C.C. DeVille

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
C.C. DeVille
C.C. DeVille in un live con i Poison al Moondance Jam l'11 luglio 2008
C.C. DeVille in un live con i Poison al Moondance Jam l'11 luglio 2008
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Genere Heavy metal
Pop metal
Hard rock
Periodo di attività 1981 – in attività
Strumento Chitarra
Gruppo attuale Poison
Gruppi precedenti Samantha 7
Album pubblicati 0
Studio 0
Live 0
Raccolte 0
Sito web

Cecil Cornelius DeVille, pseudonimo di Bruce Anthony Johannesson (Brooklyn, 14 maggio 1962), è un chitarrista statunitense, famoso per essere il chitarrista solista della glam metal band dei Poison.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Gli inizi[modifica | modifica wikitesto]

Cecil Cornelius DeVille nato col nome di Bruce Anthony Johannesson nell'area di Bay Ridge e Brooklyn, New York. I suoi interessi per la musica nacquero quando vide i Beatles all'Ed Sullivan Show (all'epoca aveva due anni). DeVille iniziò a suonare la chitarra a 5 anni, dopo aver comprato un'imitazione di Fender Telecaster giapponese per soli 27 dollari. Il suo amore per la musica cresceva sempre più, iniziò ad ascoltare band come Led Zeppelin, Rolling Stones, David Bowie, Aerosmith, Van Halen e Cheap Trick. DeVille poi intraprese studi sulla teoria musicale all'Universita di New York, senza mai completarli.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

All'età di 18 anni, DeVille formò la sua prima band a New York, adottando un'immagine tipicamente "glamour", molto provocante.

Egli poi si spostò a Los Angeles nel 1981 e suonò a qualche audizione per entrare nei Kid Rocker (gruppo dove militava anche Billy Dior, futuro batterista dei D'Molls), ma il leader e compositore della band Jimmy Vayne decise di non accettarlo nel gruppo. DeVille, assieme al batterista dei Kid Rocker Billy Dior, poco dopo formarono gli Screamin' Mimi's e fu in questo periodo che DeVille scrisse il brano "Talk Dirty to Me", pezzo che diventerà celebre con i Poison nel 1986. Poco prima DeVille fu anche chitarrista dei Roxx Regime, ovvero la prima formazione degli Stryper, quando ancora non avevano cambiato nome. Fu però presto sostituito da Oz Fox, e dopo aver pubblicato qualche demo, diverranno famosi con il nome "Stryper".

Dopo questa breve esperienza, si presentò ad un'audizione coi Poison. Il gruppo, alla ricerca di un nuovo chitarrista, aveva scelto fra tre possibili candidati: C.C. DeVille, Saul Hudson (in arte Slash, che nel 1985 entrerà a far parte dei Guns N' Roses) e Steve Silva dei The Joe Perry Project, (un progetto di Joe Perry, dopo l'abbandono degli Aerosmith). Infine venne scelto proprio C.C. DeVille. L'esibizione del chitarrista impressionò il batterista Rikki Rockett e il bassista Bobby Dall, ma fece arrabbiare il singer Bret Michaels, poiché DeVille rifiutò di suonare i pezzi dati da lui, o meglio rifiutò di suonare alcuni riff che aveva scritto. Nonostante ciò, "Talk Dirty to Me", scritta in precedenza da DeVille, lancerà il gruppo.

Il successo[modifica | modifica wikitesto]

Il primo album dei Poison, a cui collaborò DeVille, fu "Look What the Cat Dragged in" uscito il 16 maggio del 1986, nel quale erano incluse tre hits: "Talk Dirty to Me," "I Want Action" e "I Won't Forget You". L'album vendette 2 milioni di copie. DeVille collaborò anche a molto del materiale del secondo album Open Up and Say...Ahh! uscito il 21 maggio 1988 che riuscì a vendere 8 milioni di copie nel mondo ed includeva il brano "Nothin' but a Good Time" scritto da DeVille.

Nel 1990, DeVille suonò la chitarra solista nel brano Cherry Pie dei Warrant, contenuto nell'album Cherry Pie, uscito l'11 settembre del 1990. L'abilità nel "songwriting" crebbe ulteriormente, e a confermarlo fu il terzo album dei Poison, Flesh & Blood pubblicato il 21 giugno dello stesso anno. In questo periodo, DeVille sembrava avere problemi di alcolismo e droga, a causa dei quali ebbe conflitti con il gruppo, e con Bret in particolare. Decise così di lasciare la band per un periodo indefinito.

Durante la sua assenza dai Poison, DeVille collaborò ad una colonna sonora sotto il nome di "C.C. DeVille Experience". Suonò anche in una band di Los Angeles, i "Needle Park".

Tempi recenti[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1998, DeVille, con il bassista Krys Baratto, il batterista Francis Ruiz ed il tastierista dei Great White Michael Lardie, formò la band Samantha 7, il cui titolo venne ispirato dal nome di un'insegnante delle elementari che provocò a C.C. una crisi d'infanzia.

Nel 1999 decise di ritornare con la sua storica band, i Poison partecipando ai dischi Crack a Smile...and More! (2000), Power to the People (2001) e Hollyweird (2002). In questi anni apparirà in diversi album, come quelli solisti di Bret Michaels Letter from Death Row (1998) e Death Row Remixed and Remastered (2000) mentre nel 2001 parteciperà all'album Hollywood Trash dei King Kobra e nel 2003 nell'album solista di Rikki Rockett Glitter 4 Your Soul. DeVille ha anche partecipato al brano "God Was Never On Your Side" dell'ultimo album dei Motörhead, "Kiss of Death" uscito il 29 agosto del 2006.

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Con i Poison[modifica | modifica wikitesto]

Con i Samantha 7[modifica | modifica wikitesto]

Altri album[modifica | modifica wikitesto]

Tribute Album[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 33626938 LCCN: n90705483

Metal Portale Metal: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Metal