Callicebus personatus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Callicebo mascherato
Callicebus personatus.jpg
Stato di conservazione
Status iucn3.1 VU it.svg
Vulnerabile
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Superordine Euarchontoglires
(clade) Euarchonta
Ordine Primates
Sottordine Haplorrhini
Infraordine Simiiformes
Parvordine Platyrrhini
Famiglia Pitheciidae
Sottofamiglia Callicebinae
Genere Callicebus
Sottogenere Callicebus
Specie C. personatus
Nomenclatura binomiale
Callicebus personatus
E. Géoffroy in Humboldt, 1812
Sinonimi

Callicebus personatus ssp. personatus

Il callicebo mascherato o callicebo atlantico (Callicebus personatus E. Géoffroy in Humboldt, 1812) è un primate platirrino della famiglia dei Pitecidi.

Distribuzione[modifica | modifica sorgente]

Vive nelle aree di foresta atlantica della parte centrale ed orientale dello stato brasiliano di Bahia. La specie è allopatrica con Callicebus moloch e Callicebus torquatus.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Dimensioni[modifica | modifica sorgente]

Misura circa 95 cm di lunghezza, di cui più della metà spetta alla lunga coda semiprensile, per un peso medio di 1,3 kg.

Aspetto[modifica | modifica sorgente]

Il pelo è folto e di colore bruno, ad eccezione di faccia ed avambracci, che sono ricoperti di pelo nero (da cui il nome comune).

Biologia[modifica | modifica sorgente]

Si tratta di animali diurni ed arboricoli, che vivono in piccoli gruppi composti da una coppia riproduttrice e dai figli di quest'ultima, di differenti età, in numero non superiore a tre, quindi la consistenza numerica dei gruppi raramente è superiore alle cinque unità. Durante la notte, i gruppi dormono su alberi appositamente scelti, tenendo le code aggrovigliate fra loro: quando all'alba il gruppo va in cerca di cibo, i maschi adulti sono sempre gli ultimi a lasciare l'albero-dormitorio. I vari gruppi occupano dei territori dei quali notificano il possesso tramite una varietà di vocalizzazioni: i vari territori si sovrappongono nelle aree di confine, è tuttavia raro che i vari gruppi si incontrino. In caso di intrusioni, questi animali difendono strenuamente il proprio territorio, con vocalizzazioni e mimiche aggressive o combattimenti mimati: è raro, tuttavia, che vi siano scontri cruenti.

Alimentazione[modifica | modifica sorgente]

La dieta di questi animali si basa principalmente sulla frutta: possono tuttavia nutrirsi anche di alimenti di origine animali, come insetti (utilizzano bastoncini di legno per estrarre le blatte dai loro nascondigli), uova, nidiacei e piccoli vertebrati (in natura, sono stati osservati animali che si nutrivano di uistitì della specie Callithrix geoffroyi).

Un comportamento caratteristico di questi animali è la geofagia, ossia la tendenza, seppur sporadica, a nutrirsi di minerali: in particolare, esemplari di questa specie sono stati osservati mentre si nutrivano intenzionalmente di pezzi di termitaio o di legno in via di decomposizione.

Riproduzione[modifica | modifica sorgente]

La gestazione dura 5-6 mesi, al termine dei quali la femmina dà alla luce un unico cucciolo: le nascite si concentrano fra i mesi di agosto ed ottobre. Il cucciolo viene accudito principalmente dal padre, che lo lascia alla madre solo per la poppata, ogni 2-3 ore: a volte, il maschio può essere aiutato dagli altri figli nell'accudire il cucciolo.

I giovani vengono svezzati attorno ai 3-4 mesi d'età: è raro, tuttavia, che abbandonino il proprio gruppo natio prima del compimento del terzo anno di vita, col raggiungimento della maturità sessuale.

La speranza di vita in catività di questi animali si aggira attorno ai 25 anni d'età.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

mammiferi Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi