Calorimetria isotermica di titolazione

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La calorimetría isotermica di titolazione (in inglese, Isothermal Titration Calorimetry, ITC) è una tecnica calorimetrica sperimentale, frequentemente usata negli studi di biochimica fisica e di farmacologia, che permette di determinare quantitativamente in maniera diretta l'entalpia di unione di una molecola o di un complesso molecolare, in genere semplici, senza necessità di modelli o ipotesi aggiuntive, mediante la misura del calore liberato e assorbito a pressione costante durante una reazione disegnata specificamente per l'esperimento.

Principio termodinamico[modifica | modifica wikitesto]

La tecnica ITC offre una misura diretta a partire dalla stechiometria, dall'entalpia di formazione e dalla costante di unione dei legami molecolari in maniera che è possibile calcolare l'energia di Gibbs della formazione dei legami, rappresentata da ΔG, e di conseguenza l'entropia del processo:

ΔG = -RTlnK = ΔH-TΔS

dove Ka è la misura diretta dell'affinità di legame, R è la costante dei gas, T la temperatura in kelvin, ΔH l'entalpia e ΔS l'entropia.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Obdulio López Mayorga. Calorimetría Isotérmica de Titulación (ITC). Departamento de Química Física. Universidad de Granada. [1]
Termodinamica Portale Termodinamica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Termodinamica