Byss

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Byss
Tipo Pianeta
Saga Guerre stellari
Ideatore
Appare in universo espanso, ruolo centrale in Dark Empire
Caratteristiche immaginarie
Capo Imperatore Palpatine
Sistema Sistema di Beshqek (binario)
Regione Nucleo interno
Capitale Sconosciuta
Dimensioni Ø 21.600 km
Abitanti nessuna (massimo di 19,7 miliardi)
Terreno Terrestre
Distanza dal nucleo Molto ridotta
Periodo rotazione 31 ore
Periodo rivoluzione 207 giorni
Satelliti 5

Byss è un pianeta immaginario appartenente all'universo fantascientifico di Guerre stellari. Durante il periodo di gloria dell'Impero Galattico, Byss era un mondo mitico ritenuto pacifico e meraviglioso, sul quale i cittadini dell'Impero contavano di andare a vivere. Il pianeta è un punto centrale nella serie a fumetti Dark Empire, ma è anche mostrato nel resto dell'universo espanso.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Byss orbita in un sistema stellare binario costituito da una gigante blu e una nana blu. Il pianeta possiede 5 piccoli satelliti ed è il quinto pianeta in ordine di distanza dalla stella. Il pianeta possiede un clima temperato e mite, non possiede vulcani e non ha alcuna attività sismica. Il pianeta non possiede forme di vita intelligente native, e la maggior parte degli esseri viventi sul pianeta è ancora costituita da piante. I pochi animali sono innocui e notturni. In termini di risorse minerarie il pianeta è povero, rendendolo poco adatto a strutture da miniera. Era però ideale come santuario, in quanto era difendibile con efficacia e difficile da raggiungere attraverso le rotte del Nucleo Interno.

Palpatine pianificò di trasformare Byss in un mondo dal quale governare l'Impero, lasciandosi alle spalle Coruscant. Fece costruire città intere su Byss ricorrendo ad architetti maestri nella loro arte, fornendo carta bianca e fondi illimitati. L'Imperatore aveva fatto costruire una struttura a spirale nera, conosciuta come Cittadella Imperiale, che si elevava per diversi chilometri nel cielo, controllata da legioni di stormtrooper e 400 membri delle Guardie Imperiali. L'intero sistema era controllato a sua volta da una rete di sicurezza chiamata Gauntlet Scanner, con il compito di rilevare gli intrusi.

Piani per l'Impero[modifica | modifica wikitesto]

Voci e leggende riguardanti un mondo idilliaco e pacifico vennero diffuse nell'Impero, e Byss venne creduto come un paradiso per diversi anni. I cittadini dell'Impero leali e fedeli venivano trattati in maniera lussuosa, lavorando in posizioni di prestigio. La popolazione di Byss arrivò a contare 19,7 miliardi di individui, tutti vivendo in un mondo surreale e tranquillo. Le comunicazioni al di fuori del pianeta erano accuratamente censurate per assicurare che la fama di Byss rimanesse intoccata.

Palpatine iniziò a vedere un futuro perfetto, senza bisogno di usare la forza fisica per controllare la galassia, ma solo la Forza e il Lato Oscuro. I suoi Profeti del Lato Oscuro sarebbero stati la corte Imperiale, mentre i discendenti di Anakin Skywalker sarebbero stati i suoi nobili, e i Jedi Oscuri dell'Inquisitorius sarebbero stati le sue guardie. Palpatine sarebbe vissuto per sempre, trasferendo la sua essenza vitale in un corpo clonato ogni volta che si fosse trovato in punto di morte. Cercò, senza mezzi termini, di mettere la Galassia intera ai suoi piedi, trasformandola in una teocrazia del Lato Oscuro, con Byss fungente da centro coordinatore. Aveva già scoperto come catturare l'energia vitale dai suoi soggetti per incrementare il proprio potere nella Forza, rendendo gli stessi soggetti senza volontà e docili.

L'Imperatore rinato[modifica | modifica wikitesto]

I piani per Byss e il resto della Galassia vennero seriamente rallentati quando Dart Fener lo tradì e lo uccise sulla Morte Nera. Palpatine riuscì appena in tempo a trasferire la sua essenza vitale in un nuovo corpo, in quello del suo agente Mano dell'Imperatore Jeng Droga; il trasferimento gli causò uno shock che durò diversi anni. Quando ritornò in piena forma, l'Impero era ormai in rovine. Pianificando il suo ritorno con maestria, radunò lentamente le forze ancora fedeli a lui e iniziò una campagna di riforma dell'Impero nel 10 ABY. Byss diventò la casa delle nuove superarmi di Palpatine — il Star Destroyer Eclipse e in seguito la Galaxy Gun.

Il primo bersaglio di una certa importanza dell'Imperatore fu il giovane Jedi Luke Skywalker. Palpatine usò un potente wormhole creato con la Forza per portare Luke al suo cospetto. Ian Solo, Leila Organa e alcuni amici di Ian andarono alla ricerca di Luke scoprendo che stava cercando di scoprire l'arte del Lato Oscuro e i motivi per cui suo padre aveva scelto quella via tenebrosa. Il pianeta venne ridotto a una roccia senza vita dalla Galaxy Gun; tuttavia, le rovine di Byss funzionarono ancora come un collettore di energia del Lato Oscuro. Nel videogioco Star Wars: Jedi Knight: Jedi Academy, l'energia del Lato Oscuro viene assorbita dai Discepoli di Ragnos attraverso uno scettro con lo scopo di riportare in vita Marka Ragnos.

Byss era anche il nome di un pianeta meno conosciuto residente nei territori dell'Anello Esterno, nel sistema Byss/Abyss, patria della specie degli Abyssini.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ [1]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Guerre stellari Portale Guerre stellari: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Guerre stellari