Cacatuidae

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando il genere Cacatua, vedi Cacatua (zoologia).
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Cacatua
Cockatoo.1.arp.500pix.jpg
Cacatua alba
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Aves
Sottoclasse Neornithes
Superordine Neognathae
Ordine Psittaciformes
Famiglia Cacatuidae
G.R.Gray, 1840
Generi

I Cacatuidi (Cacatuidae G.R.Gray, 1840) sono una famiglia di uccelli appartenenti all'ordine Psittaciformes.[1]

Il nome cacatua deriva dal nome malese di questi uccelli, kaka(k)tua (forma composta di kaka, "pappagallo", + tuwah, o "sorella più vecchia", dalle parole kakak, "sorella", + tua, "vecchia")[2].

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

I cacatua condividono molti aspetti con gli altri pappagalli, incluso il caratteristico becco di forma ricurva ed il piede zigodattilo, con due dita dietro ed altre due davanti. Differiscono, comunque, per un certo numero di caratteristiche, tra cui la spettacolare cresta erettile sulla testa, la presenza di una cistifellea e di qualche altro dettaglio anatomico, e la mancanza di piume composte a trama Dyck, caratteristica che è all'origine degli azzurri e verdi brillanti degli Psittacidae. La classificazione dei cacatua come famiglia separata è chiaramente indiscutibile, ma non è ancora risolto se altre linee viventi di pappagalli (come lori e lorichetti) siano esse stesse distinte.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

I cacatua presentano un areale più ristretto di quello degli Psittacidae, trovandosi in natura solamente in Australia e nelle isole vicine. Undici delle 21 specie vivono in natura soltanto in Australia, mentre sette specie vivono in Indonesia, in Nuova Guinea e su altre isole del Pacifico meridionale. Tre specie si trovano sia in Nuova Guinea che in Australia.

Sistematica ed evoluzione[modifica | modifica wikitesto]

Filogenesi della famiglia Cacatuidae secondo Brown e Toft (1999)

Brown e Toft (1999) hanno esaminato gli aspetti esteriori e i dati della sequenza di rRNA mitocondriale 12S per arrivare ad una buona filogenesi dei cacatua. Si possono distinguere 3 sottofamiglie:

  1. Il completamente nero cacatua delle palme rappresenta una linea distinta che si è separata per prima; in passato veniva talvolta raggruppato insieme alle altre specie nere, ma quella classificazione era scorretta.
  2. I cacatua scuri; specie sessualmente dicromatiche che presentano molta melanina nel loro piumaggio e che possono avere le ali, la coda e la faccia rosse, gialle o arancioni; le femmine hanno delle piume barrate su ali, coda e/o corpo, oltre ad avere una macchia ben visibile nella regione delle orecchie, mentre le corrispettive piume dei maschi non sono barrate e inoltre questi possono essere privi della macchia sulle orecchie. Questo gruppo comprende i rimanenti cacatua neri, il cacatua gang gang e, stranamente, il cockatiel, che in passato veniva classificato in una sottofamiglia a sé stante (Nymphicinae) o perfino come un pappagallo dalla coda larga.
  3. Le specie rimanenti, tutte ipomelaniche e prive di dimorfismo sessuale.

I generi Calyptorhynchus e Cacatua possono essere suddivisi a loro volta in due sottogeneri e, nell'ultimo caso, persino in una terza linea, il cacatua del Maggiore Mitchell rosa e bianco, che presenta una colorazione intermedia tra il galah rosa e grigio e le specie bianche del genere Cacatua. Per questo motivo è meglio riconoscerlo come appartenente ad un genere monotipico, Lophocroa. Infatti, in attesa di ricerche più accurate, tutti i sottogeneri potrebbero essere elevati al rango di genere.

L'introne 7 dei dati della sequenza nucleare del β-fibrinogeno suggerisce che i Microglossinae si siano diversificati in un tempo successivo e che il cockatiel potrebbe essere abbastanza distinto da appartenere alla sottofamiglia monospecifica dei Nymphicinae (Astuti, 2004?), ma per altri aspetti concorda con le nuove interpretazioni dei dati morfologici e dell'rRNA.

I resti fossili dei cacatua sono perfino più limitati di quelli dei pappagalli in generale, con una sola vera specie fossile conosciuta: una specie di Cacatua, molto probabilmente del sottogenere Licmetis, ritrovata nei depositi del Miocene inferiore (16-23 milioni di anni fa) di Riversleigh, in Australia (Boles, 1993). In Melanesia, sono state ritrovate ossa subfossili di Cacatua che in apparenza non sopravvissero ai primi insediamenti umani ritrovati in Nuova Caledonia e in Nuova Irlanda. L'apporto dato da questi fossili alla comprensione dell'evoluzione e della filogenesi dei cacatua è chiaramente limitato, anche se il fossile di Riversleigh è utile per cercare di datare la divergenza delle sottofamiglie.

Famiglia Cacatuidae[modifica | modifica wikitesto]

Un cacatua dalla cresta sulfurea

Conservazione[modifica | modifica wikitesto]

Tutte le specie di cacatua sono protette dalla Convenzione sul Commercio Internazionale di Specie in Pericolo di Fauna e Flora Selvatiche (detta anche CITES), che rende illegale l'importazione, l'esportazione e il commercio di tutti i pappagalli e i cacatua catturati in natura.

Le seguenti specie di cacatua sono protette nella lista delle specie in pericolo dell'Appendice I della CITES.

Tutte le altre specie di cacatua sono protette nella lista delle specie vulnerabili dell'Appendice II della CITES.

Cultura di massa[modifica | modifica wikitesto]

I cacatua hanno spesso risposto in varia maniera ai suoni musicali ed esistono numerosi video che mostrano uccelli "danzare" al suono della musica popolare, sebbene non sia chiaro se la loro percezione musicale sia diversa da quella degli altri uccelli.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Gill F. and Donsker D. (eds), Family Cacatuidae in IOC World Bird Names (ver 4.4), International Ornithologists’ Union, 2014. URL consultato il 19 maggio 2014.
  2. ^ Cockatoos, Aquatic Community.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Christidis L & Boles WE, Systematics and Taxonomy of Australian Birds, Collingwood, VIC, Australia, CISRO Publishing, 2008.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

uccelli Portale Uccelli: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di uccelli