C/1970 K1 White-Ortiz-Bolelli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Cometa
C/1970 K1 White-Ortiz-Bolelli
Scoperta 18 maggio 1970
Scopritore Graeme White,
Emilio Ortiz,
Carlos Bolelli
Designazioni
alternative
1970f, 1970 VI
Parametri orbitali
(all'epoca 2440720,98
14,5 maggio 1970[1])
Perielio 0,008879 UA
Inclinazione orbitale 139,071°
Eccentricità 1,0
Longitudine del
nodo ascendente
337,015°
Argom. del perielio 61,290°
Ultimo perielio 14 maggio 1970
Dati osservativi
Magnitudine app.
1 (magnitudine)[2] (max)

La C/1970 K1 White-Ortiz-Bolelli, nonostante la sigla che porta, è una cometa non periodica, scoperta nel 1970, appartenente al gruppo delle comete della famiglia di Kreutz[3]. La cometa prende il nome dall'allora studente universitario Graeme White, dal pilota dell'Air France Emilio Ortiz e da Carlos Bolelli, assistente d'osservatorio presso il CTIO (Osservatorio di Cerro Tololo)[4].

Scoperta[modifica | modifica sorgente]

Gli scopritori ufficiali della cometa sono Graeme White, Emilio Ortiz e Carlos Bolelli ma come in molti altri casi di scoperta di comete, in particolare tra quelle visibili ad occhio nudo ci sono state un certo numero di scoperte indipendenti: premesso che non si potrà conoscere mai tutti gli scopritori indipendenti di questa cometa la seguente tabella basata sulle circolari IAUC del CBAT dà un quadro della sequenza delle scoperte da parte dei singoli osservatori.

Osservatore Data della prima
osservazione
Data di comunicazione
dell'osservazione a terzi
Data di pubblicazione
dell'osservazione
Numero della IAUC
Graeme L. White 18,32 maggio 21 maggio 26 maggio 2246 e 2251[2][5]
Emilio Ortiz 21,625 maggio 21 maggio 26 maggio 2246 e 2250[2][6]
Carlos Bolelli 21,95 maggio 23 maggio 26 maggio 2246[2]
F. Gomez 21 maggio 23 maggio? 5 giugno 2250[6]
Alberto O. Bernhardt 22.9 maggio 24 maggio 10 settembre 2277[7]
Hans M. Maitzen 22.96 maggio 25 maggio 26 maggio 2246 e 2250[2][6]
Hans-Emil Schuster 22.96 maggio 25 maggio 26 maggio 2246 e 2250[2][6]
Stewart 23,25 maggio 16 giugno 2253[8]
F. W. Gerber 23,938 maggio 25 maggio 10 giugno 2251 e 2277[5][7]
Zenón M. Pereyra 23,945 maggio 26 maggio 2246[2]
Jorge Balseiro Savio 23,96 maggio 5 giugno 2250 e 2251[5][6]
Anthony F.J. Moffat 23,969 maggio 25 maggio 26 maggio 2246[2]
H. Potter 23,970 maggio 25 maggio 26 maggio 2246[2]
G. N. Sprott 24.38 maggio 26 maggio 2246[2]
Kellie 24.45 maggio 26 maggio 2246[2]

Origine e relazioni con altre comete[modifica | modifica sorgente]

La cometa fa parte della famiglia delle comete Kreutz: come le altre comete facenti parti di questa famiglia ha un'orbita ellittica e di conseguenza chiusa e periodica, nonostante questo viene definita una cometa non periodica in quanto la sua periodicità eccede i 200 anni, che segna il limite, puramente convenzionale e arbitrario, tra le comete periodiche e le comete non periodiche. L'origine di questa famiglia di comete deriva da un'unica cometa gigante che alcune migliaia di anni fa si frammentò in vari pezzi ognuno dei quali ha dato vita a una cometa; queste comete di "seconda generazione" si sono a loro volta scisse in due o più frammenti che a loro volta sono diventati comete: questo processo di frammentazione è tuttora in corso e ha portato alla nascita di un "toro di comete", ossia tutta l'orbita seguita dalla cometa originaria è attualmente riempita di minuscoli frammenti costituenti comete in miniatura. Questi frammenti, quando sono del diametro in generale di alcune decine di metri, nei pressi del loro perielio si disgregano totalmente. Essi costituiscono la maggior parte delle comete scoperte dai satelliti Solwind, SMM[9], SOHO e STEREO. La White-Ortiz-Bolelli è stata l'ultima delle grandi comete della famiglia Kreutz ad essere scoperta, sebbene la C/2011 W3 Lovejoy venga annoverata da certuni tra le grandi comete di questa famiglia.

Orbita[modifica | modifica sorgente]

La sua orbita è retrograda. A causa del corto arco osservativo non è stato possibile determinare il periodo esatto di questa cometa a cui è stata attribuita un'eccentricità 1,0 con una conseguente orbita parabolica, ma la sua appartenenza, fuori di ogni dubbio, alla famiglia di comete Kreutz porta a far ritenere che questa cometa sia in realtà periodica, con un periodo compreso tra i 300 e 1.000 anni, come quello delle altre comete della stessa famiglia. Anche l'appartenenza ad uno dei sottogruppi in cui sono suddivise le comete Kreutz non è certa, benché venga attribuita al subgruppo II a[10].

Osservazioni[modifica | modifica sorgente]

La cometa è stata scoperta quattro giorni dopo il suo passaggio al perielio nel cielo serale mentre si stava rapidamente allontanando dal Sole sia apparentemente che fisicamente. Grazie alla sua visibilità ad occhio nudo è stata osservata, oltre che dagli scopritori ufficiali da numerose altre persone, sia in Australia che in America Meridionale[2]. La cometa al momento della scoperta presentava un nucleo di aspetto stellare di magnitudine 1-2[5]; nei giorni successivi furono osservate due code, una rettilinea e una più debole e curvata.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) C/1970 K1 (White-Ortiz-Bolelli)
  2. ^ a b c d e f g h i j k l (EN) IAUC 2246: 1970f; 1969b
  3. ^ (EN) IAUC 2248: 1970f; P/AREND-RIGAUX
  4. ^ (EN) QUARTERLY REPORT April-May-June 1970
  5. ^ a b c d (EN) IAUC 2251: N Cyg 1970; RADIO EMISSION FROM HCN; LUNAR Occns OF IR OBJECTS; 1970f; 1969i
  6. ^ a b c d e (EN) IAUC 2250: 1970f; INTERSTELLAR MOLECULAR HYDROGEN; 1969i
  7. ^ a b (EN) IAUC 2277: 1970k; 1967 VIII; 1970f; 1969g
  8. ^ (EN) IAUC 2253: 1970f; 1969f
  9. ^ (EN) SOLAR MAXIMUM MISSION / CP Sungrazing Comets
  10. ^ (EN) FRAGMENTATION ORIGIN OF MAJOR SUNGRAZING COMETS C/1970 K1, C/1880 C1, AND C/1843 D1

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • (EN) Zdenek Sekanina e Paul W. Chodas, Fragmentation Origin of Major Sungrazing Comets C/1970 K1, C/1880 C1, and C/1843 D1, The Astrophysical Journal, vol. 581, n. 2, pag. 1389-1398, 20 dicembre 2002
  • (EN) Elizabeth Roemer, Comet Notes, Publications of the Astronomical Society of the Pacific, vol. 82, n. 488, pag. 928-929

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]


Sistema solare Portale Sistema solare: accedi alle voci di Wikipedia sugli oggetti del Sistema solare