Campagna di Ho Chi Minh

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Campagna di Ho Chi Minh
parte della Guerra del Vietnam
Soldati nordvietnamiti durante la campagna finale della guerra del Vietnam
Soldati nordvietnamiti durante la campagna finale della guerra del Vietnam
Data 1º marzo - 30 aprile 1975
Luogo Vietnam del Sud
Esito Vittoria finale del Vietnam del Nord e del Fronte di Liberazione Nazionale
Schieramenti
Comandanti
Effettivi
275.000 uomini (forze regolari) 495.000 uomini (forze regolari)
Perdite
Circa 20.000 morti e feriti Circa 90.000 morti e feriti
oltre 1 milione di prigionieri
Voci di battaglie presenti su Wikipedia

Campagna di Ho Chi Minh (in vietnamita: Chiến dịch Hồ Chí Minh) era il nome in codice assegnato (in onore del leader storico della lotta per l'indipendenza del Vietnam, Ho Chi Minh) dalla dirigenza politico-militare comunista all'ultima e decisiva offensiva scatenata dall'Esercito regolare del Vietnam del Nord e dalle forze vietcong del Fronte di Liberazione Nazionale nella primavera del 1975 per sconfiggere le forze militari del Vietnam del Sud e concludere vittoriosamente la lunga e sanguinosa guerra del Vietnam, dopo i provvisori accordi di pace di Parigi e il ritiro completo delle forze armate statunitensi schierate per molti anni nel teatro bellico in appoggio del governo di Saigon.

Preceduta da alcune operazioni preliminari nell'inverno 1974-75, si concluse con sonanti successi per le forze comuniste (battaglia di Phuoc Binh) che avevano messo in evidenza il progressivo indebolimento dell'apparato politico-militare del Vietnam del Sud prossimo ormai al crollo definitivo, la "campagna di Ho Chi Minh", guidata dall'abile generale Van Tien Dung, si sviluppò favorevolmente per le forze nordvietnamite con grande rapidità, e l'esercito sudvietnamita, ancora cospicuo e ben armato con forniture americane, oppose una scarsa resistenza, tranne a Xuan Loc, a nord di Saigon.

L'esercito nordvietnamita, dopo aver tagliato in due parti il territorio del Vietnam del Sud con una avanzata su Ban Me Thuot, raggruppò le sue forze per l'attacco finale alla capitale Saigon, che venne conquistata facilmente il 30 aprile 1975. Il governo sudvietnamita si dissolse, il presidente Nguyen Van Thieu si dimise e abbandonò precipitosamente il paese cedendo la sua autorità al generale Duong Van Minh che non poté far altro che arrendersi alle forze nordvietnamite ormai straripanti in tutto il paese.

Numerosi abitanti del Vietnam del Sud, per timore di un "bagno di sangue" comunista, abbandonarono nel panico i loro villaggi cercando scampo a sud o tentando di abbandonare il paese via mare, mentre gli ultimi rappresentanti politico-militari americani ancora presenti a Saigon abbandonarono, con una drammatica evacuazione in elicottero, l'ambasciata per trovare scampo sulle portaerei stazionanti al largo.

Con questa trionfale campagna si concluse quindi la guerra del Vietnam con la completa vittoria del Vietnam del Nord e del Fronte di Liberazione nazionale, preludio alla riunificazione del paese sotto il governo comunista di Hanoi.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • AA.VV., NAM - cronaca della guerra in Vietnam 1965-1975, DeAgostini, 1988
  • S.Karnow, Storia della guerra del Vietnam, Rizzoli, 1985

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]