Campionati del mondo di ciclismo su strada 1966

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Campionati del mondo di ciclismo su strada 1966
Competizione Campionati del mondo di ciclismo su strada
Sport Cycling (road) pictogram.svg Ciclismo su strada
Edizione 39ª
Organizzatore UCI
Date 28 agosto
Luogo Germania Ovest Nurburgring
Statistiche
Miglior nazione Paesi Bassi Paesi Bassi (1/2/0)
Gare 4
Cronologia della competizione
Left arrow.svg Lasarte-Oria 1965 Heerlen 1967 Right arrow.svg

I Campionati del mondo di ciclismo su strada 1966 si disputarono sul circuito del Nürburgring in Germania.

Furono assegnati tre titoli:

  • Prova in linea Donne, gara di 46,600 km
  • Prova in linea Uomini Dilettanti, gara di 182,400 km
  • Cronometro a squadre Uomini Dilettanti, gara di 100 km
  • Prova in linea Uomini Professionisti, gara di 273,720 km

Storia[modifica | modifica sorgente]

L'edizione del 1966 vedeva come principali pretendenti al titolo il tedesco Rudi Altig, argento nel 1965, i francesi Jacques Anquetil e Raymond Poulidor e la selezione italiana con Felice Gimondi, Gianni Motta, Michele Dancelli e Franco Bitossi. All'inizio dell'ultimo giro si formò un gruppo in testa alla corsa, tra cui otto sembravano essere i favoriti alla vittoria - i favoriti della vigilia Gimondi, Motta, Zilioli, Anquetil e Poulidor, cui si aggiungevano Jean Stablinski e i belgi Martin Van Den Bossche ed Eddy Merckx. Dal gruppo principale si staccò Altig che, spinto dal tifo del pubblico di casa, si lanciò all'inseguimento dei fuggitivi che raggiunse e superò, arrivando solo al traguardo. Altig fu favorito nella sua azione dalla collaborazione dell'ingenuo francese Lucien Aimar, che favorì il rientro del tedesco nel gruppo in cui vi erano i due suoi capitani.[1] Su settantaquattro corridori partiti, ventidue conclusero la prova.

Evert Dolman riportò il titolo dilettanti ai Paesi Bassi dieci anni dopo la vittoria di Frans Mahn nel 1956, mentre la cronometro a squadre fu vinta dalla Danimarca. Tra le donne tornò alla vittoria la belga Yvonne Reynders, al quarto titolo mondiale.

Medagliere[modifica | modifica sorgente]

Pos. Nazione Oro Argento Bronzo Riepilogo
1 Paesi Bassi Paesi Bassi 1 2 0 3
2 Danimarca Danimarca 1 0 1 2
3 Germania Ovest Germania Ovest 1 0 0 1
Belgio Belgio 1 0 0 1
5 Francia Francia 0 1 1 2
6 Regno Unito Regno Unito 0 1 0 1
7 Italia Italia 0 0 1 1
URSS URSS 0 0 1 1
Totale 4 4 4 12

Sommario degli eventi[modifica | modifica sorgente]

Eventi Oro Oro Tempo Argento Argento Tempo Bronzo Bronzo Tempo
Uomini Professionisti
Gara in linea
dettagli
Rudi Altig
Germania Ovest Germania Ovest
7h21'10"
Media 36,401 km/h
Jacques Anquetil
Francia Francia
s.t. Raymond Poulidor
Francia Francia
s.t.
Uomini Dilettanti
Gara in linea
dettagli
Evert Dolman
Paesi Bassi Paesi Bassi
4h59'43" Leslie West
Regno Unito Regno Unito
? Willy Skibby
Danimarca Danimarca
?
Cronometro a squadre
dettagli
Danimarca Danimarca
Blaudzun, Hansen, Hojlund, Wisborg
2h09'03" Paesi Bassi Paesi Bassi
Beugels, Groen, Steevens, Wagtmans
a 24" Italia Italia
Benfatto, Dalla Bona, Denti, Guerra
a 1'02"
Donne
Gara in linea
dettagli
Yvonne Reynders
Belgio Belgio
? Keetie van Oosten-Hage
Paesi Bassi Paesi Bassi
? Aïna Pouronen
URSS URSS
?

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Mario Spairani, 100 Anni di Ciclismo: speciale mondiali 1958 - 1970 in spaziociclismo.it, 1° ottobre 2010. URL consultato il 1-10-2010.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

ciclismo Portale Ciclismo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di ciclismo