Caesalpinia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Cesalpinia
Caesalpinia vesicaria Ypey79.jpg
Caesalpinia vesicaria
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Divisione Magnoliophyta
Classe Magnoliopsida
Ordine Fabales
Famiglia Fabaceae
Sottofamiglia Caesalpinioideae
Tribù Caesalpinieae
Genere Caesalpinia L. 1753
Specie
  • V. testo

Il genere Caesalpinia, creato da Linneo in onore del botanico italiano Andrea Cesalpino, comprende arbusti, piccoli alberi e suffrutici della famiglia delle Leguminose o Fabacee, diffusi nelle regioni tropicali e subtropicali.

Alcune specie, come C. gillesii, C. pulcherrima e C.echinata, hanno importanza come piante ornamentali.

Sistematica[modifica | modifica wikitesto]

Ordine e famiglia[modifica | modifica wikitesto]

Caesalpinia è collocato concordemente nella famiglia delle Leguminose o Fabacee e, all'interno di questa, in una sottofamiglia che ha preso nome proprio da questo genere: le Cesalpinioidee.

Concettualmente, questa collocazione raccoglie l'unanimità dei consensi degli studiosi, dai tempi di Linneo fino alla classificazione filogenetiche di APG. L'unica variazione importante è che alcuni studiosi hanno proposto di elevare la sottofamiglia delle Cesalpinioidee al rango di famiglia (Cesalpiniacee).

Ulteriormente, all'interno della sottofamiglia, viene riconosciuta in genere la tribù delle Caesalpinieae, che accomuna Caesalpinia a una cinquantina di generi affini.

Specie[modifica | modifica wikitesto]

Caesalpinia comprende diverse decine di specie. Il numero varia da 70 a oltre 150 secondo gli autori.

Caesalpinia pulcherrima in fiore

Ne riportiamo un elenco incompleto:

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

botanica Portale Botanica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di botanica