Candoluminescenza

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La Candoluminescenza è la luce data da certi materiali portati ad elevate temperature (usualmente quando esposti alla fiamma) con una intensità a determinate lunghezze d’onda che può essere più alta dell’emissione del corpo nero incandescente alla stessa temperatura.[1]

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Il fenomeno si nota in certi metalli di transizione e terre rare, ossidi di metallo (ceramici) come l'ossido di zinco e ossido di cerio o diossido di torio.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ H.F. Ivey, "Candoluminescence and radical-excited luminescence," Journal of Luminescence 8:4, pp. 271–307 (1974)

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]