Cagnina di Romagna

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Cagnina di Romagna
Dettagli
Stato Italia Italia
Resa (uva/ettaro) 130 q
Resa massima dell'uva 65,0%
Titolo alcolometrico
naturale dell'uva
10,0%
Titolo alcolometrico
minimo del vino
11,0%
Estratto secco
netto minimo
17,0‰
Riconoscimento
Tipo DOC
Istituito con
decreto del
17/03/1988  
Gazzetta Ufficiale del 15/02/1989,
n 38
Vitigni con cui è consentito produrlo
[senza fonte]

Il Cagnina di Romagna è un vino DOC la cui produzione è consentita nelle province di Forlì-Cesena e Ravenna.

Caratteristiche organolettiche[modifica | modifica wikitesto]

  • colore: rosso violaceo.
  • odore: vinoso, caratteristico.
  • sapore: dolce, di corpo, un po' tannico, leggermente acidulo.

Cagnina e canëna[modifica | modifica wikitesto]

I primi vitigni di cagnina sembra siano stati importati dall'Istria al Ravennate dai Bizantini (forse ai tempi dell'Esarcato d'Italia).
Dal suo caratteristico sapore "aspretto", mordente deriverebbe la sua origine, appunto perché "morderebbe" come una cagna.

Cagnina e canëna sono entrambi due colonne portanti della viticoltura romagnola, ma non sono da confondere:

  • cagnina: appena descritta
  • canëna: vino rosso, povero, utilizzato soprattutto per i tagli.

Abbinamenti consigliati[modifica | modifica wikitesto]

Caldarroste, formaggi freschi, dolci.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Provincia, stagione, volume in ettolitri

  • Forlì (1990/91) 1496,61
  • Forlì (1991/92) 1907,11
  • Forlì (1992/93) 1871,93
  • Forlì (1993/94) 2376,67
  • Forlì (1994/95) 2362,0
  • Forlì (1995/96) 2674,77
  • Forlì (1996/97) 2497,96
  • Ravenna (1990/91) 212,16
  • Ravenna (1991/92) 317,4
  • Ravenna (1992/93) 213,0
  • Ravenna (1993/94) 336,99
  • Ravenna (1994/95) 472,16
  • Ravenna (1995/96) 486,72
  • Ravenna (1996/97) 628,99
alcolici Portale Alcolici: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di alcolici