Camp Darby

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Coordinate: 43°38′37.38″N 10°20′54.08″E / 43.643717°N 10.348356°E43.643717; 10.348356

Camp Darby è una base militare dell'esercito statunitense in Italia.

L'installazione militare è posta alle dipendenze della Caserma Ederle di Vicenza, sede dell'United States Army Africa. In particolare a partire dal 2012 è un semplice satellite del comando, con conseguente licenziamento del personale civile.

Situata nel territorio comunale di Pisa, alle spalle della frazione di Tirrenia e non distante dal porto di Livorno, la base nasce nel 1951 grazie ad un accordo tra Italia e Stati Uniti che consegnò mille ettari di pineta toscana all'esercito americano per la costruzione della base militare. La base deve il suo nome al brigadiere generale William O. Darby, fondatore del Corpo dei Rangers, su modello dei commando britannici, ucciso da artiglieria nemica il 30 aprile 1945 sulle rive del Lago di Garda.[1]

La piazza principale di Camp Darby è dedicata alla memoria del Soldato Scelto Masato "Curly" Nakae, che combatté durante la seconda guerra mondiale nelle vicinanze di Pisa con il 442° Regimental Combat Team ed il 100º Battaglione di Fanteria, composto da giapponesi naturalizzati americani, detti Nisei, guadagnandosi la Medal of Honor per i suoi atti eroici.

La vicinanza di un canale navigabile (il Canale dei Navicelli), della ferrovia (entrambi si estendono fin dentro la base) e dell'autostrada, permettono un facile e veloce collegamento sia con il porto di Livorno che con l'aeroporto militare di Pisa agevolando lo spostamento di mezzi, attrezzature e uomini. Sul Litorale pisano, Camp Darby dispone anche dell'American Beach, l'unica spiaggia statunitense in Europa.[2]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Precisamente a Torbole sul Garda (TN), dove si trovava in qualità di vice comandante della X Divisione da Montagna. Presso la chiesa di Santa Maria al lago è stata posta una lapide a sua memoria nel 50º anniversario della sua caduta.
  2. ^ www.usag.livorno.army.mil

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Cesare Favilla, L'America di Campo Darby. Quarant'anni di presenza degli americani fra Livorno e Pisa, Editrice Quadrifoglio, 1993.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]