Camera posteriore dell'occhio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni qui riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. Questa voce ha solo scopo illustrativo e non sostituisce il parere di un medico: leggi le avvertenze.
Camera posteriore dell'occhio
Schematic diagram of anterior segment human eye.svg
Schema della parte anteriore del bulbo: si notano 2) processo ciliare, 3) camera posteriore, 4) iride, 5) pupilla, 11) apparato zonulare
Gray883.png
Sezione della parte superiore dell'occhio. La camera posteriore è visibile in centro.
Anatomia del Gray subject #225 1012
Sistema Apparato visivo

La camera posteriore dell'occhio è una porzione del bulbo oculare[1].

Disposizione e rapporti[modifica | modifica sorgente]

La camera posteriore è compresa tra l'iride anteriormente e l'apparato zonulare di Zinn e il processo ciliare posteriormente[1]. L'iride e l'apparato zonulare la separano rispettivamente dalla camera anteriore e dal corpo vitreo[2].

Struttura[modifica | modifica sorgente]

È uno spazio di forma anulare che trova posto attorno al cristallino, è attraversato dalle fibre della zonula ciliare e quindi è ricolmo di umore acqueo[2].

Derivazione embriologica[modifica | modifica sorgente]

La camera posteriore prende origine da una fessura che si forma nel mesenchima tra iride e cristallino in sviluppo. Con la scomparsa della membrana pupillare e la formazione della pupilla, le due camere possono comunicare attraverso il seno venoso della sclera (o canale di Schlemm), che rappresenta il passaggio di uscita dell'umor acqueo verso il sistema venoso.[3]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Da Trattato di Anatomia Umana, volume III, op. cit., p. 366
  2. ^ a b Da Trattato di Anatomia Umana, volume III, op. cit., p. 367
  3. ^ Da Lo sviluppo prenatale dell'uomo, op. cit., p. 428

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]