Cacajao ayresi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Uacari di Ayres
Immagine di Cacajao ayresi mancante
Stato di conservazione
Status iucn3.1 VU it.svg
Vulnerabile[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Superordine Euarchontoglires
(clade) Euarchonta
Ordine Primates
Sottordine Haplorrhini
Infraordine Simiiformes
Parvordine Platyrrhini
Famiglia Pitheciidae
Sottofamiglia Pitheciinae
Genere Cacajao
Specie C. ayresi
Nomenclatura binomiale
Cacajao ayresi
Boubli, 2008

Lo uacari di Ayres (Cacajao ayresi Boubli, 2008) è un primate platirrino della famiglia dei Pitecidi, di recentissima scoperta.

La specie venne scoperta in Brasile da un team di ricerca dell'Università di Auckland mentre seguiva dei cacciatori Yanomami sulle loro piste lungo il Rio Aracá, immissario del Rio Negro. In particolare, questi animali vennero scoperti laddove non ci si aspettava di trovare degli uacari, a causa della presenza di numerose specie competitrici per il cibo.

La descrizione della nuova specie venne a breve pubblicata sull'International Journal of Primatology: il nome scientifico della specie è stato scelto in onore del primatologo brasiliano José Márcio Ayres, scomparso nel 2003[2].

Nonostante la mancanza di studi esaurienti sul numero di esemplari attualmente esistenti e sullo stato di salute della popolazione e dell'ecosistema in cui essa si trova, lo scopritore ha suggerito di dare a titolo precauzionale questi animali lo status di vulnerabili per la IUCN, adducendo come motivo il fatto che il loro areale si trovi al di fuori di un'area protetta e la caccia a cui questi animali vengono sottoposti dalle popolazioni locali[3].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Cacajao ayresi in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2013.2, IUCN, 2013.
  2. ^ Hansford, Dave. (2008) New Monkey Species Found in Remote Amazon. National Geographic News (available online)
  3. ^ New monkey species is already endangered in New Scientist, 19 gennaio 2008. URL consultato il 19 gennaio 2008.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Boubli, J. P.; Silva, M. N. F.; Amado, M. V.; Hrbek, T.; Pontual, F. B.; Farias, I. P. (2008) A Taxonomic Reassessment of Cacajao melanocephalus Humboldt (1811), with the Description of Two New Species. International Journal of Primatology, anche online al sito [1]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

mammiferi Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi