Canobius

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Canobius
Canobius ramsayi.JPG
Fossile di Canobius ramsayi
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Osteichthyes
Sottoclasse Actinopterygii
Famiglia Canobiidae
Genere Canobius

Il canobio (gen. Canobius) è un pesce estinto, appartenente agli attinotterigi. Visse nel Carbonifero inferiore (circa 330 milioni di anni fa) e i suoi resti sono stati ritrovati in Scozia.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Questo pesce era di piccole dimensioni e mediamente raggiungeva la lunghezza di 7 centimetri. Il corpo era piuttosto tozzo, così come il cranio, mentre la coda era lunga e robusta. Rispetto ad altre forme di pesci ossei primitivi, il canobio possedeva caratteristiche mascelle: le ossa mascellari e iomandibolari erano disposte in verticale e, sostanzialmente, rendevano sospesa l'intera arcata mascellare sotto il neurocranio. In questo modo, la bocca poteva aprirsi con maggior ampiezza e anche le branchie erano più grandi.

Classificazione[modifica | modifica wikitesto]

Canobius è stato a lungo considerato come un rappresentante dei paleonisciformi, un gruppo di pesci ossei primitivi successivamente ritenuto parafiletico. Molti cosiddetti paleonisciformi non facevano parte del gruppo, a causa di caratteristiche che li diversificavano notevolmente. Tra questi Canobius, uno dei primi pesci ossei a possedere un'arcata mascellare di tipo evoluto. Forme simili, ma forse non strettamente imparentate a Canobius, erano Aeduella e Whiteichthys.

Stile di vita[modifica | modifica wikitesto]

L'innovazione delle mascelle di Canobius consentiva svariati vantaggi: aprendo maggiormente la bocca, infatti, poteva entrare più acqua (e quindi più ossigeno) e questo permetteva all'animale di aumentare l'attività. Canobius si cibava probabilmente di minuscoli organismi planctonici, presenti in gran numero nelle acque; questi venivano inghiottiti insieme all'acqua e trattenuti da minuscoli denti che ricoprivano la cavità orale, spingendosi fino alle branchie.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Moy-Thomas, J.A. (1938a) A revision of the fishes refered to the genus Canobius from the Lower Carboniferous localities other than Glencartholm. Annals and Magazine of Natural History, 2, (11), 291–9.
  • Moy-Thomas, J.A. and Bradley Dyne, M. (1938) Actinopterygian fishes from the Lower Carboniferous of Glencartholm, Eskdale, Dumfrieshire. Transactions of the Royal Society of Edinburgh, 59, 437–80.
pesci Portale Pesci: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di pesci