Caatinga

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Una immagine tipica della caatinga

La parola Caatinga viene dalla lingua tupi-guaraní caa (foresta) + tinga (grigio), ovverosia foresta grigia. La parola è chiarificatrice in quanto le numerose piante che caratterizzano questa "foresta" si presentano per gran parte dell'anno secche e senza foglie mentre assumono la colorazione verde solamente in inverno, nell'epoca delle piogge.

È l'unico bioma esclusivamente brasiliano (caratteristico della regione denominata Sertão), il che significa che gran parte del suo patrimonio biologico non si trova in nessun altro luogo del pianeta. La caatinga occupa un'area di circa 750.000 chilometri quadrati, inglobando di forma continua il territorio di parte degli stati del Maranhão, Piauí, Ceará, Rio Grande do Norte, Paraíba, Pernambuco, Alagoas, Sergipe, Bahia e Minas Gerais.

Anticamente si credeva che la caatinga fosse il risultato della degradazione di formazioni vegetali più esuberanti, come la Mata Atlântica (foresta costiera brasiliana) o la Foresta Amazzonica. Questa supposizione portò alla falsa idea che il bioma fosse omogeneo, con biota povero in specie ed endemismi. Tale idea portò conseguentemente alla conclusione che questo ambiente fosse stato poco alterato dall'epoca della colonizzazione e che non avesse molto bisogno di preservazione ambientale. In tal modo si è permessa una ampia degradazione ambientale e l'estinzione in ambito locale di varie specie, principalmente di grandi mammiferi, la cui unica traccia rimanente, molti casi, è il nome a loro associato delle località dove esistirono.

Nel frattempo studi e analisi di dati più recenti disvelano la caatinga come ricca in biodiversità ed endemismi, e abbastanza eterogenea. Molte aree precedentemente considerate come primarie sono, in realtà, il prodotto dell'interazione tra l'uomo e l'ambiente, conseguenza di uno sfruttamente iniziato a partire dal secolo XVI.

Flora e fauna[modifica | modifica sorgente]

La vegetazione della caatinga si è adattata alle condizioni di aridità (vegetazione xerofila).

Quanto alla flora, sono state registrate fino a questo momento circa 1000 specie, stimando che ci sia un totale da 2000 a 3000 piante. La fauna è invece depauperata, con basse densità di individui e poche specie endemiche, ma ciò nonostante sono state identificate 17 specie di anfibi, 44 di rettili, 695 uccelli e 120 mammiferi, mentre poco si conosce in relazione agli invertebrati. Descrizioni di nuove specie sono in corso di registrazione, indicando una conoscenza botanica e zoologica abbastanza precaria di questo ecosistema, che secondo i ricercatori è considerato il meno conosciuto e studiato degli ecosistemi brasiliani.

Al di là dell'importanza biologica, la caatinga rappresenta un potenziale economico in termini di produzione di foraggio e prodotti per l'alimentazione degli animali da pascolo. Ha una interessante produzione fruttifera (ricordiamo l'umbu) e di piante medicinali.

Questo ambiente particolare risulta però minacciato. Lo sfruttamento di tipo estrattivo esercitato dalla popolazione locale fin dall'epoca dell'occupazione del sertão ha portato a una rapida degradazione ambientale. Secondo quanto stimamato, circa il 70% della caatinga già è stata alterata dall'uomo e solamente lo 0,28% della sua area è protetta in aree o parchi di conservazione. Queste cifre conferiscono alla caatinga la condizione di ecosistema meno preservato e di uno dei più degradati.

Come conseguenza di questa degradazione, alcune specie figurano nella lista delle specie minacciate di estinzione dall'IBAMA. Altre come la aroeira e l'umbuzeiro, sono protette dalla legislazione forestale al fine di impedirne l'utilizzo come fonte energetica per evitarne l'estinzione. Quanto alla fauna, i felini (giaguari e gatti selvatici), gli erbivori di taglia media (cervo catingueiro e capibara), gli uccelli (pappagallino azzurro, piccione di arribação) e api native figurano tra i più colpiti dalla caccia predatoria e dalla distruzione dei loro habitat naturali.

Per invertire questo processo, studi sulla flora e fauna della caatinga sono necessari e un progetto per lo studio delle piante minacciate di estinzione è stato promosso da vari organi dello stato di Bahia in collaborazione con l'università di questo stato UNEB.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]