California (Mr. Bungle)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
California

Artista Mr. Bungle
Tipo album Studio
Pubblicazione 13 luglio 1999
Durata 44 min : 12 s
Tracce 10
Genere[1] Musica sperimentale
Alternative rock
Rock sperimentale
Alternative metal
Etichetta Warner Bros. Records
Produttore Mr. Bungle
Mr. Bungle - cronologia
Album precedente
(1995)
Album successivo

California è il terzo e ultimo album discografico del gruppo musicale statunitense Mr. Bungle. Uscì il 13 luglio 1999, dopo quattro anni di pausa dal precedente album (Disco Volante).

L'album[modifica | modifica sorgente]

Rispetto ai primi due albumi dei Mr. Bungle, California risulta certamente più accessibile[2]: il formato canzone viene smentito meno sguaiatamente, ma forse più sottilmente.

Così come per i precedenti album, gli stili coinvolti sono numerosissimi, a volte nell'arco di singole canzoni[3]: musica hawaiana e orientale, electro funk, doo wop zappiano, musica folk, pop, surf rock, musica da circo, New Age, heavy metal, lounge, jazz rock, avant-garde, thrash metal, jazz, Burt Bacharach e Beach Boys[3][4][5][6]. Vi sono poi nel disco richiami alle colonne sonore dei film horror, alla science fiction, allo spaghetti western, al kecak balinese.

I costanti cambi di genere dei primi due album sono più contenuti e California viene descritto da The Associated Press come maggiormente lineare[7]. Sul diverso stile dell'album, Mike Patton spiegò che "durante le registrazioni la band aveva assunto un suono vagamente pop", aggiungendo che "alcuni fottuti fan dei No Doubt in Ohio non riescono però a ingoiare la cosa"[8]. L'album venne ben recensito dal critico Robert Everett-Green, che affermò: "L'ultimo album della band (e il migliore) non si rivela immediatamente, ma una volta che ti acchiappa, non c'è rimedio. Il miglior disco dell'anno, di una lunghezza"[9].

La registrazione di California fu decisamente più articolata che per i primi due dischi. La band decise di registrare il disco in analogico piuttosto che in digitale[10]: alcune canzoni hanno richiesto una registrazione multitraccia con diversi mixer 24-canali a gestire più di cinquanta tracce analogiche[7].

California sarebbe dovuto uscire l'8 giugno del 1999, ma la Warner preferì ritardarne la pubblicazione per evitare accavallamenti con Californication dei Red Hot Chili Peppers.

Tracce[modifica | modifica sorgente]

Mike Patton durante un live con i Mr. Bungle (1991)
  1. Sweet Charity – 5:05 (Patton)
  2. None of Them Knew They Were Robots – 6:03 (Spruance – Patton/Spruance/Heifetz)
  3. Retrovertigo – 4:59 (Dunn)
  4. The Air-Conditioned Nightmare – 3:55 (Patton – Patton/McKinnon)
  5. Ars Moriendi – 4:10 (Patton)
  6. Pink Cigarette – 4:55 (Patton – Patton/Spruance)
  7. Golem II: The Bionic Vapour Boy – 3:34 (Spruance)
  8. The Holy Filament – 4:04 (Dunn)
  9. Vanity Fair – 2:58 (Patton – Patton/Dunn)
  10. Goodbye Sober Day – 4:29 (Patton – Patton/McKinnon)

Formazione[modifica | modifica sorgente]

Musicisti ospiti[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Scheda su allmusic.com
  2. ^ Brandon Wu, California Review, Ground and Sky, 12 aprile 2004. URL consultato il 4 dicembre 2010.
  3. ^ a b Steve Kurutz, California Review, All-Music Guide Expert Review. URL consultato il 4 dicembre 2010.
  4. ^ Bob Eichler, California Review, Ground and Sky, 4 maggio 2004. URL consultato il 4 dicembre 2010.
  5. ^ Steve Huey, California Review, All Music. URL consultato il 4 dicembre 2010.
  6. ^ Nick Paluzzi, California Review, Ground and Sky, 27 aprile 2004. URL consultato il 4 dicembre 2010.
  7. ^ a b Mike Patton: A Singer With Energy, CNN.com, 13 ottobre 1999. URL consultato il 4 dicembre 2010.
  8. ^ Kenn Rodriguez, Mr. Bungle's latest album will take fans by surprise in Albuquerque Journal, 19 novembre 1999, pp. E15.
  9. ^ Robert Everett-Green, Woodstock died and Mr. Bungle flew in The Globe and Mail, 27 dicembre 1999, pp. R4.
  10. ^ Ed Condran, It's A Bungle Out There But Success Can Be Had On Any Terms They Want in The Record, 18 febbraio 2000, p. 018.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]