Cacciavite sonico

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La versione 2010 del Cacciavite sonico, fatta da Character Options, in posizione ritratta ed estesa

Il cacciavite sonico è uno strumento immaginario, apparso nella serie televisiva britannica "Doctor Who" e negli spin-off derivati dalla serie. È un oggetto multifunzione utilizzato principalmente dal Dottore. La sua funzione più utilizzata è l'apertura dei lucchetti, ma può essere utilizzato per altre operazioni, come fare scansioni mediche, controllare remotamente altri dispositivi e cercare forme di vita aliena.

Come il TARDIS, è diventato uno degli oggetti principali del programma; negli spin-off Le avventure di Sarah Jane e Torchwood sono presenti degli oggetti che hanno capacità simili: il Rossetto sonico, il Blaster sonico, la Biro sonica e il Modulatore sonico.

Il cacciavite sonico venne introdotto nel 1968 e venne usato durante tutta la serie con il Secondo Dottore. Divenne meno presente con l'introduzione del Terzo Dottore fino al 1977. Nel 1982 venne eliminato dalla serie, poiché causava delle limitazioni nella stesura delle sceneggiature degli episodi. Apparì brevemente nel film per la TV del 1996 Doctor Who, per poi tornare stabilmente nella serie dal 2005.

Attraverso la serie, il cacciavite sonico appare in forme di volta in volta differenti, così come cambia l'aspetto del Dottore. È stato anche distrutto in più occasioni, ma poi sempre reintrodotto con un nuovo modello. Non tutti i dottori hanno deciso di usare il cacciavite: il Quinto Dottore, infatti, decise di non utilizzare un nuovo cacciavite dopo che era stato distrutto.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

1968–1982, 1996[modifica | modifica wikitesto]

Il cacciavite sonico fece la sua prima apparizione nell'episodio Fury from the Deep, scritto da Victor Pemberton. Era utilizzato dal secondo dottore come oggetto multiuso, con variazioni occasionali durante il continuo della serie. La proprietà del concept dell'oggetto venne registrata dalla BBC; Pemberton in seguito affermò:

(EN)
« I'm very cross that the sonic screwdriver, which I invented, has been marketed with no credit to myself. ... It's one thing not to receive any payment, but another not to receive any credit. »
(IT)
« Sono molto deluso che il cacciavite sonico, che io ho inventato, sia stato registrato senza averlo accreditato a me. [...] Una cosa è non ricevere alcun pagamento, un'altra è non ricevere alcun credito. »
(Victor Pemberton, intervista al Doctor Who Magazine[1])

Le sue abilità e la presenza cambiarono notevolmente durante la serie classica. Il nome implica che funzioni utilizzando le onde soniche per esercitare forze fisiche sugli oggetti. Nelle serie con il secondo dottore, funzionava molto con questo sistema, utilizzando le onde soniche per smantellare equipaggiamenti o per eludere lucchetti. Inoltre, venne utilizzata come torcia da saldatura nel quinto episodio de I Dominatori. Nel commento audio per I diavoli marini , Michael Briant affermò di aver suggerito di tenere il cacciavite sonico come oggetto da far apparire una volta sola.[2]

Con il Terzo Dottore, il produttore Barry Letts fu inflessibile, affermando che l'oggetto non dovesse diventare una cura per tutto, ovvero facilitare troppo il lavoro al dottore, e limitò l'utilizzo del Cacciavite, in modo che gli sceneggiatori non si incentrassero troppo sull'uso del dispositivo. In questo periodo, il cacciavite subì varie modificazioni di forma. Ne I diavoli marini, il Dottore lo usa per far esplodere delle mine antiuomo; Michael E. Briant spiegò che la cosa era fattibile, poiché le onde soniche avrebbero scosso le mine. Ne I tre Dottori, il cacciavite sonico è quasi irriconoscibile: ha un'impugnatura in plastica nera ed è stata applicata una testa nera di plastica. Nel commento del DVD, Letts stesso afferma di non riconoscere il dispositivo, ma sottolinea che questo serial venne prodotto senza seguire l'ordine della trasmissione; questo spiega perché il cacciavite ritorni alla sua forma precedente durante la storia successiva, per poi ricevere un ulteriore restyling.

Durante i primi tre anni col Quarto Dottore, il produttore Philip Hinchcliffe riduce ulteriormente l'uso del cacciavite sonico. Il serial Robot (l'ultima storia prodotta da Barry Letts) fa eccezione, in cui venne utilizzato nuovamente per far detonare delle mine e per tagliare lucchetti similmente ad una "lancia sonica in miniatura".[3] Oltre a sbloccare lucchetti, il dispositivo divenne pian piano abbandonato durante la seconda e la terza stagione del Quarto Dottore. Ebbe un rientro significativo quando Graham Williams prese il posto di produttore della serie nel 1977. Nella storia finale della 15ª stagione, The Invasion of Time, il Quarto Dottore affermò: "Neppure il cacciavite sonico può aiutarmi in questa situazione".

Apparve regolarmente durante la 16ª stagione, durante la saga Chiave del Tempo. Romana, la Time Lady costruisce da sola un cacciavite sonico, simile a quello del Dottore, visto per la prima volta in City of Death. In seguito, si scopre che è più piccolo ed elegante di quello del Dottore. Quest'ultimo fu piacevolmente impressionato dal design e tentò (senza successo) di scambiarli in Horns of Nimon. Nella 18 stagione, sia lo sceneggiatore Christopher H Bidmead che il produttore John Nathan-Turner volevano far scomparire il dispositivo il più presto possibile.

Il cacciavite sonico vene eliminato dalla serie nella 19ª stagione, nel serial The Visitation. Venne distrutto da un Terileptil per evitare che il Dottore sfuggisse da una cella di detenzione; il Dottore rispose: "È come se tu avessi ucciso un vecchio amico". Eric Saward successivamente spiegò, in un'intervista contenuta,[4] che questo fu fatto sotto istruzione del produttore John Nathan-Turner. Saward eliminò il cacciavite sonico credendo che il Dottore avesse un "armadio pieno di cacciaviti" nel TARDIS. Basandosi sul fatto che un dispositivo che aiutasse in una situazione qualsiasi fosse troppo limitante per la sceneggiatura, Nathan-Turner decise che il cacciavite non avrebbe più fatto ritorno.[5] Il Decimo Dottore scherzò sulla mancanza del cacciavite sonico del Quinto Dottore nel mini-episodio Time Crash, commentando che era "vissuto a mani libere" e avrebbe potuto "salvare l'universo utilizzando bollitore e delle corde". Il dispositivo non apparve più per il resto della serie originale.

Nel film TV Doctor Who (1996) e in La Notte del Dottore (2013), il Dottore ha un nuovo cacciavite sonico con un design telescopico: simile ai suoi predecessori ma con lievi differenze come una banda color oro/ottone sul manico, una base piatta e un puntale luminoso rosso.

2005–2010[modifica | modifica wikitesto]

Un cacciavite sonico ridisegnato appare nelle nuove serie, con una luce blu in aggiunta all'effetto sonoro. Nella sua prima incarnazione, lo strumento di scena usato nelle nuove serie era fragile e tendeva a rompersi. Nel corso dei successivi due anni, gli strumenti di scena vennero continuamente riparati e modificati, con alcune aggiunte quali un nuovo design del cursore e fili con colori diversi nella zona visibile quando è allungato.

Per la Serie 4 (2008), la BBC commissionò un nuovo design di Cacciavite Sonico. Nick Robatto fu assunto per costruire due nuovi strumenti di scena. Essi presentavano l'ultimo design del cursore, nuove scanalature lungo il corpo e altre piccole modifiche. Questo progetto debuttò nel 2008 in "Partners in Crime" e continuò ad essere usato fino alla distruzione definitiva del Cacciavite del 2010, in "L'Undicesima Ora". A quest'ultimo design è stato dato il soprannome di "Cacciavite delle Serie 3-4" (poiché all'inizio della serie 3, in "Smith e Jones", il primo Cacciavite Sonico sarebbe dovuto essere distrutto), anche se in realtà è apparso la prima volta nella Seria 4.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Benjamin Cook, Friend of the Earth in Doctor Who Magazine, 26 giugno 2002, pp. 10–14.
  2. ^ Commento del DVD de I diavoli marini
  3. ^ Il Sesto Dottore usa una "Lancia sonica" nella storia Attack of the Cybermen
  4. ^ Commento del DVD di The Visitation
  5. ^ Commento del DVD di Castrovalva

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]