Campione d'Italia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Campione d'Italia
comune
Campione d'Italia – Stemma Campione d'Italia – Bandiera
Campione d'Italia – Veduta
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Lombardia-Stemma.svg Lombardia
Provincia Provincia di Como-Stemma.png Como
Amministrazione
Sindaco Maria Paola Mangili Piccaluga (lista civica) dal 29-5-2007
Territorio
Coordinate 45°58′15″N 8°58′15″E / 45.970833°N 8.970833°E45.970833; 8.970833 (Campione d'Italia)Coordinate: 45°58′15″N 8°58′15″E / 45.970833°N 8.970833°E45.970833; 8.970833 (Campione d'Italia)
Altitudine 273 m s.l.m.
Superficie 2,60 km²
Abitanti 2 067[1] (28-02-2014)
Densità 795 ab./km²
Frazioni Cavernago, Castello, Cottima, Fornace, Fornaci, Ori, Posero, Sasso del Cane, Scirèe, Scigogna, Valdancio
Comuni confinanti Arogno (CH-TI), Bissone (CH-TI), Lugano (CH-TI), Melide (CH-TI), Paradiso (CH-TI)
Altre informazioni
Cod. postale 22060 dall'Italia
6911 dalla Svizzera
CH-6911 e I-22060 dal resto del mondo
Prefisso dalla Svizzera 091
dal resto del mondo (Italia compresa) +41-91
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 013040
Cod. catastale B513
Targa TI (Svizzera)
Cl. sismica zona 4 (sismicità molto bassa)
Nome abitanti campionesi
Patrono san Zenone
Giorno festivo 12 aprile
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Campione d'Italia
Posizione del comune di Campione d'Italia all'interno della provincia di Como
Posizione del comune di Campione d'Italia all'interno della provincia di Como
Sito istituzionale

Campione d'Italia[2] (in dialetto ticinese Campion d'Italia) è un comune italiano di 2 067 abitanti[3] della provincia di Como della regione Lombardia.

Costituisce un'exclave italiana nel territorio del Canton Ticino dentro la Svizzera, separata dal resto d'Italia dal lago di Lugano e dalle Alpi.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Toponimo[modifica | modifica sorgente]

La denominazione storica della località è Campione, etimo dovuto alla presenza di un castello fortificato d'epoca tardo-romana che prese il nome di Castello di Campiglio o Campilionum. L'attuale composizione del nome fu autorizzata con Regio Decreto numero 1959 del 18 dicembre 1933 a seguito della domanda formulata in data 5 ottobre 1933 dal Podestà di Campione, in esecuzione della propria deliberazione del 10 giugno 1933, in cui si chiedeva l'autorizzazione a modificare la denominazione del comune in «Campione d'Italia»[4]

Età antica[modifica | modifica sorgente]

Le prime notizie storiche di insediamenti sulle coste del lago di Lugano risalirebbero al I secolo a.C. quando le guarnigioni romane vollero insediarvi un posto avanzato di guardia a causa della discesa dei Reti lungo le valli alpine. In mancanza di dati archeologici si può quindi solo ipotizzare che vi si costituì un borgo dedito all'agricoltura ed alla pesca lacustre.

Medioevo[modifica | modifica sorgente]

Durante il Medioevo Campione fu luogo di insediamento dei Longobardi. La successiva conversione al cristianesimo di questo popolo opera di papa Gregorio I Magno (540-604), aumentò il prestigio della Chiesa di Roma, che cominciò a ricevere lasciti e donazioni in quella zona. Proprio in questo clima di fervore si hanno le prime notizie testuali su Campione.

Il primo documento è datato 756 e riguarda la donazione di un uliveto in favore della locale basilica di San Zenone. Nel 769 vi è la donazione di un altro uliveto sempre alla stessa basilica. Una data fondamentale per la definizione dello status di Campione è il 777, anno in cui muore Totone da Campione, appartenente a una famiglia possidente locale di stirpe longobarda, che nel testamento nomina erede universale dei suoi terreni la chiesa e il monastero di Sant'Ambrogio[5] di Milano.

Il testamento di Totone, atto giuridico privato, mosso più da interessi economici che da vero sentimento religioso, ebbe conseguenze più che millenarie nella storia politica di Campione, anzitutto perché staccò quella terra dalla dipendenza del vescovo di Como. Inoltre da quella data Campione divenne un feudo dell'abbazia di Sant'Ambrogio di Milano, il che cambiò anche il suo status giuridico. Infatti la dominazione abbaziale si mantenne per circa nove secoli, mentre dal punto di vista politico questa signoria venne a costituire un'isola giurisdizionale, riconosciuta dall'impero ed in pratica una specie di territorio semi-indipendente, circondato dapprima dal territorio del ben più vasto Ducato di Milano, e poi dai baliaggi conquistati dagli Svizzeri agli inizi del XVI secolo e che in seguito formarono l'attuale Canton Ticino.

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Feudi imperiali.

A partire dall'editto di re Rotari Campione fu la culla di una serie praticamente ininterrotta di lapicidi, plasticatori, pittori, capomastri, architetti e ingegneri attivi nei principali centri della Lombardia storica, conosciuti nella storia dell'arte come di Maestri Campionesi.

Campione seguirà poi le vicende del Milanese, entrando nell'orbita della signoria dei Visconti e del Ducato di Milano sin a partire dalla sua fondazione nel 1395, pur mantenendo sempre però il suo status di autonomia, quale feudo imperiale concesso agli abati di Sant'Ambrogio di Milano.

Età moderna[modifica | modifica sorgente]

Nel 1521 tutto l'attuale Canton Ticino venne occupato dai cantoni confederati svizzeri. Lo status giuridico di Campione, quale feudo imperiale concesso agli abati ambrosiani, preservò però il suo territorio dall'annessione alla Svizzera, ponendo così le premesse alla sua costituzione come exclave italiana in territorio elvetico.

Nel 1596 alcuni documenti ci narrano di dispute di confine con Arogno. In quell'occasione il limitrofo comune svizzero accusava Campione di aver manomesso e fatto scomparire alcuni termini del confine di stato. La conferma della sentenza condannava i campionesi alla ridemarcazione del confine con il risarcimento pecuniario dell'operazione.

Gli obblighi dei campionesi nei confronti dell'abate milanese erano sanciti da statuti che vennero pubblicati solo nel 1639. Per quanto riguarda il territorio questi statuti prevedevano la nullità di donazioni operate a qualunque titolo ed in qualsiasi forma da abitanti di Campione in favore di stranieri. Tali transazioni acquistavano validità solo se entro un anno il nuovo proprietario eleggeva la sua residenza nel feudo. Tali norme dovevano anche preservare l'integrità territoriale del feudo.

La prima rilevazione catastale della zona di Como e territori adiacenti avvenne nel 1718 sotto l'imperatore Carlo VI (1685-1740) che, tra alterne vicende, fu pubblicata sotto l'imperatrice Maria Teresa (1717-1780) il 1º gennaio 1760 e passò alla storia con il nome di Catasto Teresiano. Una seconda rilevazione avvenne nella prima metà del XIX secolo e fu chiamata catasto Lombardo-Veneto.

L'arco d'ingresso a Campione in Piazza Indipendenza al confine tra Italia e Svizzera

Età contemporanea[modifica | modifica sorgente]

Dopo oltre nove secoli quale feudo imperiale semi-indipendente, con l'invasione francese del 1797 che fece mancare la protezione della Chiesa e dell'Impero, il 2 febbraio 1797 il territorio di Campione fu incorporato nella Repubblica Cisalpina. Per suffragare tale azione i francesi indissero un finto plebiscito per avvalorare l'intento di aiutare i campionesi. A seguito della debellatio della Repubblica Cisalpina da parte della coalizione austro-russa del 1799, vi fu l'occupazione austriaca ed il 14 novembre dello stesso anno si proclamò la decadenza dell'autorità feudale.

Restaurata la Repubblica Cisalpina nel 1800, essa fu trasformata in Repubblica Italiana nel 1801. Con la Repubblica Cisalpina, il territorio di Campione fu unito per la parte civile alla Val d'Intelvi, Dipartimento del Lario, Mandamento di San Fedele e più tardi Mandamento di Castiglione; per la parte ecclesiastica, invece, alla pieve di San Mamete in Valsolda compresa nella Diocesi di Milano.

Una delle ragioni per cui fu mantenuta l'unione di Campione alla Diocesi di Milano, escludendolo da quella di Como, fu data dall'ultimo vicario Carboni, che, interpellato dall'arcivescovo di Milano e dal vescovo di Como, ottenne di risolvere amichevolmente la questione: non per la secolare attinenza al rito ambrosiano, ma per la maggior durata del carnevale ambrosiano, alla quale i campionesi non erano disposti a rinunciare.

Dopo la proclamazione dell'Impero francese nel 1804, la Repubblica italiana divenne il Regno d'Italia con la corona a Napoleone. In questi eventi Campione seguì le sorti dei territori lombardi e fu rioccupata dai francesi. Forse approfittando della situazione di dominazione, i Cantoni svizzeri iniziarono a rivendicare il territorio di Campione, ma un referendum respinse l'annessione. Nel 1800 la Confederazione svizzera aveva proposto lo scambio di Campione con il villaggio di Indemini, situato tra il lago di Lugano ed il lago Maggiore, ma la questione non ebbe seguito.

Nel 1814 il Canton Ticino chiese ufficialmente all'Alta Dieta federale di offrire i suoi buoni uffici nei lavori del Congresso di Vienna (1814-1815) ove la delegazione svizzera richiese, ancora senza successo, l'unificazione al Canton Ticino di Campione. Nel 1815, a seguito della sconfitta di Napoleone, la Lombardia passò sotto il governo degli austriaci divenendo il Regno Lombardo-Veneto e Campione ne seguì le sorti rientrando nella provincia di Como.

Dopo le Cinque Giornate di Milano (marzo 1848) e lo scoppio della prima guerra di indipendenza italiana (marzo-agosto 1848) furono, per la prima volta, i campionesi a chiedere (29 marzo 1848) al governo svizzero l'annessione, essendo oramai probabile una loro unione al Regno di Sardegna in caso di occupazione del Regno Lombardo-Veneto. Il 9 maggio 1848 il governo ticinese chiese l'appoggio del Gran Consiglio per avvalorare la richiesta, considerando che:

« per il Ticino è un inconveniente gravissimo l'avere sul suo territorio una terra non sua, nella quale possono essere gittati più armati: l'accesso al quale può dar luogo a movimenti di truppe inquietanti sul lago di Lugano. È un inconveniente grave per il Ticino l'avere continua contestazione sulla giurisdizione lacuale e persino sopra una parte della strada postale tra Lugano e Melide»

Il governo della Confederazione elvetica, dopo aver vagliato attentamente la richiesta, la respinse per opportunità politica al fine di conservare la dichiarata neutralità. Terminata la dominazione austriaca con la seconda guerra di indipendenza italiana e la costituzione del Regno d'Italia nel 1861, i due governi decisero una revisione della linea di confine delimitata con molte difficoltà con il Trattato di Varese del 1752. Tali trattative portarono alla Convenzione del 5 ottobre 1861 con la quale, per quanto riguarda Campione, veniva ceduto alla Svizzera, in via definitiva, il territorio della Costa di San Martino e della Casaccia, situati sulla riva opposta a Campione.

Dal 1861 il territorio di Campione non subì ulteriori variazioni e nel 1923 la nuova demarcazione migliorò semplicemente quella del secolo passato.

Il Novecento[modifica | modifica sorgente]

Nel 1933, in pieno Fascismo, ecco comparire la dicitura d'Italia all'interno del toponimo comunale e la fondazione del casinò. Dopo l'armistizio del 1943, Campione inizialmente è governata dalla Repubblica Sociale, ma nel 1944 un gruppo di cittadini, inclusi i carabinieri locali, ripristina l'autorità del Regno d'Italia. A causa dell'isolamento territoriale, i nazifascisti non saranno in condizione di riprendere il comune. Con l'avvento della Repubblica, il territorio di Campione d'Italia costituisce un comune della provincia di Como.

Il villaggio ha subito un forte sviluppo edilizio residenziale e turistico, in particolare dopo l'apertura del casinò municipale; completamente riedificato nel 1999 su progetto dell'architetto ticinese Mario Botta definito dalla critica un "ecomostro" per l'imponente cubatura spigolosa[6].

Stemma[modifica | modifica sorgente]

Lo stemma araldico è così composto: uno scudo sannitico moderno partito. Nel primo settore, d'oro, c'è il pastorale d'argento; nel secondo, rosso, c'è la mano tagliata brandente una sferza di cinque corde di cuoio (staffile). In capo, d'argento, c'è la chiocciola. Questo, grazie alla concessione dell'allora Presidente della repubblica Oscar Luigi Scalfaro dell'8 gennaio 1997.

Interpretazione dello stemma:

  • il pastorale allude al periodo in cui la località era feudo dell'abate di Sant'Ambrogio a Milano,
  • la mano con la sferza è il tradizionale attributo del santo patrono milanese per la sua opera di custode e difensore della fede contro gli Ariani (rappresentato nell'atto di sferzare gli eretici anche nel gonfalone del comune di Milano),
  • la chiocciola alluderebbe alla fantasiosa derivazione da CAMPUS HELICEUS (“campo delle chiocciole” dal latino “helice” e dal greco “helix”: chiocciola, appunto), in altri casi è stata associata ai maestri campionesi che si portavano dietro i loro beni (conchiglia) e che lasciavano il segno ovunque andassero, grazie alle loro opere ed a i loro lavori.

Lo scudo è accompagnato da un nastro con la scritta COMMUNITAS CAMPILIONI, da Campilia (a sua volta derivato da campus) insieme di appezzamenti di terra coltivabili.

Personalità[modifica | modifica sorgente]

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica sorgente]

Per la storia della diffusione della fede cattolica vedi anche[7].

Sagrato della chiesa di Santa Maria dei Ghirli e il Monte San Salvatore

Architettura religiosa[modifica | modifica sorgente]

  • La chiesa di San Zenone, documentata dal 756, fu fondata dalla famiglia di Totone; ricostruita nel XIV secolo, trasformata secondo lo stile barocco nel XVIII secolo e sconsacrata dal 1967 (adibita a galleria per l’esposizione di mostre artistiche). Si trova invece in viale Marco da Campione la nuova chiesa parrocchiale di San Zenone, un monumentale edificio moderno con chiesa inferiore e slanciato campanile, realizzato nel biennio 1966-1967 da Mario Salvadè con copertura in cemento armato precompresso; il fonte battesimale del 1576 proviene dall’antica parrocchiale.
  • La chiesa di Santa Maria dei Ghirli, meta di pellegrinaggio, su un terrazzo direttamente raggiungibile dal lago mediante una monumentale scalinata doppia di quattro rampe, contiene importanti cicli di affreschi databili dal secolo XIII fino al secolo XVIII.
  • La chiesa-oratorio di San Pietro, in piazza Roma, documentato dal 1148, è posta all’entrata dell'antico centro del borgo. Indagini archeologiche condotte nel 1994 hanno appurato le origini medievali della fondazione. Lo scavo ha permesso di individuare cinque fasi d'uso. In età altomedievale l'area venne adibita a necropoli e nel VIII secolo su di essa fu edificata una chiesa dedicata ai santi Nazario e Vittore con funzione cimiteriale.

Società[modifica | modifica sorgente]

Evoluzione demografica[modifica | modifica sorgente]

Abitanti censiti[8]


Geografia antropica[modifica | modifica sorgente]

Exclave[modifica | modifica sorgente]

Campione d'Italia è un'exclave italiana circondata dal territorio svizzero ed è parte integrante dello Stato italiano, con una superficie di circa 2,6 km² (0,9 km² di terraferma e 1,7 km² di lago 'territoriale').

Il comune è fortemente integrato dal punto di vista economico con la Svizzera: si utilizza sia l'Euro che il Franco Svizzero, fa parte della rete telefonica svizzera Swisscom, appartiene ai sistemi postali elvetico (CH-6911) ed italiano (I-22060). Pur non facendo parte dell'area doganale svizzera, Campione è sottoposto al regime doganale elvetico, con relativa imposizione dell'IVA (8%) e delle accise, con decisione unilaterale delle Autorità elvetiche; questo ne fa una zona extradoganale, il cui status è oggetto di trattative in corso tra i due Stati.

Le targhe automobilistiche sono svizzere (TI) e non italiane. Le patenti nautiche ottenute a Campione hanno valore in Italia e in tutto il Canton Ticino.

Campione d'Italia ha la particolarità di essere un'exclave separata dal territorio italiano da un lago: non è possibile raggiungere l'Italia da Campione attraversando il lago di Lugano senza passare nelle acque territoriali svizzere, infatti l'Italia con il decreto del presidente della Repubblica numero 633/72 regola il proprio settore lacustre e lo definisce come acque italiane del lago di Lugano in regime di zona extradoganale, comportando la non applicazione della normativa doganale italiana in fatto di IVA al 22% e altre accise; bisogna inoltre ricordare come, in base al diritto internazionale, il Ceresio è equiparato alle acque territoriali così come definite dalla Convenzione di Montego Bay, e non alle acque interne come generalmente accade per i laghi.[9][10][11]

L'estensione del comune è molto esigua (la parte di terraferma è il doppio della Città del Vaticano) considerando che la conformazione orografica di forte pendenza rende possibile l'urbanizzazione su una superficie ancora minore. Infatti, la larghezza del territorio va dai pochi metri all'estremità nord ai circa 650 m (in linea d'aria) di quella meridionale con una variazione altimetrica di circa 324 m (dai 271 m al livello del lago ai 595 in corrispondenza del termine di confine). L'estensione lineare nord-sud del territorio è di circa 2,5 km.

La lunghezza della linea di confine è di circa 7 km dei quali 3,4 km terrestri. Il confine è considerato aperto, senza controlli di frontiera con barriere e/o casette doganali perché Campione d'Italia è sottoposto all'IVA elvetica.

In seguito a un accordo firmato il 7 settembre 2011 al municipio di Campione d'Italia dal sindaco Maria Paola Mangili Piccaluga e del presidente del Consiglio di Stato ticinese Laura Sadis e del Cancelliere di Stato Giampiero Gianella, si equiparano i cittadini residenti a Campione a quelli svizzeri, compresi coloro che sono domiciliati nei paesi confinanti ed è stata istituita una commissione paritetica permanente tra il comune di Campione e il Canton Ticino[12].

La sicurezza a Campione d'Italia è garantita dall'Arma dei Carabinieri e dalla Polizia Locale. È presente anche la Protezione Civile Italiana.

Economia[modifica | modifica sorgente]

Il casinò[modifica | modifica sorgente]

Campione è famosa per ospitare uno dei quattro casinò italiani (gli altri tre sono Venezia, Sanremo, Saint-Vincent), regolato da una legislazione risalente a prima della Seconda guerra mondiale, più favorevole rispetto a quella italiana e svizzera. Nel 2007 il casinò di Campione ha traslocato in un moderno edificio concepito dall'architetto ticinese Mario Botta.

Poste[modifica | modifica sorgente]

A seguito di un accordo con le poste svizzere, dal maggio 1944 l'ufficio postale di Campione d'Italia utilizzò propri francobolli. L'accordo restò in vigore fino al 31 maggio 1952[13].
Tuttora a Campione d'Italia è presente un Ufficio Postale gestito dal comune in cui sono effettuabili operazioni sia con Poste Italiane che con la Posta Svizzera.

Amministrazione[modifica | modifica sorgente]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
14 giugno 2004 28 maggio 2007 Roberto Salmoiraghi Sindaco
29 maggio 2007 in carica Maria Paola Mangili Piccaluga Lista Civica Sindaco

Sport[modifica | modifica sorgente]

A Campione d'Italia ha sede l'Associazione Polisportiva Campionese, attiva dal 1978 che gioca le partite casalinghe al centro sportivo comunale ed è l'unica squadra italiana di calcio a militare nel campionato svizzero in Quarta Lega l'A.P. Campionese è inoltre attiva nello sci, nella pallavolo, nel beach volley e nell'atletica. Tutte le squadre militano in Svizzera.

Ciclismo[modifica | modifica sorgente]

Il 20 maggio 1968 da Campione d'Italia ha preso il via il Giro d'Italia con il prologo a cronometro individuale vinto dal francese Charly Grosskost e il giorno dopo ha preso il via la tappa Campione d'Italia - Novara vinta dal belga Eddy Merckx.

Galleria fotografica[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2010.
  2. ^ Campione d'Italia in Dizionario storico della Svizzera. AA. VV., Dizionario di toponomastica. Storia e significato dei nomi geografici italiani, Milano, GARZANTI, 1996, p. 124.
  3. ^ Dato Istat al 31/12/2010
  4. ^ Gazzetta Ufficiale del Regno d'Italia, numero 34, parte prima, 10 febbraio 1934
  5. ^ Sant'Ambrogio in Dizionario storico della Svizzera.
  6. ^ Denny Lee - Quando l'architettura trasforma le città, ma anche Troppi ecomostri con firme illustri
  7. ^ Vaccaro, Chiesi, Panzera, 2003, 224, 225, 255nota, 287.
  8. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  9. ^ Territorialità dell'imposta Articolo 7 lettera a, modifica al decreto del presidente della repubblica 633/72 in vigore dal 04/10/2003
  10. ^ http://www.admin.ch/ch/i/rs/i7/0.747.225.1.it.pdf Convenzione fra la Svizzera e l'Italia per la disciplina della navigazione sul lago Maggiore e sul lago di Lugano 1992 e successive modifiche
  11. ^ http://documenti.camera.it/Leg16/Dossier/Testi/SA4590.htm#_ftnref1 Modifica della Convenzione Italia-Svizzera per la navigazione sul Lago Maggiore e sul Lago di Lugano del 28 settembre 2011
  12. ^ Campione, accordo con il Ticino - Residenti equiparati agli svizzeri
  13. ^ Lo strano caso dei francobolli di Campione d'Italia

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Virgilio Gilardoni, Il Romanico. Catalogo dei monumenti nella Repubblica e Cantone del Ticino, La Vesconta, Casagrande S. A., Bellinzona 1967, 27, 183, 184, 230, 240, 252, 260-262, 265, 376, 410, 415.
  • Bernhard Anderes, Guida d'Arte della Svizzera Italiana, Edizioni Trelingue, Porza-Lugano 1980, 323-326.
  • AA.VV., Il Santuario dei Ghirli in Campione d'Italia. Guida storico-artistica, Edizioni Pedrazzini, Locarno 1984.
  • Luciano Vaccaro, Giuseppe Chiesi, Fabrizio Panzera, Terre del Ticino. Diocesi di Lugano, Editrice La Scuola, Brescia 2003.
  • AA.VV., Guida d’arte della Svizzera italiana, Edizioni Casagrande, Bellinzona 2007, 359-362.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]