C'è chi dice no (film)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando l'omonimo album di Vasco Rossi del 1987, vedi C'è chi dice no.
C'è chi dice no
C'è chi dice no.png
Una scena del film
Titolo originale C'è chi dice no
Lingua originale Italiano
Paese di produzione Italia
Anno 2011
Durata 95 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere commedia
Regia Giambattista Avellino
Soggetto Fabio Bonifacci
Sceneggiatura Fabio Bonifacci
Giambattista Avellino
Casa di produzione Cattleya
Distribuzione (Italia) Universal Pictures
Fotografia Roberto Forza
Montaggio Claudio Di Mauro
Musiche Pivio e Aldo De Scalzi
Scenografia Marco Belluzzi
Interpreti e personaggi

C'è chi dice no è un film diretto da Giambattista Avellino, uscito nelle sale cinematografiche l'8 aprile 2011.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Max, Irma e Samuele sono tre ex compagni del liceo, che non ottengono un posto che si è liberato nel loro luogo di lavoro perché, nonostante i meriti, vengono a loro preferiti tre "segnalati". Quando ad una cena "reunion" di vecchi compagni, vengono additati a falliti, i tre scelgono di coalizzarsi e praticare lo stalking nei confronti delle tre persone che hanno fregato loro il posto, al fine di costringerle a ritirarsi ed a lasciare a loro quanto meritato. I tre ex compagni si fanno però prendere la mano dalla situazione, che va avanti. Fondano il movimento sovversivo "I pirati del merito", ma troveranno la galera, perderanno il posto riconquistato con l'illegalità e, nonostante lo scandalo provocato all'Università, tutto tornerà come prima. Il film è ambientato a Firenze.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema