Callicebus olallae

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Callicebo del Rio Beni
Immagine di Callicebus olallae mancante
Stato di conservazione
Status iucn3.1 EN it.svg
In pericolo
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Superordine Euarchontoglires
(clade) Euarchonta
Ordine Primates
Sottordine Haplorrhini
Infraordine Simiiformes
Parvordine Platyrrhini
Famiglia Pitheciidae
Sottofamiglia Callicebinae
Genere Callicebus
Sottogenere Callicebus
Specie C. olallae
Nomenclatura binomiale
Callicebus olallae
Lönnberg, 1939

Il callicebo del Rio Beni o callicebo dei fratelli Ollala (Callicebus olallae Lönnberg, 1939) è un primate platirrino della famiglia dei Pitecidi.

La specie è endemica della Bolivia centro-settentrionale, dove vive nella foresta pluviale lungo il medio corso del Rio Beni: non deve essere confusa con la congenere e piuttosto simile Callicebus modestus, anch'essa chiamata comunemente "callicebo del Rio Beni" e diffusa in un areale più settentrionale.

Si tratta di animali diurni ed arboricoli: di notte cercano rifugio nel folto della vegetazione o nelle cavità dei tronchi d'albero per riposarsi. La lunga coda semiprensile spesso viene intrecciata con quella di altri esemplari (generalmente i compagni) nei momenti di relax. I cuccioli tendono a restare coi genitori anche dopo lo svezzamento, generalmente fino al terzo anno d'età, per poi lasciare il gruppo natio una volta raggiunta la maturità sessuale: essi spesso aiutano il maschio nelle cure parentali. In questa specie (come del resto anche in tutte quelle dei generi Callicebus ed Aotus), infatti, è soprattutto il maschio a prendersi cura dei cuccioli (che nascono generalmente in numero di uno per parto), lasciandoli alla madre solo per la poppata.
Ciascun gruppo delimita un proprio territorio, che solitamente contiene una fonte permanente d'acqua e viene difeso strenuamente da eventuali intrusi conspecifici, mentre animali di altre specie vengono generalmente ignorati, anzi in alcuni casi (ad esempio con le scimmie scoiattolo Saimiri boliviensis) si possono formare gruppi misti.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

mammiferi Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi