Cahiagijn Ėlbėgdorž

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Cahiagijn Ėlbėgdorž
Tsakhiagiin Elbegdor.jpg

Presidente della Mongolia
In carica
Inizio mandato 18 giugno 2009
Predecessore Nambaryn Ėnhbajar

Primo Ministro della Mongolia
Durata mandato 23 aprile 1998 –
9 dicembre 1998
Presidente Natsagiin Bagabandi
Predecessore Mendsaikhany Enkhsaikhan
Successore Janlavyn Narantsatsralt

Durata mandato 20 agosto 2004 –
13 gennaio 2006
Presidente Natsagiin Bagabandi
Predecessore Nambaryn Ėnhbajar
Successore Miyeegombyn Enkhbold

Dati generali
Partito politico Partito Democratico (Mongolia)

Cahiagijn Ėlbėgdorž (Zėrėg, 30 marzo 1963) è un politico mongolo, eletto presidente il 24 maggio 2009 con il 51% dei voti.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

È nato a Zėrėg, nella provincia di Hovd. È stato uno dei partecipanti ai cambiamenti in senso democratico verificatasi nel paese a partire dal 1989, dopo la fine del regime comunista. Mantenne l'incarico di Primo Ministro dal 20 agosto 2004 al 13 gennaio 2006.

Ėlbėgdorž dopo aver studiato, è stato giornalista in Ucraina e gli Stati Uniti prima di tornare alla Mongolia e incominciare una carriera in politica. Ispirato dagli ideali democratici degli Stati Uniti, ha partecipato al movimento che cerca di porre fine al predominio del partito comunista. Ėlbėgdorž è stato eletto per il Grande Hural (il parlamento mongolo) nel 1990, ma è si è successivamente dimesso per protesta contro uno scandalo. Ha ritrovato il suo posto nel 1996 ed diviene poi il capo del Partito democratico nazionale mongolo. Tuttavia non può partecipare al governo per una legge che vieta ad un membro del parlamento di tornare al governo.

Elbegdorj-3.jpg

A seguito delle elezioni parlamentari nel mese di agosto 2004, il Partito Rivoluzionario del Popolo Mongolo, l'ex partito unico, e il Partito Mongolo Nazionale democratico formano un governo di coalizione e diventa Primo Ministro Ėlbėgdorž. A partire dal gennaio del 2006, il PRPM decide di rompere la coalizione e ritira l'11 gennaio i dieci ministri che deteneva nel gabinetto da lui guidato.

Ėlbėgdorž impedisce il movimento del Gran Hural e il 13 gennaio 2009 dà le dimissioni. Il Segretario Generale del PRPM Mieėgombyn Ėnhbold gli successe come primo ministro il 24 gennaio. Il 24 maggio dello stesso anno ha ricevuto 51,24% dei voti al primo turno delle elezioni presidenziali e ha sconfitto Nambaryn Ėnhbajar il presidente uscente nonché candidato del PRPM, che raccolse il 47,44% dei consensi.

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Ordine di Jaroslav il Saggio di I Classe (Ucraina) - nastrino per uniforme ordinaria Ordine di Jaroslav il Saggio di I Classe (Ucraina)
«Per l'eccezionale contributo al rafforzamento delle relazioni intergovernative ucraino-mongole»
— 29 giugno 2011

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]