C'è posta per te

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando l'omonimo programma televisivo, vedi C'è posta per te (programma televisivo).
C'è posta per te
C'è posta per te.jpg
Joe e Kathleen in una scena del film
Titolo originale You've Got Mail
Paese di produzione USA
Anno 1998
Durata 115 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere commedia, drammatico, romantico
Regia Nora Ephron
Soggetto Miklós László
Sceneggiatura Nora Ephron, Delia Ephron
Musiche George Fenton
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

C'è posta per te (You've Got Mail) è un film del 1998 diretto da Nora Ephron con protagonisti Tom Hanks e Meg Ryan.

Costituisce un remake del classico di Ernst Lubitsch Scrivimi fermo posta (1940), con la variante che i protagonisti si innamorano scrivendosi via e-mail anziché fermo posta.

Dopo la distribuzione cinematografica, la pellicola è stata successivamente pubblicata in Italia in home video anche col titolo C'è post@ per te.

Trama[modifica | modifica sorgente]

New York. Joe Fox e Kathleen Kelly vivono e lavorano a pochi isolati di distanza nell'Upper West Side. I negozi che frequentano sono gli stessi e passeggiano per le stesse strade. I due si incontrano in una chatroom, e nasce un'amicizia sebbene anonima. Nella vita reale, lei, solare e piena di passione, gestisce una piccola libreria per bambini ereditata dalla madre, "Il negozio dietro l'angolo". Lui è il proprietario della più importante catena di bookstore di Manhattan, le megalibrerie Fox, in grado di cancellare dal mercato tutte le librerie indipendenti nel raggio di chilometri. Joe sta per aprire un altro dei suoi numerosi negozi proprio accanto alla libreria di Kathleen. Entrambi hanno una relazione ma nessuno dei due è veramente innamorato.

Il primo incontro fra i due avviene per caso nella libreria di Kathleen, dove lei legge le fiabe ai bambini e Joe accompagna due suoi nipotini. Ovviamente lui non le dice chi è, ossia la concorrenza, ma le dice semplicemente di chiamarsi "Joe". In seguito si ritrovano ad una festa di beneficenza in cui finalmente Kathleen viene a sapere che è lui il famoso Fox che probabilmente le rovinerà tutti gli affari, e capiscono di non avere simpatia l'uno per l'altra. Mentre, ignari delle loro vere identità, mantenute anonime, attraverso un fitto scambio di e-mail giungono a raccontarsi e a conoscersi, nasce una bella intesa. Parlano di tutto, discutono liberamente dei più svariati argomenti scoprendo ogni volta aspirazioni, sogni e interessi in comune. Ogni sera si ripete lo stesso rito: è un appuntamento al quale forse non saprebbero più rinunciare. L'affinità di cuore e di mente cresce di giorno in giorno fino a quando la curiosità non spinge i due librai a prendere una decisione: devono incontrarsi perché questo rapporto virtuale è quanto di più bello potesse loro capitare.

Joe, vedendola seduta al caffè dell'incontro con il libro e il fiore che l'avrebbero fatta riconoscere da lui, è stupefatto; le si avvicina non rivelandole che è lui il "NY152" che lei stava aspettando, ma finge di trovarsi lì per caso. Purtroppo litigano e l'incontro finisce con lui che se ne va offeso. Per e-mail lei si mostra pentita di aver insultato Joe e chiede al suo amico come mai non fosse venuto all'incontro. Inizialmente indeciso se continuare a scriverle, Joe riprende il fitto dialogo via mail con Kathleen. A causa dell'apertura delle librerie Fox, lei è costretta a chiudere il suo piccolo negozio e si ritira in casa a pensare al futuro. Entrambi si lasciano con i rispettivi partner. Un giorno, sapendola malata, Joe la va a trovare a casa portandole delle margherite, i suoi fiori preferiti, e iniziano a frequentarsi. Lei gli racconta del suo amico anonimo di cui è molto presa. Piano piano si avvicinano e i loro incontri, cene e passeggiate riscuotono lo stesso successo in termini di feeling e affinità intellettuale. Finalmente a Central Park i due amici di mail si danno un secondo appuntamento ed è lì che Kathleen ha la bella sorpresa, fra le lacrime gli dice «volevo tanto che fossi tu», e si scambiano un tenero bacio.

Colonna sonora[modifica | modifica sorgente]

  1. Harry Nilsson - The Puppy Song - 2:43
  2. The Cranberries - Dreams - 4:31
  3. Bobby Darin - Splish Splash - 2:12
  4. Louis Armstrong - Dummy Song - 2:19
  5. Harry Nilsson - Remember - 4:02
  6. Roy Orbison - Dream - 2:12
  7. Bobby Day - Rockin' Robin - 2:36
  8. Randy Newman - Lonely at the Top - 2:32
  9. Stevie Wonder - Signed, Sealed, Delivered I'm Yours - 2:38
  10. Sinéad O'Connor - I Guess the Lord Must Be in New York City - 3:08
  11. Harry Nilsson - Over the Rainbow - 3:31
  12. Carole King - Anyone At All - 3:09
  13. Billy Williams - I'm Gonna Sit Right Down and Write Myself a Letter - 2:08
  14. George Fenton - The 'You've Got Mail' Suite - 5:36
  15. Jimmy Durante - You Made Me Love You - 3:04

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]