C'era una volta il mondo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
C'era una volta il mondo
Paese Italia
Anno 1947
Compagnia "Spettacoli Errepi" che presenta la "Grande Compagnia Riviste Totò-Barzizza,Giusti"
Genere Teatro di rivista
Regia Michele Galdieri
Soggetto Michele Galdieri
Produzione Remigio Paone
Coreografia Gisa Geert
Personaggi

Totò, Elena Giusti, Irene D'Astrea, Isa Barzizza, Giacomo Rondinella, Mario Castellani, Peppino De Martino, Renata Negri, Assunta Nucci

C'era una volta il mondo è una rivista di Michele Galdieri presentata dalla compagnia di Totò in tutta Italia nella stagione 1947 - '48.

La prima si ebbe al Teatro Valle di Roma, il 21 dicembre 1947.

In questa rivista troviamo alcuni dei più famosi sketch della carriera di Totò, tra cui "Il manichino" e "La carica dei Bersaglieri", poi ripresi anche nel film I pompieri di Viggiù. In particolare in questa rivista viene presentato per la prima volta il famoso sketch del "Vagone letto", con Isa Barzizza e Mario Castellani, poi ripreso nella rivista successiva (Bada che ti mangio!) e nel film Totò a colori del 1952. Lo sketch ebbe un tale successo di pubblico che, durante lo svolgersi della tournée, Totò volle ampliarlo dagli otto minuti della durata fino ad oltre tre quarti d'ora, in gran parte improvvisando le battute[1].

Critica[modifica | modifica wikitesto]

Scrisse L'Unità, due giorni dopo la prima:

« [..] Ormai in Italia cominciamo ad avere un buon numero di elementi di valore. Si tratta solo di dare a quelli già apprezzati ed a quelli in via di maturazione, le possibilità pratiche di fare e dire qualcosa di nuovo. È il caso di Totò, uno dei più genuini eredi della grande tradizione comica italiana, capace ancora di tenere il pubblico (per quattro ore) con gli stessi mezzi di dieci anni fa [...] »
(Anonimo, L'Unità, Roma, 23 dicembre 1947)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dizionario del Teatro

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Teatro Portale Teatro: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Teatro