Domenico Modugno, edizioni Lato Side, 1981, pag. 89
  11. ^ articolo. URL consultato il 14/07/2011.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Enzo Gentile, Guida critica ai cantautori italiani, Gammalibri, 1979
  • Autori Vari (a cura di Gino Castaldo), Dizionario della canzone italiana, ed. Curcio, 1990
  • Gianni Borgna, La lingua cantata. L'italiano nella canzone d'autore dagli anni '30 a oggi, con Luca Serianni, Garamond 1995
  • Gianni Borgna, Storia della canzone italiana, Oscar Mondadori 1995-2004
  • Mario Bonanno, Con rabbia e con amore. Dizionario dei cantautori italiani, Bastogi Editrice Italiana, 2003
  • Autori Vari (a cura di Enrico Deregibus), Dizionario completo della canzone italiana, ed. Giunti, 2006
  • Mario Bonanno, Anni affollati. L'Italia e i cantautori 1973-1983, Bastogi Editrice Italiana, 2009
  • Francesco Troiano, La Canzone d'Autore Italiana, monografia, da Italica.RAI.it
  • Luigi Manconi "La musica è leggera", Roma, il Saggiatore, 2012.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]