Cannuccia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Cannucce in plastica

La cannuccia è uno strumento usato per bere. È un tubicino che permette di sorbire le bevande senza mettere le labbra a contatto con il contenitore. Le prime attestazioni si ritrovano già nei sigilli sumerici del terzo millennio a.C., che mostrano diverse persone utilizzare lunghe canne per bere birra da grossi recipienti. In seguito sono state ideate cannucce in paglia, mentre oggi la versione più diffusa è realizzata in plastica. Di misure molto varie a seconda dell'uso, quelle che corredano cartocci monodose non sono più lunghe del contenitore con cui sono fornite (come i succhi di frutta). Le cannucce da bar sono lunghe una ventina di centimetri, anche se ve ne sono di lunghezze variabili, fino ad un metro, di diametro da 3 a 8 mm (per bevande dense come il frappé o la granita). Per salvaguardare l'igiene sono disponibili anche cannucce imbustate singolarmente. Nonostante le prime cannucce fossero dritte, successivamente si sono diffuse cannucce la cui estremità superiore è ripiegabile di 180 gradi grazie a delle pieghe: questo consente loro di occupare meno spazio e di offrire una maggiore comodità di utilizzo.

Cannucce piegabili
Una bibita con cannuccia

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

cucina Portale Cucina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cucina