Canis lupus campestris

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Lupo delle steppe[1]
MSU V2P1a - Canis lupus campestris.png
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Ordine Carnivora
Famiglia Canidae
Genere Canis
Specie C. lupus
Sottospecie C. l. campestris
Nomenclatura trinomiale
Canis lupus campestris
Dwigubski, 1804
Sinonimi

C. l. bactrianus Laptev, 1929
C. l. cubanenesis Ognev, 1923
C. l. desertorum Bogdanov, 1882

Il lupo delle steppe (Canis lupus campestris Dwigubski, 1804) è una sottospecie di lupo grigio originaria delle steppe pre-caspiche, delle regioni steppiche del Caucaso, della regione del Volga inferiore, del Kazakistan meridionale (dove si spinge a nord fino al medio corso dell'Emba), dei pre-Urali settentrionali e delle steppe europee dell'ex Unione Sovietica. Si incontra anche nell'Afghanistan settentrionale e in Iran e, talvolta, nelle steppe di Romania e Ungheria[2].

Il lupo delle steppe è una sottospecie di medie dimensioni, dal peso di 35 – 40 kg; è un po' più piccolo, quindi, del lupo eurasiatico ed ha pelo più rado, grossolano e corto. I fianchi sono grigio chiaro e il dorso grigio-ruggine o marroncino con un gran numero di peli neri. I peli di guardia sul garrese non superano i 70 – 75 mm. La pelliccia dei lupi delle steppe dell'Asia centrale e del Kazakistan tende ad assumere toni più rossastri. La coda è poco folta. Il cranio è lungo 224 – 272 mm e largo 128 - 152[2] .

Occasionalmente i lupi delle steppe uccidono più foche del Caspio di quante ne riescano a divorare[3].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) D.E. Wilson e D.M. Reeder, Canis lupus campestris in Mammal Species of the World. A Taxonomic and Geographic Reference, 3ª ed., Johns Hopkins University Press, 2005, ISBN 0-8018-8221-4.
  2. ^ a b Mammals of the Soviet Union Vol.II Part 1a, SIRENIA AND CARNIVORA (Sea cows; Wolves and Bears), V.G Heptner and N.P Naumov editors, Science Publishers, Inc. USA. 1998. ISBN 1-886106-81-9
  3. ^ Rumyantsev, V. D. and L. S. Khuraskin. 1978. New data on the mortality of the Caspian seal due to wolves. Page 187 in Congress of the All-Union Theriological Society, 2nd (P. A. Panteleev, et al. eds.). Nauka, Moscow, USSR. ZR 116(19):5669
mammiferi Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi