Cammina, non correre

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Cammina non correre)
Cammina, non correre
Titolo originale Walk Don't Run
Paese di produzione USA
Anno 1966
Durata 114 min
Colore colore
Audio sonoro
Rapporto 2.35:1
Genere commedia
Regia Charles Walters
Soggetto Frank Ross, Robert Russell
Sceneggiatura Sol Saks
Produttore Sol C. Siegel
Casa di produzione Columbia Pictures, Granley Company
Distribuzione (Italia) CEIAD
Fotografia Harry Stradling Sr.
Montaggio Walter Thompson, James D. Wells
Musiche Quincy Jones
Scenografia George R. Nelson; Robert Priestley
Costumi Morton Haack
Trucco Virginia Jones; Ben Lane
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Cammina, non correre (Walk Don't Run) è un film del 1966 diretto da Charles Walters. È l'ultima apparizione sul grande schermo di Cary Grant che, dopo oltre trent'anni di carriera cinematografica, si ritirò dalle scene nel 1966.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Sir William Rutland, facoltoso uomo d'affari inglese, si reca a Tokyo per motivi di lavoro durante le Olimpiadi del 1964, ma non riesce a trovare alloggio in nessun albergo. Neanche all'ambasciata britannica riescono ad aiutarlo, ma un avviso lasciato su una bacheca lo porta a casa di Christine Easton, una bella ma algida ragazza inglese, in cerca di una coinquilina con cui dividere il proprio appartamento. Vincendo la diffidenza e la ritrosia di Christine, che avrebbe preferito ospitare una donna, Rutland si fa accettare e - a sua volta - subaffitta metà della propria stanza a Steve Davis, un atleta fondista americano giunto nella capitale giapponese prima della data stabilita, allo scopo di visitare la città e che sir William trova subito simpatico perché gli ricorda lui da giovane.

L'insolito trio si trova via via coinvolto in schermaglie sentimentali e in divertenti situazioni di convivenza forzata, complicate dal fatto che Christine è fidanzata con Julius Haversack, un noioso dipendente dell'ambasciata britannica. Alla fine il timido e impacciato atleta americano grazie anche agli incoraggiamenti di Sir William riuscirà a dichiarare il suo amore alla bella ragazza.

Note[modifica | modifica sorgente]

Questo film è un remake della pellicola in bianco e nero Molta brigata vita beata (The More the Merrier) (1943), che ebbe maggior successo dell'attuale versione.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

  • Scheda film nel Cinematografo.it [1]
cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema