Callicebus modestus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Callicebo di Lonnberg
Immagine di Callicebus modestus mancante
Stato di conservazione
Status iucn3.1 EN it.svg
In pericolo
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Superordine Euarchontoglires
(clade) Euarchonta
Ordine Primates
Sottordine Haplorrhini
Infraordine Simiiformes
Parvordine Platyrrhini
Famiglia Pitheciidae
Sottofamiglia Callicebinae
Genere Callicebus
Sottogenere Callicebus
Specie C. modestus
Nomenclatura binomiale
Callicebus modestus
Lönnberg, 1939

Il callicebo di Lönnberg o callicebo del Rio Beni (Callicebus modestus Lönnberg, 1939) è un primate Platirrino della famiglia dei Pitecidi.

Come il nome comune può suggerire, la specie è endemica di una zona ristretta attorno alla parte terminale del Rio Beni, poco prima della sua confluenza nel Rio Mamoré, in Bolivia settentrionale (dipartimento di Pando). Non va tuttavia confuso con un'altra specie, Callicebus olallae, chiamata comunemente anch'essa "callicebo del Rio Beni" e con un areale leggermente più meridionale.

Si tratta di animali lunghi poco meno di un metro, di cui tuttavia più della metà spetta alla coda. Quest'ultima è semiprensile e non viene utilizzata attivamente negli spostamenti tra gli alberi, limitandosi a fungere da bilanciere durante i salti: i titi, tuttavia, sono soliti utilizzare la coda per altri scopi, attorcigliandola alla coda di un altro esemplare (generalmente il compagno) durante i momenti di relax.

Questi animali vivono in gruppetti familiari, composti da una coppia riproduttrice ed in media tre cuccioli non ancora indipendenti. A prendersi cura dei nuovi nati è principalmente il maschio, coadiuvato dai figli di parti precedenti. La femmina partorisce una volta l'anno ed ogni parto conta nella maggior parte dei casi un unico cucciolo, che resta coi genitori per tre anni circa. I gruppi familiari sono assai territoriali gli uni con gli altri e tendono a stabilire un proprio territorio con una "zona franca" nelle zone periferiche, che si sovrappone coi territori di altri gruppi e non viene generalmente frequentata. in caso di invasione di territorio, questi animali fronteggiano gli intrusi con vocalizzazioni aggressive e combattimenti mimati: solo raramente si arriva a zuffe con conseguenze serie.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

mammiferi Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi