Cacajao melanocephalus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Uacari nero
Immagine di Cacajao melanocephalus mancante
Stato di conservazione
Status iucn3.1 LC it.svg
Rischio minimo[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Ramo Bilateria
Superphylum Deuterostomia
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Infraphylum Gnathostomata
Superclasse Tetrapoda
Classe Mammalia
Sottoclasse Theria
Infraclasse Eutheria
Superordine Euarchontoglires
(clade) Euarchonta
Ordine Primates
Sottordine Haplorrhini
Infraordine Simiiformes
Parvordine Platyrrhini
Famiglia Pitheciidae
Sottofamiglia Pitheciinae
Genere Cacajao
Specie C. melanocephalus
Nomenclatura binomiale
Cacajao melanocephalus
Humboldt, 1812
Sinonimi

Cacajao melanocephalus ouakary

Lo uacari nero (Cacajao melanocephalus Humboldt, 1812) è un primate platirrino della famiglia Pitheciidae[2].

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Dimensioni[modifica | modifica sorgente]

Misura fra i 35 ed i 50 cm di lunghezza, cui si aggiungono una ventina di cm di coda, per un peso fra i 2,5 ed i 4 kg. Queste dimensioni ne fanno il più grande fra i Pitecidi.

Aspetto[modifica | modifica sorgente]

Il pelo è lungo e setoloso, di color bruno scuro sulla maggior parte del corpo, con i fianchi neri. Le due sottospecie sono distinguibili per i colori: la sottospecie nominale presenta aree nere o rossicce sul dorso, che nella sottospecie ouakary sono invece gialle o dorate. Una terza varietà, ancora da descrivere scientificamente, potrebbe addirittura rivelarsi una specie a sé stante (Cacajao hosomi secondo lo studioso Jean-Philippe Boubli)[3].
Le parti nude del corpo (faccia e mani) sono nere: la faccia è ossuta e con una mandibola particolarmente robusta, con incastonati all'interno grossi molari e canini lunghi come gli incisivi (un centimetro e mezzo).

Biologia[modifica | modifica sorgente]

Si tratta di animali diurni ed arboricoli, che di notte cercano rifugio per dormire sulle cime degli alberi. Vivono in gruppi che contano fino a cento individui, ma che generalmente non superano i venti-trenta esemplari. I gruppi delimitano un proprio territorio, che misura fino a 550 ettari d'estensione, all'interno del quale si dividono durante la ricerca del cibo in sottogruppi di 3-10 individui: generalmente il 90% delle attività si svolge nell'ambito di un'area di meno di 300 ettari, mentre la restante superficie viene esplorata solo qualora la disponibilità di cibo sia assai scarsa.
I vari esemplari del gruppo si tengono in contatto tramite vocalizzazioni ben definite, mentre in caso di pericolo viene emesso un particolare suono bisillabe: nella sottospecie nominale, i gruppi spesso ingaggiano vocalizzazioni corali, mentre nella sottospecie ouakary tale comportamento è legato alla presenza nel territorio di intrusi potenzialmente pericolosi, come l'uomo.

Alimentazione[modifica | modifica sorgente]

Questi animali sono essenzialmente frugivori, tendendo a mangiare frutta acerba e semi (soprattutto di Inga laurina): per avere ragione della dura scorza dei frutti non ancora maturi, si servono dei forti denti montati su mascelle robustissime. La dieta può comprendere anche foglie ed insetti nei periodi siccitosi, quando la frutta è scarsa.

Riproduzione[modifica | modifica sorgente]

La stagione riproduttiva cade fra ottobre e novembre: nonostante vivano in grossi gruppi, queste scimmie sono monogame. La femmina partorisce un unico cucciolo dopo una gestazione di sei mesi: il piccolo viene svezzato dopo l'anno e mezzo d'età e diviene maturo sessualmente attorno ai tre anni e mezzo.

La speranza di vita di questi animali si aggira attorno ai dodici anni in natura ed i 18 in cattività: si tratta tuttavia di supposizioni, in quanto non sono ancora stati effettuati studi a lungo termine sulla specie.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica sorgente]

Con due sottospecie (Cacajao melanocephalus melanocephalus e Cacajao melanocephalys ouakary) questi animali sono diffusi nella foresta inondata (i cosiddetti igapò) e nelle immediate vicinanza (la cosiddetta caatinga) attorno al Rio Negro, dal confine meridionale fra Colombia e Venezuela fino alla sua confluenza col Rio delle Amazzoni: in particolare la sottospecie nominale vive a nord ed est di tale fiume, la sottospecie ouakary a sud e ovest.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Cacajao melanocephalus in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2013.2, IUCN, 2013.
  2. ^ (EN) Colin Groves in D.E. Wilson e D.M. Reeder (a cura di), Mammal Species of the World. A Taxonomic and Geographic Reference, 3ª ed., Johns Hopkins University Press, 2005, pp. 146. ISBN 0-8018-8221-4.
  3. ^ Boubli, J.P.; Silva, M.N.F.; Amado, M.V.; Hrbek, T.; Pontual, F. B.; Farias, I.P, A Taxonomic Reassessment of Cacajao melanocephalus Humboldt (1811), with the Description of Two New Species in International Journal of Primatology 2008; 29(3): 723-741.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]