Calende

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Le calende (in latino arcaico : kǎlendāī, -āsōm ; in latino classico : cǎlendae, -ārum) era il primo giorno di ciascun mese nel calendario romano, quello della nuova luna quando il calendario era un ciclo lunare (calendari di Romulus e di Numa Pompilius)

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Quel giorno, i pontefici annunciavano presso la Curia Calabra la data delle feste mobili del mese seguente e quando i debitori avrebbero dovuto pagare i loro debiti elencati nel calendaria, i libri dei conti.

La data (in questo sistema di calendario) è stata misurata in avanti per i successivi giorni come le calende, none o idi. Così, mentre i moderni calendari conteggiano del numero di giorni dopo il primo di ogni mese, III. Kal. Ian. sarebbe il 30 dicembre, tre giorni (contando complessivamente, cioè comprendevano nel conteggio anche i giorni di partenza e di arrivo) prima del primo gennaio. Per trovare il giorno delle calende del mese corrente, si conta quanti giorni rimangono nel mese e aggiungere due a quel numero. Ad esempio, il 22 aprile, è il 10 delle calende di maggio, perché mancano 8 giorni nel mese di aprile, di cui 2 in aggiunta, la somma è 10.[1]

Il calcolo dei giorni del mese dalle Calende può essere fatto utilizzando i seguenti versetti:

Principium mensis cujusque vocato kalendas:
Sex Maius nonas, October, Julius, et Mars;
Quattuor at reliqui: dabit idus quidlibet octo.

significa che il primo giorno è chiamato il calende; sei giorni dopo è la nùndine di maggio, ottobre, luglio e marzo; quattro giorni dopo per i mesi rimanenti; e le ide sono otto giorni dopo.[2]

Per onorare il Dio Marte e soprattutto per far corrispondere il calendario lunare con il ciclo solare, dieci giorni di festa, le calende di marte, sono organizzati alla fine dell'anno. Questa durata viene successivamente ridotta a 8 giorni (ciclo nundinale).

Etimologia[modifica | modifica sorgente]

Il termine arcaico deriva dall'etrusco, questo potrebbe spiegare il mantenimento della lettera k nella scrittura delle date, lettera che presso i Romani tuttavia fu rapidamente eliminata a favore di c (alcuni rari termini latini con k sono infatti spesso di origine straniera).

Un'altra spiegazione dà una origine interamente latina: deriverebbe dal latino calenda (« ciò che dovrebbe essere chiamato ») dal verbo calare (« chiamare »).

Festività[modifica | modifica sorgente]

Ogni mese, le Calende erano dedicate a Giunone, come le Idi erano a Giove. Giunone è stata chiamata calendario di giunone o mensalia.

Le Calende di gennaio erano chiamate Saturnalia, che i Romani celebravano alla fine di dicembre.

Il Matronale (latino: Mātrōnālǐa, - ǐum): feste celebrate per le Calende di marzo dalle signore romane.

Le Fabarie (latino: fabariae Kalendae) erano le Calende di giugno, dove si offrivano agli dei le fave novelle.

Derivazioni linguistiche[modifica | modifica sorgente]

Il calendario moderno deriva dall’aggettivo calendarium (« calendario »), che indicava un registro dei conti (che si verificava il primo del mese; il calendarium era propriamente il «registro delle scadenze») e, pertanto, il calendario era, originariamente, il registro sul quale si annotavano gli eventi legati a una data precisa del mese. La parola italiana proviene direttamente dall'aggettivo latino, con un senso più generale.

Rinviare alle calende greche (Ad kalendas graecas) significa «procrastinare indefinitamente avanti il completamento di un'azione». In effetti, i Greci antichi non avevano mai avuto delle calende (utilizzavano calendari come quello attico), per cui l'espressione fa riferimento a una data sconosciuta. Le calende greche, nelle lingue romanze (Lingua italiana: alle calende greche; Lingua francese: aux calendes grecques; Lingua portoghese: às calendas gregas; Lingua romena: la Calendele Grecesti; ecc.), evoca in maniera ironica una data che sembra fissa ma che alla fine non si verificherà mai.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ "Calends", Ephraim Chambers: Cyclopaedia, or an Universal Dictionary of Arts and Sciences (1728), Vol. 1, p. 143
  2. ^ Jacques Ozanam, Jean Etienne Montucla, Recreations in Mathematics and Natural Philosophy, Longman, Hurst, Rees, Orme, and Brown, 1814, pp. 191–2. URL consultato il 31 agosto 2010.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Jérôme Carcopino, La vita quotidiana a Roma
  • (EN) T.P. Wiseman, "The Kalends of April," in Idem, Unwritten Rome. Exeter, Università di Exeter Press, 2008.
  • (EN) Questo articolo incorpora testo ora di pubblico dominio: Chambers, Ephraim, ed. (1728). "Calends". Cyclopaedia, or an Universal Dictionary of Arts and Sciences (first ed.). James and John Knapton, et al.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Antica Roma Portale Antica Roma: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Antica Roma