Camillo Ferrati

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
sen. Camillo Ferrati
Stemma del Regno d'Italia Parlamento del Regno d'Italia
Senato del Regno d'Italia
Luogo nascita Torino
Data nascita 2 febbraio 1822
Luogo morte Torino
Data morte 5 marzo 1888
Professione matematico
Legislatura XVI

Camillo Ferrati (Torino, 7 febbraio 1822Torino, 5 marzo 1888) è stato un matematico e politico italiano. Fu senatore del Regno d'Italia nella XVI legislatura.

Laureato in ingegneria a Torino nel 1841, fu professore di geometria pratica e poi di geodesia all'Università di Torino, in cui si occupò anche di geometria descrittiva (1856 - 1863); dal 1845 al 1862 insegnò anche all'Accademia militare.

Fu membro di una Commissione per il Catasto, da cui si dimise per protesta: il suo gesto provocò un intervento parlamentare di Camillo Cavour. Nel 1862 partecipò ad una missione geodetica in Iran (misurò il monte Demavend) e poco dopo entrò in politica, diventando deputato nazionale per quattro legislature, segretario generale del Ministero della Pubblica Istruzione e senatore del Regno dal 7 giugno 1886.

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Commendatore dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro
Commendatore dell'Ordine della Corona d'Italia - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore dell'Ordine della Corona d'Italia

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]