Camera anecoica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La parete interna della camera anecoica

Una camera anecoica è un ambiente di laboratorio strutturato in modo da ridurre il più possibile la riflessione di segnali sulle pareti. Il termine, dal greco, significa infatti "privo di eco", ed è particolarmente utile per studi che comportano la necessità di ricreare, in un ambiente chiuso, condizioni simulate di spazio aperto di dimensione infinita, come conseguenza dell'assenza di riflessioni, per effettuare ad esempio misure di precisione in diversi possibili ambiti.

Generalità[modifica | modifica wikitesto]

Una camera anecoica può presentare questa caratteristica su tutte le pareti, oppure può essere caratterizzata da un pavimento riflettente, nel qual caso viene più propriamente indicata come Camera semianecoica.

Le camere anecoiche vengono comunemente utilizzate per effettuare delle misure in condizioni controllate, e possono presentare questa caratteristica sia dal punto di vista acustico che elettromagnetico, a seconda dello scopo per le quali vengono realizzate. È interessante osservare che le due tipologie di camere hanno delle forti similitudini, a causa delle analogie fra le onde acustiche e le onde elettromagnetiche oggetto delle misurazioni. Le camere anecoiche sono tipicamente dotate di una schermatura esterna, al fine di mantenere confinato all'esterno della zona di misura il rumore che potrebbe interferire con la stessa.

Camere elettromagneticamente anecoiche[modifica | modifica wikitesto]

Le camere elettromagneticamente anecoiche vengono utilizzate principalmente per i test di compatibilità elettromagnetica, previsti dalla normativa vigente a livello mondiale: qualsiasi dispositivo elettrico prima di essere immesso sul mercato deve, infatti, essere provato in modo da non provocare interferenze con altri apparecchi elettrici nelle vicinanze e al contempo, non subire i disturbi che queste stesse apparecchiature diffondono.

Un secondo campo di applicazione, meno diffuso ma altrettanto significativo, è quello della misura del diagramma di radiazione delle antenne.

Questo tipo di camere sono caratterizzate dalla così detta "zona quieta", nella quale il regime sia perfettamente TEM (Trasverso ElettroMagnetico) con una distribuzione di campo nota.

Sezione anecoica[modifica | modifica wikitesto]

La funzione di anecoicità della camera viene realizzata da materiale in grado di assorbire le onde elettromagnetiche incidenti. Tale materiale deve ricoprire in modo più estensivo possibile le pareti e ogni altra superficie metallica all'interno della stanza.

Esistono principalmente due soluzioni per realizzare delle pareti anecoiche:

  • Piramidi o cunei di materiale plastico spugnoso, adeguatamente trattato al fine di massimizzare le caratteristiche di assorbimento delle onde elettromagnetiche. Tale risultato si ottiene comunemente con una miscela di polveri di ferro e carbonio. La forma delle piramidi e dei cunei massimizza il numero di riflessioni sul materiale dell'onda incidente, aumentando l'efficacia del materiale.
  • Pannelli di ferrite, materiale che presenta la caratteristica di convertire in energia termica l'energia elettromagnetica associata al campo incidente.

Tali soluzioni possono essere combinate.

Sezione schermante[modifica | modifica wikitesto]

La camera anecoica è racchiusa in una "scatola" ad alta conducibilità (tipicamente metallica) al fine di schermare i campi elettrici, secondo il principio della gabbia di Faraday. Per garantire un'adeguata efficacia la schermatura esterna è spesso costituita da due barriere di materiale metallico schermante e può essere completato da uno strato sottile di materiale ferromagnetico tale da produrre una buona schermatura anche per quel che riguarda il campo magnetico.

Camere acusticamente anecoiche[modifica | modifica wikitesto]

Le camere anecoiche possono essere progettate per ottenere l'anecoicità in campo acustico: queste stanze sono concepite in modo tale da ottenere il massimo abbattimento delle riflessioni del suono tramite l'adozione di forme particolari e l'uso di materiali fonoassorbenti.

Una versione più semplice, chiamata camera ad acustica controllata è quella tipicamente realizzata negli studi di registrazione dove si cerca un suono pulito e fedele, in particolare per strumenti con cassa di risonanza (come quelli a corde) o voce che soffrono della presenza di eco.

Uno degli effetti curiosi della camera anecoica acustica è la degradazione del senso di equilibrio: l'orecchio, infatti, contribuisce alla percezione spaziale basandosi sull'eco. L'artificiale cancellazione dello stesso compromette parzialmente l'efficacia dei sistemi di orientamento istintivi, basati su un organo apposito sito nell'orecchio interno.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

fisica Portale Fisica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di fisica