Campionati del mondo di ciclismo su strada 2008 - Gara in linea femminile Elite

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Italia Gara in linea femminile Elite 2008
Edizione 51ª
Data 27 settembre
Partenza Varese
Percorso 138,8 km
Tempo 3h42'11"
Media 37,482 km/h
Ordine d'arrivo
Primo Regno Unito Nicole Cooke
Secondo Paesi Bassi Marianne Vos
Terzo Germania Judith Arndt
Cronologia
Edizione precedente
Stoccarda 2007
Edizione successiva
Mendrisio 2009

La Gara in linea femminile Elite dei Campionati del mondo di ciclismo su strada 2008 fu corsa il 27 settembre a Varese, Italia, per un percorso totale di 138,8 km. Fu vinta dalla britannica Nicole Cooke, che terminò la gara in 3h42'11".

Percorso[modifica | modifica wikitesto]

Questa gara consisteva in 8 giri del circuito cittadino di 17,35 km, per una distanza totale di 138,80 km. Partenza ed arrivo al Cycling Stadium di viale Ippodromo. Il percorso prevedeva un dislivello totale di 1816 m, grazie alle due salite che si alternanovano lungo il circuito: l'ascesa di via Montello, 1150 m con pendenza media del 6,5% ed una discesa tecnica, a poche centinaia di metri dalla partenza di ogni giro, e la salita dei Ronchi, 3130 m con una pendenza media del 4,5%, che termina a soli 3 km dal traguardo.[1]

Squadre e corridori partecipanti[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Partecipanti ai Campionati del mondo di ciclismo su strada 2008 - Gara in linea femminile Elite.
N. Cod. Squadra
1-6 ITA Italia Italia
7-12 NED Paesi Bassi Paesi Bassi
13-18 GER Germania Germania
19-24 USA Stati Uniti Stati Uniti
25-30 SWE Svezia Svezia
31-36 SUI Svizzera Svizzera
37-43 AUS Australia Australia
44-48 GBR Regno Unito Gran Bretagna
49-55 LTU Lituania Lituania
56-61 FRA Francia Francia
62-64 AUT Austria Austria
65-70 RUS Russia Russia
71-75 CAN Canada Canada
76-78 UKR Ucraina Ukraina
79-82 BEL Belgio Belgio
83-85 VEN Venezuela Venezuala
86-87 DEN Danimarca Danimarca
88-94 RSA Sudafrica Sud Africa
N. Cod. Squadra
95-100 ESP Spagna Spagna
101-103 NZL Nuova Zelanda Nuova Zelanda
104-109 POL Polonia Polonia
110-113 BRA Brasile Brasile
114-116 MEX Messico Messico
117-119 JPN Giappone Giappone
120-121 EST Estonia Estonia
122 KAZ Kazakistan Kazakistan
123-124 LUX Lussemburgo Lussemburgo
125-126 CZE Rep. Ceca Repubblica Ceca
127-129 BLR Bielorussia Bielorussia
130 NOR Norvegia Norvegia
131-134 IRL Irlanda Irlanda
135-136 SLO Slovenia Slovenia
137 SKT Saint Kitts e Nevis Saint Kitts and Nevis
138 SVK Slovacchia Slovacchia
139 GER Germania Germania[2]

Resoconto degli eventi[modifica | modifica wikitesto]

Partenza alle 13:00 dal Cycling Stadium e dopo poche centinaia di metri, una caduta all'inizio della salita di via Montello frazionò il gruppo e diede inizio ad una lunga fuga di 12 atlete, animata dall'americana Armstrong e dalle lituane Žiliūtė e Jolanda Polikevičiūtė. Nel gruppetto che guidò la corsa c'erano anche l'italiana Monia Baccaille, con il ruolo di stopper per le azzurre nel gruppo, e Nicole Cooke. Dopo 180 km di fuga, sull'ultima ascesa del Montello vennero raggiunte dal gruppo e la corsa si infiammò: fu uno scatto di Marianne Vos a scremare il gruppo delle pretendenti all'oro e lazione dell'olandese porto alla formazione un sestetto con le tedesche Arndt e Worrack, le svedesi Johansson e Ljungskog e la gallese Nicole Cooke. Dietro a queste si lanciò in un disperato inseguimento l'italiana Noemi Cantele, varesina di Arcisate, che provocò il boato del pubblico di casa, ma non riuscì a raggiungere le cinque ragazze in fuga (la Ljungskog forò e perse la testa della corsa). Sui Ronchi la Vos guadagnò 10", ma venne ripresa a 3,5 km dall'arrivo; seguirono gli attacchi della Worrack e della Johansson, entrambe riprese e tagliate fuori dalla lotta per il podio. Fu di nuovo Marianne Vos a lanciare la volata finale, attaccando ancor prima di entrare nel Cycling Stadium ma, esausta, venne raggiunta e superata a 30 metri dal traguardo da Nicole Cooke, che bissò così l'oro vinto a Pechino e conquistò la maglia iridata. Terza e medaglia di bronzo la tedesca Judith Arndt, bronzo anche nella gara a cronometro.[3][4]

Ordine d'arrivo (Top 10)[modifica | modifica wikitesto]

Pos. Corridore Squadra Tempo
1 Regno Unito Nicole Cooke Gran Bretagna 3h42'11"
2 Paesi Bassi Marianne Vos Paesi Bassi a 3"
3 Germania Judith Arndt Germania s.t.
4 Svezia Emma Johansson Svezia a 5"
5 Germania Trixi Worrack Germania a 11"
6 Lituania Diana Žiliūtė Lituania a 1'47"
7 Spagna Marta Vilajosana Spagna s.t.
8 Nuova Zelanda Joanne Kiesanowski Nuova Zelanda s.t.
9 Canada Alex Wrubleski Canada s.t.
10 Russia Julia Martisova Russia s.t.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Percorsi - Prove in linea, Varese2008.org. URL consultato il 02-10-2008.
  2. ^ La Germania sostituì la numero 17 Ina-Yoko Teutenberg con la numero 139 Charlotte Becker
  3. ^ Damiano Franzetti, Oro a Nicole Cooke, la principessa di Galles, varesenews.it, 27 settembre 2008. URL consultato il 03-10-2008.
  4. ^ Il Mondiale - Quotidiano di Varese iridata, ABGRAFICA, 28-09-2008. URL consultato il 03-10-2008.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]