Camillo Acqua

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Camillo Acqua, conte di Osimo (Velletri, 30 agosto 1863Ascoli Piceno, 25 marzo 1936), è stato un entomologo italiano.

Vita e attività[modifica | modifica sorgente]

Cultore di scienze biologiche. Si laureò a Roma (1886) in Scienze Naturali. Insegnò al Campana, poi all'Università di Roma.

Direttore dell'Istituto Bacologico a Portici, vicino a Napoli, direttore della Stazione Sperimentale di Gelsicoltura e Bachicoltura ad Ascoli Piceno, fu presidente della Congregazione di Carità dal 1895 al 1898 e dal 1902 al 1909.

Egli scrisse molti libri sulla propria attività. Il più famoso è "Il bombice del Gelso:Nello stato normale e patologico nella tecnica dell'allevamento e della riproduzione".

Nel 1887 sposa Teresa Faustini dalla quale nasceranno:

La famiglia Acqua diede i natali anche al Vescovo di Spoleto Vincenzo Acqua.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Cesare Conci et Roberto Poggi (1996), Iconography of Italian Entomologists, with essential biographical data. Memorie della Società entomologica Italiana, 75 : 159-382.
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Biografie