Canale alfa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Immagine che sfrutta il canale alfa

Per la rappresentazione dei colori nelle immagini digitali vengono utilizzati diversi canali sovrapposti. Il canale alfa (o secondo l'uso inglese alpha) è un canale aggiuntivo (non obbligatorio e non sempre presente), che descrive il grado di trasparenza/opacità (con un valore numerico variabile a seconda dei file grafici utilizzati) di ogni determinato pixel.

Il canale alfa può essere utilizzato anche per creare delle maschere.

Formati[modifica | modifica wikitesto]

I formati immagine più popolari che supportano il canale alfa sono PNG e TIFF, mentre il JPEG anche se popolare non lo utilizza; GIF supporta la trasparenza ma non il canale alfa. Il canale alpha è presente in alcuni codec video, come ad esempio Animation e Prores4444 del formato QuickTime, o nel codec multiformato Techsmith.

Un formato immagine molto popolare è il BMP che generalmente non supporta questo canale, ma che in diversi formati come il 32bit (888-8) o il 16bit (444-4) è possibile salvare il canale alfa, anche se non tutti i sistemi o programmi sono in grado di leggerlo, infatti è relegato principalmente per i videogiochi o applicazioni[1][2], per la creazione di queste immagini BMP con canale alfa sono stati anche creati programmi specifici.[3][4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Creating Textures
  2. ^ Extended Formats
  3. ^ AlphaConv
  4. ^ DXTBmp
informatica Portale Informatica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di informatica