Callicebus aureipalatii

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Callicebo Goldenpalace.com
Immagine di Callicebus aureipalatii mancante
Stato di conservazione
Status iucn3.1 LC it.svg
Rischio minimo[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Superordine Euarchontoglires
(clade) Euarchonta
Ordine Primates
Sottordine Haplorrhini
Infraordine Simiiformes
Parvordine Platyrrhini
Famiglia Pitheciidae
Sottofamiglia Callicebinae
Genere Callicebus
Sottogenere Callicebus
Specie C. aureipalatii
Nomenclatura binomiale
Callicebus aureipalatii
Wallace, 2005

Il callicebo GoldenPalace.com (Callicebus aureipalatii Wallace, 2005) è un primate Platirrino della famiglia dei Pitecidi, di recente scoperta.

La specie è endemica del Parco Nazionale Madidi, in Bolivia.

Venne scoperto durante una spedizione della Wildlife Conservation Society, guidata da Robert Wallace: piuttosto che nominare direttamente la specie, il ricercatore preferì affidare il compito all'organizzazione non a scopo di lucro che gestiva il parco nazionale dove la specie fu scoperta, la FUNDESNAP. Quest'ultima mise all'asta il nome dell'animale, garantendo al migliore offerente i diritti sul nome comune e scientifico: l'asta, alla quale parteciparono una quindicina di avventori, fu vinta dal casinò virtuale GoldenPalace.com, che si aggiudicò il nome comune e scientifico (aureipalatii in latino vuol dire "del palazzo d'oro", traduzione italiana del nome GoldenPalace) della specie per 650.000 dollari.

Il pelo è bruno-giallastro, con sopracciglia, basette e gola che formano un cerchio arancione attorno alla faccia. La coda presente la punta bianca, mentre le parti nude del corpo (sottocoda, mani, faccia) sono di color rosso scuro.

Si tratta di animali strettamente monogami, territoriali, arboricoli, diurni e sociali, che vivono in gruppetti familiari. Sono principalmente i maschi ad occuparsi delle cure parentali, trasportando i cuccioli fino alla loro completa indipendenza.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Callicebus aureipalatii in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2014.2, IUCN, 2014.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

mammiferi Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi