CATIA

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando il nome proprio di persona, vedi Katia.
CATIA
Simulazione di macchina utensile

Simulazione di macchina utensile
Sviluppatore Dassault Systèmes
Ultima versione V6R2010 (23 giugno 2009)
Sistema operativo Unix-like
Microsoft Windows
Linguaggio C++
Genere CAD
Computer-aided manufacturing
Computer-aided engineering
Licenza EULA Software commerciale proprietario
(Licenza libera)
Sito web (EN) www.3ds.com/products/catia/

CATIA (acronimo di Computer Aided Three dimensional Interactive Application) è una piattaforma commerciale di tipo CAD/CAE/CAM. Il software è sviluppato dalla azienda francese Dassault Systèmes e venduto tramite l'IBM. Il programma, scritto nel linguaggio C++, è la pietra angolare della suite di Dassault Systèmes per la gestione del ciclo di vita del prodotto.

Il software, creato tra la fine degli anni settanta e i primi anni ottanta per sviluppare il Mirage, l'aereo da combattimento della Dassault, fu in seguito adottato nelle industrie aerospaziali, automobilistiche, navali e in molte altre.

Prodotti concorrenti a CATIA sono SIEMENS-NX e Creo oltre a sistemi con minore scalabilità quali SolidWorks, Autodesk Inventor e Solid Edge.

Storia[modifica | modifica sorgente]

CATIA fu sviluppato inizialmente nel 1977 per uso interno dal produttore di aerei francese Dassault Aviation, a quel tempo utilizzatore del software CADAM[1][2]. Inizialmente chiamato CATI (Conception Assistée Tridimensionnelle Interactive, in italiano Progettazione Assistita Tridimensionale Interattiva) fu rinominato CATIA nel 1981 quando Dassault creò una sussidiaria per sviluppare e vendere il software e firmò un accordo non esclusivo di distribuzione con IBM[3].

Nel 1984, la Boeing scelse CATIA come suo principale software CAD 3D divenendone il più grande acquirente. Nel 1988, CATIA 3 fu trasferito dai mainframe alla piattaforma UNIX. Nel 1990, la General Dynamics Electric Boat scelse CATIA come software per progettare i sottomarini di classe Virginia. Nel 1992, CADAM fu acquistato da IBM e l'anno successivo fu rilasciato CATIA CADAM v4. Nel 1996 divennero quattro i sistemi operativi che lo supportavano: IBM AIX, Silicon Graphics IRIX, Sun Microsystems SunOS e Hewlett-Packard HP-UX.

Nel 1998 fu rilasciata CATIA V5, una versione completamente riscritta e supportata da UNIX, Windows NT e dal 2001 Windows XP. Nel 2008, Dassault ha annunciato CATIA V6[4] supportato unicamente da Windows[5], mentre le altre versioni saranno mantenute dai vari partner commerciali, tanto che si parla con insistenza di un futuro porting su Linux e BSD.

Caratteristiche[modifica | modifica sorgente]

Denominato comunemente come software tridimensionale per la gestione del ciclo di vita di un prodotto, CATIA è in grado di supportare numerosi stadi della vita del prodotto, dalla creazione, al design (CAD), alla produzione (CAM), all'analisi (CAE). CATIA può essere personalizzato tramite delle API. CATIA V4 può essere personalizzato tramite i linguaggi Fortran e C, utilizzando una API denominata CAA. CATIA V5 può essere personalizzato tramite i linguaggi Visual Basic e C++, utilizzando una API denominata CAA2 o CAA V5, un'interfaccia tipo COM.

CATIA V4 utilizza principalmente superfici polinominali, con un motore "non-manifold solid". Le versioni successive invece implementano NURBS. CATIA V5 si appoggia a un kernel geometrico comprendente un modellatore parametrico di superfici e di solidi (parametric feature based modeler). Questo utilizza curve NURBS come principale rappresentazione interna delle superfici.

CATIA V5 è un sistema altamente scalabile pertanto può essere corredato di altre applicazioni o moduli comprendenti tutti gli strumenti normalmente disponibili per questa fascia di sistemi PLM come, ad esempio, piattaforme PDM (tra le quali si ricordano Enovia e Smarteam), ambienti CAE per l'analisi agli elementi finiti, routine CAM per la definizione e il calcolo dei percorsi utensile, ecc.

Piattaforme software e sistemi operativi supportati[modifica | modifica sorgente]

Sono supportati inoltre i sistemi Unix IBM AIX, Hewlett Packard HP-UX e Sun Microsystems Solaris. [7]

  • CATIA V4 può funzionare su alcuni sistemi Unix, su Windows NT 4 e su Windows 2000[8]

e dalle piattaforme mainframe IBM MVS e VM/CMS, queste ultime fino alla versione 1.7.

  • CATIA V3 e precedenti, girano sulle piattaforme mainframe di IBM.

Industrie famose che utilizzano CATIA[modifica | modifica sorgente]

Questo sistema è largamente utilizzato nell'ambito dell'industria tecnica ingegneristica, specialmente nei settori automobilistici e aerospaziali per i quali CATIA, Pro/ENGINEER e NX (precedentemente Unigraphics) sono i sistemi dominanti.

Settore aerospaziale[modifica | modifica sorgente]

Boeing ha usato CATIA V3 per sviluppare il suo velivolo di linea 777, e sta attualmente utilizzando CATIA V5 per la sua serie di velivoli 787. Inoltre hanno utilizzato l'intera serie di prodotti 3D PLM della Dassault Systèmes, comprendenti CATIA, DELMIA, e ENOVIA LCA, in aggiunta ad applicazioni sviluppate internamente da Boeing. [9]

Il gigante aerospaziale europeo Airbus ha utilizzato CATIA già dal 2001.[10]

Bombardier Aerospace, produttore canadese di velivoli, ha realizzato tutti i suoi sviluppi tecnici su CATIA.[11]

Settore automobilistico[modifica | modifica sorgente]

Le compagnie automobilistiche, che usano CATIA a vari livelli, sono BMW, Porsche, Daimler Chrysler,[12], Audi,[13] Volkswagen, Volvo, Iveco, Gestamp Automocion, Benteler AG, PSA Peugeot Citroën, Renault, Toyota, Honda, Ford, Scania, Hyundai, Škoda Auto, Proton, Tata Motors e Mahindra.

Goodyear utilizza CATIA per progettare pneumatici per i settori automobilistici ed aerospaziali, ed inoltre sfrutta una versione personalizzata di CATIA per le fasi di sviluppo e progettazione. Tutte le compagnie automobilistiche usano CATIA per la progettazione delle varie strutture di cui si compone l'automobile, ad esempio le porte (cerniere, cinematica dell'apertura), supporti, paraurti, lunotti posteriore e anteriore e tetto, fiancate e strutture portanti, in quanto questo software è molto valido per la creazione estetica e visuale delle superfici e la conseguente rappresentazione numerica sul computer.

Settore navale[modifica | modifica sorgente]

La Dassault Systèmes ha iniziato a fornire il suo software ai costruttori navali con CATIA V5 release 8, che include alcune speciali caratteristiche adatte alla costruzione di navi. GD Electric Boat ha usato CATIA per progettare la sua ultima classe di sottomarini per attacco rapido, denominati Virginia e forniti alla Marina Militare degli USA. [14]. Northrop Grumman Newport News ha inoltre usato CATIA per progettare le portaerei di classe Gerald R. Ford, sempre per la Marina Militare degli USA.[15]

Altro[modifica | modifica sorgente]

L'architetto Frank Gehry ha usato il software, per conto della C-Cubed Virtual Architecture (ora Virtual Build Team), per progettare i suoi edifici curvilinei, che sono stati oggetto di riconoscimenti[16]. L'azienda tecnologica che a lui fa capo, la Gehry Technologies, ha sviluppato un software, basato su CATIA, denominato Digital Project[17]. Quest'ultimo è stato usato per progettare edifici ed ha permesso di portare a compimento un numero, seppur limitato, di progetti completi.
Va detto che la modellazione di forma libera applicata a strutture architettoniche è stata oggetto di critiche in quanto si rende necessario utilizzare molto più materiale portante del normale, oltre a perdere talvolta le funzionalità primarie per le quali l'edificio è stato realizzato[18].

Ultime implementazioni[modifica | modifica sorgente]

La Dassault Systèmes ha rilasciato CATIA Versione 6 (V6) a metà del 2008.[19] La nuova interfaccia permette ai progettisti di manipolare direttamente i modelli solidi tridimensionali, piuttosto che seguire l'approccio impiegato in CATIA V5 basato sul concetto di "feature".

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Storia di CATIA sul sito ufficiale di Dassaut Systèmes
  2. ^ (EN) Storia di CATIA del CEO di Dassault Systèmes Francis Bernard
  3. ^ (EN) Articolo sulla rivoluzione tecnologica di Dassault Aviation
  4. ^ (EN) Dassault Systèmes Introduces V6 to the Market - Press release
  5. ^ (EN) PLM V6R2009 System requirements
  6. ^ Officiel Dassault Systèmes Program Directory CATIA Version 5 Release 18 SP4
  7. ^ (EN) CATIA V5 System requirements, IBM. URL consultato l'8 marzo 2007.
  8. ^ (EN) CATIA V4 System requirements, IBM. URL consultato l'8 marzo 2007.
  9. ^ (EN) "Computing & Design/Build Processes Help Develop the 777." Boeing Velivoli Commerciali.
  10. ^ (EN) "PLM: Boeing's Dream, Airbus' Nightmare." Baseline.
  11. ^ (EN) Isabelle Latulippe, Bombardier Aerospace Virtual Product Definition: Achievements and Future Directions in COE NewsNet, agosto 2001. URL consultato il 7 marzo 2007.
  12. ^ (EN) [1]
  13. ^ (EN) Product Lifecycle Management Solutions from IBM and Dassault Systèmes Boost Efficiency at Leading Premium Vehicle Manufacturer, COE Newsnet.
  14. ^ (EN) James Conklin, Realizing Life Cycle Cost Savings Through Standardization in Defense Standardization Program, Department Of Defense.
  15. ^ (EN) CVN 21 Facts, Northrop Grumman.
  16. ^ (EN) Martin Day, Gehry, Dassault and IBM Too in AEC Magazine, settembre/ottobre 2003. URL consultato il 7 marzo 2007.
  17. ^ (EN) Digital Project in Gehry Technologies. URL consultato il 7 marzo 2007.
  18. ^ l'arch. Massimo Majowiecki a proposito degli edifici di forma libera. URL consultato il 7 febbraio 2010.
  19. ^ (EN) MCAD Online - Dassault launches Catia V6 platform

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]