Cadalao del Friuli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Cadalao del Friuli (anche Cadalo, in latino: Cadalaus, in franco: Cadolah o Chadalhoh o Chadolah; ... – 819) fu un conte del Friuli dall'817 all'819.

Figlio del conte Bertoldo e di una nobile della famiglia degli Ahalolfinger, con il fratello Uurgo fu un benefattore del monastero di San Gallo; ci rimane un documento datato 23 ottobre 805 con cui i due fratelli donarono alcune proprietà nel villaggio di Wanga.

Ludovico il Pio lo nominò conte del Friuli verso l'817[1] per fronteggiare la grave minaccia della ribellione di Ljudevit Posavski, duca di Pannonia. Cadalao marciò contro il nemico, ma fu sconfitto e morì, probabilmente in battaglia. Come conseguenza, il Friuli dovette subire varie scorrerie delle popolazioni slave.

Secondo la Vita Hludowici Imperatoris di Thegan di Treviri, gli succedette Balderico.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Eginardo nell'818 lo definisce Cadolaum comitem et marcæ Foroiuliensis præfectum (Cadolao conte e prefetto del Friuli)

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]