Campionato europeo della montagna

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Campionato europeo della montagna
Categoria Cronoscalate
Nazione Europa
Prima edizione 1930
Pilota campione
(2012)
Serbia Dusan Borkovic (gr. N)
Italia Simone Faggioli (gr. E2M)
Squadra campione
(2012)
Mitsubishi (gr. N)
Osella (gr. E2M)
Sito web ufficiale European Hillclimb Championship
Note Il campionato non si disputò per 23 edizioni tra il 1934 e il 1956

Il Campionato europeo della montagna, abbreviato in Italia come CEM e la cui denominazione ufficiale più recente in lingua inglese è FIA European Hill Climb Championship, è una competizione automobilistica organizzata dalla Federazione Internazionale dell'Automobile, basata su una serie di cronoscalate.

Storia in breve[modifica | modifica wikitesto]

Hans Stuck vincitore della prima edizione nel 1930

È la massima espressione europea della velocità in salita, e per questo motivo è un campionato molto combattuto ma anche prestigioso, che tra l'altro ha radici antiche, poiché risale agli anni trenta.

La prima edizione si disputò nel 1930 organizzata dall'AIACR, e prevedeva due categorie di veicoli, le vetture da corsa e le vetture sport, ossia auto realizzate appositamente per le competizioni come ad esempio l'Auto Union Tipo D quindi monoposto equivalenti alle attuali auto di Formula 1, e le vetture stradali sportive, dunque macchine ad elevate prestazioni ma concepite inizialmente per la libera circolazione.

Quell'anno il titolo delle auto da corsa, andò ad Hans Stuck sull'Austro-Daimler, e quello della categoria sport a Rudolf Caracciola con la Mercedes-Benz. Nel 1931 Juan Zanelli si assicurò la vittoria nella categoria estrema con la Nacional-Pescara, mentre Caracciola e la Mercedes bissarono il risultato dell'anno prima nella categoria sport.

Nel 1932 e 1933, vi fu un dominio dell'Alfa Romeo che ottenne tre titoli in due anni, ossia due campionati per vetture da corsa con Caracciola e Carlo Felice Trossi, e un campionato sport nel 1933 con Mario Tadini. La Mercedes si aggiudicò per il terzo anno di fila, il campionato sport, con la vittoria di Hans Stuck nel 1932.

Dopo il 1933, per via della situazione internazionale complessa e una struttura organizzativa non ancora ai livelli odierni, il campionato non venne più disputato fino al 1958.

Principali regole[modifica | modifica wikitesto]

Il campionato prevede una serie di gare di velocità in salita, disputate su strade montane (di solito statali). Il percorso non è dunque un circuito, ma si snoda da una valle fino alla vetta (o comunque a una certa altezza), di un monte o un colle.

I partecipanti partono singolarmente, ad intervalli di tempo prefissati tra uno e l'altro, perciò non sono direttamente in competizione. Vince chi percorre nel minor tempo, il percorso.

Le norme che regolano il campionato odierno, come detto, sono emanate dalla FIA e prevedono due categorie di vetture, che a loro volta sono suddivise in subcategorie[1].

La cosiddettà Categoria I, raggruppa le vetture turismo e comprende le seguenti suddivisioni:

Gruppo Descrizione Esempio
Gruppo N Sono vetture di normale produzione, che non possono essere modificate nella meccanica, nel telaio, nell'aerodinamica e nell'elettronica, ma solo ed esclusivamente per quanto concerne l'equipaggiamento e le strutture di sicurezza, affinché siano compatibili con le omologazioni richieste dalla Federazione ed assicurino un livello di protezione adeguato al pilota. Subaru Impreza WRX STi N11-2004 Cyprus Rally 001.jpg
Gruppo Descrizione Esempio
Gruppo A Sono vetture turismo da competizione, con caratteristiche spiccatamente sportive ed in alcuni casi estremi.

Sono comunque auto di derivazione da quelle di serie, riviste in maniera profonda ed in taluni casi estremo, rientrano in questa categoria vetture quali le WRC e le Super 1600.

Markku Alén - 1987 RAC Rally.jpg
Gruppo Descrizione Esempio
Gruppo SP Sono vetture di serie riviste soprattutto nella meccanica e in piccola parte nell'elettronica, normalmente vengono prodotte in larga scala, acquistate dai vari team e preparatori e poi modificate.

Anch'esse comunque devono rispettare vincoli abbastanza stretti. Sono più performanti delle Gruppo N, ma raramente più delle Gruppo A.

Steven goldstein nurburing circuit audi.jpg
Gruppo Descrizione Esempio
Gruppo S20 Fanno parte di questa classificazione tutte le auto con cilindrata di 2000 centimetri cubici, aspirazione naturale e quattro ruote motrici.

Sono più performanti delle Gruppo N, ma anche di molte auto del Gruppo A. Una caratteristica abbastanza anomala, poiché a differenza di queste ultime due, hanno molti più vincoli da rispettare, ossia il numero di rapporti e il tipo di cambio di velocità, il regime massimo di rotazione del motore in funzione del suo numero di cilindri, l'impossibilità di disporre di ausili alla guida elettronici, nonché dell'utilizzo di sospensioni differenti dal tipo McPherson. Inoltre hanno anche un prezzo massimo stabilito dalla Federazione e devono essere strettamente derivate dai modelli di serie, i quali devono essere stati prodotti in almeno 2500 esemplari nell'anno precedente alla realizzazione della Gruppo S20. A questo gruppo appartengono anche le vetture che partecipano al World Touring Car Championship, che si differenziano dalle prime per il fatto che la trazione integrale è vietata.

Peugeot 207 S2000 hun.jpg
Gruppo Descrizione Esempio
Gruppo GT Si tratta di automobili Granturismo da competizione, quindi macchine estremamente potenti, anch'esse derivate dai modelli di serie.

A loro volta vengono classificate come GT1, GT2 e GT3, a seconda delle caratteristiche tecniche e del livello di prestazioni fornite. Tuttavia sono più a loro agio negli autodromi che nelle cronoscalate, infatti dagli anni settanta in poi, difficilmente riescono ad imporsi su tutti i rivali, soffrendo nel confronto coi prototipi (gruppo CN), costruiti appositamente per le crono.

997GT3Cup.jpg

La Categoria II invece, comprende due sole classi:

Gruppo Descrizione Esempio
Gruppo CN È la categoria dei cosiddetti prototipi o sport-prototipi.

È una classificazione ibrida, poiché prevede l'utilizzo di scocche estreme, che non possono prendere parte alla libera circolazione, ma possono essere equipaggiate solo con motori di Gruppo N, dunque di serie, non modificabili, la cui cilindrata massima è fissata in 3000 cm³, e il frazionamento non può superare i 6 cilindri. Nonostante la presenza del Gruppo D/E2, le cui vetture sono le più prestanti in assoluto tra quelle partecipanti alle cronoscalate, le Gruppo CN sono sempre protagoniste e nella maggior parte dei casi si aggiudicano la vittoria.

Osella PA20S BMW.JPG
Gruppo Descrizione Esempio
Gruppo D/E2 Sono macchine decisamente estreme, pensate più che altro per le gare di velocità su pista, ma opportunamente messe a punto riescono ad essere guidate anche sulle strade delle crono.

Il loro grosso limite sta nell'altezza da terra, l'escursione e la rigidità delle sospensioni, che non si addice alle asperità delle normali strade montane. La potenza erogata è notevole così come l'accelerazione e la velocità massima, a volte nell'ordine dei 300 km/h. Uno dei principali (e pochi) vincoli che hanno, risiede nella cilindrata, che non deve superare i 3000 cm³. Sostanzialmente le auto che rientrano in questa categoria sono, vetture di Formula a livello internazionale, perlopiù Formula 3 e Formula 3000. Recentemente però, L'Osella ha sviluppato una vettura, la FA30, che partendo dalle basi di una vettura Sport, quindi con un telaio pensato per le salite, recepisce le caratteristiche di potenza delle monoposto. Si tratta sostanzialmente di una monoposto a ruote coperte.

Fórmula 3000 (Fernado Alonso)01.jpg

Calendario[modifica | modifica wikitesto]

Le prove si svolgono in varie nazioni europee e comprendono delle gare classiche con numerose edizioni già disputate; in Italia ad esempio si svolgono fin dagli anni sessanta la Rieti-Terminillo e dagli anni cinquanta la Trento-Bondone.

Il trofeo assegnato nel 2010

Albo d'oro[modifica | modifica wikitesto]

Dal 1930 al 1982[modifica | modifica wikitesto]

Dopo il 1933, per via del conflitto mondiale e della scarsa organizzazione, il campionato non venne più disputato fino al 1957. Durante i primi anni, ossia dal 1930 al 1933, esistevano due categorie, quella delle Vetture da corsa e quella delle Vetture Sport. La prima è l'equivalente dell'attuale Categoria II, e per essere più precisi del Gruppo D/E2, mentre la seconda equivale all'odierna Categoria I.

Dal 1957 al 1959, non vi erano classi o categorie. Vigeva quindi un regime di formula libera.

Dal 1960 al 1969, la Categoria I era chiamata Categoria GT, mentre la Categoria II era chiamata Categoria Sport. Vi fu una modifica solo nel 1968 e 1969, quando era indicata con la denominazione Categoria Prototipi.

Nel biennio 1970-'71, venne introdotta la dicitura Categoria A (l'attuale Categoria I), mentre la Categoria II era indicata come Categoria Sport.

Dal 1972 al 1977, la Categoria I veniva denominata Categoria A, mentre la Categoria II, Categoria B. Dal 1978 al 1982, la Categoria I era denominata Categoria I-II, mentre la Categoria più estrema ossia la Categoria II, prendeva il nome di Categoria III.

Stagione Classe Vincitore Scuderia
1930 Vetture da corsa Germania Hans Stuck Austro-Daimler
Sport Germania Rudolf Caracciola Mercedes-Benz
1931 Vetture da corsa Cile Juan Zanelli Nacional-Pescara
Sport Germania Rudolf Caracciola Mercedes-Benz
1932 Vetture da corsa Germania Rudolf Caracciola Alfa Romeo
Sport Germania Hans Stuck Mercedes-Benz
1933 Vetture da corsa Italia Carlo Felice Trossi Alfa Romeo
Sport Italia Mario Tadini Alfa Romeo
1934-1956 Non disputato
1957 Sport Svizzera Willy Peter Daetwyler Maserati
1958 Sport Germania Wolfgang Von Trips Porsche RSK
1959 Sport Germania Edgar Barth Porsche RSK
1960 Gran turismo Germania Huschke von Hanstein Porsche
Sport Flag of Switzerland (Pantone).svg Heini Walter Porsche RSK
1961 Gran turismo Flag of Switzerland (Pantone).svg Heinz Schiller Porsche Carrera
Sport Flag of Switzerland (Pantone).svg Heini Walter Porsche FS
1962 Gran turismo Flag of Switzerland (Pantone).svg Hans Kuhnis Porsche Carrera
Sport Flag of Italy.svg Ludovico Scarfiotti Ferrari
1963 Gran turismo Flag of Switzerland (Pantone).svg Herbert Muller Porsche Abarth
Sport Germania Edgar Barth Spyder 718 W-RS
1964 Gran turismo Flag of Switzerland (Pantone).svg Heini Walter Porsche 904 GTS
Sport Germania Edgar Barth Porsche 904
1965 Gran Turismo Flag of Switzerland (Pantone).svg Herbert Muller Porsche Abarth
Sport Flag of Italy.svg Ludovico Scarfiotti Ferrari Dino 206 SP
1966 Gran turismo Germania Eberhard Mahle Porsche 911
Sport Germania Gerhard Mitter Porsche
1967 Gran turismo Germania Anton Fischhaber Porsche
Sport Germania Gerhard Mitter Porsche
1968 Gran turismo Germania Holger Zarges Porsche 911 T
Prototipi Germania Gerhard Mitter Porsche
1969 Gran turismo Germania Seep Greger Porsche 911 T
Prototipi Flag of Switzerland (Pantone).svg Peter Schetty Ferrari 212E
1970 Categoria A Flag of Switzerland (Pantone).svg Claude Haldi Porsche 911
Sport Flag of Austria.svg Johannes Ortner Fiat Abarth
1971 Categoria A Germania Wilhelm Bartels Porsche
Sport Flag of Austria.svg Johannes Ortner Fiat Abarth
1972 Categoria A Germania Anton Fischhaber Porsche
Categoria B Flag of Switzerland (Pantone).svg Xavier Perrot March 722 F2
1973 Categoria A Germania Seep Greger Porsche Carrera
Categoria B Flag of France.svg Jimmy Mieusset March 722 F2
1974 Categoria A Germania Anton Fischhaber Porsche
Categoria B Flag of France.svg Jimmy Mieusset March 722 F2
1975 Categoria A Flag of Switzerland (Pantone).svg Jean Claude Bering Porsche 911
Categoria B Flag of Austria.svg Willy Siller BMW 2002
1976 Categoria A Flag of Switzerland (Pantone).svg Jean Claude Bering Porsche 911
Categoria B Flag of Italy.svg Mauro Nesti Lola BMW
1977 Categoria A Germania Heinz-Jurgen Pohlmann Ford Escort RS
Categoria B Flag of Italy.svg Mauro Nesti Lola BMW
1978 Categoria I-II Flag of France.svg Jacques Almeras Porsche 934 Turbo
Categoria III Flag of France.svg Jean Marie Almeras Porsche 935
1979 Categoria I-II Flag of France.svg Jacques Almeras Porsche 934 Turbo
Categoria III Flag of France.svg Jean Marie Almeras Porsche 935
1980 Categoria I-II Flag of France.svg Jacques Almeras Porsche 934 Turbo
Categoria III Flag of France.svg Jean Marie Almeras Porsche 935
1981 Categoria I-II Germania Herbert Stenger Ford Escort RS
Categoria III Flag of France.svg Jean Louis Bos Lola T298 BMW
1982 Categoria I-II Flag of France.svg Jacques Guillot Porsche 930 Turbo
Categoria III Germania Herbert Stenger Ford Capri Turbo

Dal 1983 ad oggi[modifica | modifica wikitesto]

La Categoria I e la Categoria II, sono attive dal 1983 ai giorni nostri.

Stagione Classe Vincitore Scuderia
1983 Categoria I Germania Rolf Goering BMW M1 (Gr. 4)
Categoria II Flag of Italy.svg Mauro Nesti Osella PA9-BMW (Gr. 6)
1984 Categoria I Germania Rolf Goering BMW M1 (Gr. B)
Categoria II Flag of Italy.svg Mauro Nesti Osella PA9-BMW (Gr. 6)
1985 Categoria I Flag of France.svg Francis Dosieres BMW 635 CSi (Gr. A)
Categoria II Flag of Italy.svg Mauro Nesti Osella PA9-BMW (Gr. 6)
1986 Categoria I Flag of Switzerland (Pantone).svg Claude Francois Jeanneret Audi quattro A2 (Gr. B)
Categoria II Flag of Italy.svg Mauro Nesti Osella PA9-BMW (Gr. 6)
1987 Categoria I Flag of Switzerland (Pantone).svg Claude Francois Jeanneret Audi quattro A2 (Gr. B)
Categoria II Flag of Italy.svg Mauro Nesti Osella PA9-BMW (Gr. C3)
1988 Categoria I Flag of France.svg Giovanni Rossi Renault 5 Maxi Turbo (Gr. B)
Categoria II Flag of Italy.svg Mauro Nesti Osella PA9-BMW (Gr. C3)
1989 Categoria I Flag of France.svg Francis Dosieres BMW M3 E30 (Gr. A)
Categoria II Flag of Spain.svg Andres Vilarino Lola T298-BMW (Gr. C3)
1990 Categoria I Flag of France.svg Francis Dosieres BMW M3 E30 (Gr. A)
Categoria II Flag of Spain.svg Andres Vilarino Lola T298-BMW (Gr. C3)
1991 Categoria I Flag of Spain.svg Ioaki Goiburu BMW M3 E30 (Gr. A)
Categoria II Flag of Spain.svg Andres Vilarino Lola T298-BMW (Gr. C3)
1992 Categoria I Flag of France.svg Francis Dosieres BMW M3 E30 (Gr. A)
Categoria II Flag of Spain.svg Andres Vilarino Lola T298-BMW (Gr. C3)
1993 Categoria I Flag of France.svg Francis Dosieres BMW M3 E30 (Gr. A)
Categoria II Flag of Spain.svg Francisco Egozkue Osella PA9/90-BMW (Gr. C3)
1994 Categoria I Flag of the Czech Republic.svg Josef Kopecky Ford Escort RS Cosworth (gr. N)
Categoria II Flag of Spain.svg Francisco Egozkue Osella PA9/90-BMW (Gr. C3)
1995 Categoria I Flag of the Czech Republic.svg Otakar Kramsky BMW M3 E30 (gr. A)
Categoria II Flag of Italy.svg Fabio Danti Lucchini P394M-BMW (gr. CN)
1996 Categoria I Flag of France.svg Bruno Houzelot Ford Escort RS Cosworth (gr. N)
Categoria II Flag of Italy.svg Fabio Danti Osella PA20S-BMW (gr. CN)
1997 Categoria I Flag of the Czech Republic.svg Otakar Kramsky BMW M3 E36 (gr. A)
Categoria II Flag of Italy.svg Pasquale Irlando Osella PA20S-BMW (gr. CN)
1998 Categoria I Flag of the Czech Republic.svg Otakar Kramsky BMW M3 E36 (gr. A)
Categoria II Flag of Italy.svg Pasquale Irlando Osella PA20S-BMW (gr. CN)
1999 Categoria I Flag of Croatia.svg Niko Pulic BMW M3 E36 (gr. A)
Categoria II Flag of Italy.svg Pasquale Irlando Osella PA20S-BMW (gr. CN)
2000 Categoria I Flag of Croatia.svg Niko Pulic BMW M3 E36 (gr. A)
Categoria II Flag of Italy.svg Franz Tschager Osella PA20S-BMW (gr. CN)
2001 Categoria I Flag of Croatia.svg Niko Pulic BMW M3 E36 (gr. A)
Categoria II Flag of Italy.svg Franz Tschager Osella PA20S-BMW (gr. CN)
2002 Categoria I Flag of Monaco.svg Piergiorgio Bedini Ford Escort RS Cosworth (gr. N)
Categoria II Flag of Italy.svg Franz Tschager Osella PA20S-BMW (gr. CN)
2003 Categoria I Rep. Ceca Robert Senkyr BMW M3 E36 (gr. A)
Categoria II Flag of Italy.svg Denny Zardo Osella PA20S-BMW (gr. CN)
2004 Categoria I Rep. Ceca Robert Senkyr BMW M3 E36 (gr. A)
Categoria II Flag of Italy.svg Giulio Regosa Osella PA20S-BMW (gr. CN)
2005 Categoria I Flag of Germany.svg Jorg Weidinger BMW M3 E36 (gr. N)
Categoria II Flag of Italy.svg Simone Faggioli Osella PA21S-Honda (gr. CN)
2006 Categoria I Flag of Germany.svg Jorg Weidinger BMW M3 E36 (gr. N)
Categoria II Flag of Italy.svg Giulio Regosa Lola T96/50 F3000 (Gr. D/E2)
2007 Categoria I Flag of the Czech Republic.svg Peter Jurena Mitsubishi Lancer Evo IX (Gr. N)
Categoria II Flag of Spain.svg Ander Vilarino Reynard 01L F3000 (Gr. D/E2)
2008 Categoria I Flag of the Czech Republic.svg Miroslav Jakes Mitsubishi Lancer Evo IX (Gr. N)
Categoria II Flag of France.svg Lionel Regal Reynard 01L F3000 (Gr. D/E2)
2009 Categoria I Rep. Ceca Vaclav Janik Mitsubishi Lancer Evo VIII (Gr. A)
Categoria II Flag of Italy.svg Simone Faggioli Osella FA30-Zytek (Gr. E2/M)
2010 Categoria I Flag of Germany.svg Roland Wanek Mitsubishi Lancer Evo IX (Gr. N)
Categoria II Flag of Italy.svg Simone Faggioli Osella FA30-Zytek (Gr. E2/M)
2011 Categoria I Slovenia Aleš Prek Mitsubishi Lancer Evo VIII (Gr. N)
Categoria II Italia Simone Faggioli Osella FA30-Zytek (Gr. E2/M)
2012 Categoria I Serbia Dusan Borkovic Mitsubishi Lancer Evo IX (Gr. N)
Categoria II Italia Simone Faggioli Osella FA30-Zytek (Gr. E2/M)

Statistiche dal 1983 ad oggi[modifica | modifica wikitesto]

Categoria I[modifica | modifica wikitesto]

Vittorie piloti


Vittorie costruttori


Vittorie costruttori

  • 22 vittorie
    Italia Osella
    • PA20S (9), PA9 (6), FA30 (4), PA9/90 (2), PA21S (1).
  • 5 vittorie
    Regno Unito Lola
    • T298 (3), T96/50 F3000 (1).
  • 2 vittorie
    Regno Unito Reynard
  • 1 vittoria
    Italia Lucchini
    • P394M (1).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (FR) Regolamento particolare standard per il campionato FIA europeo della montagna

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

automobilismo Portale Automobilismo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di automobilismo