Byron Maxwell

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Byron Maxwell
Byron Maxwell.JPG
Dati biografici
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Altezza 185 cm
Peso 94 kg
Football americano American football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Cornerback
Squadra Stemma Seattle Seahawks Seattle Seahawks
Carriera
Giovanili
Stemma Clemson Tigers Clemson Tigers
Squadre di club
2011- Stemma Seattle Seahawks Seattle Seahawks
Palmarès
Super Bowl 1
Per maggiori dettagli vedi qui
Statistiche aggiornate al 3 settembre 2014

Byron Maxwell (North Charleston, 23 febbraio 1988) è un giocatore di football americano statunitense che gioca nel ruolo di cornerback per i Seattle Seahawks della National Football League. Fu scelto dai Seahawks nel corso del sesto giro del Draft NFL 2011. Al college ha giocato a football a Clemson.

Carriera professionistica[modifica | modifica sorgente]

Seattle Seahawks[modifica | modifica sorgente]

Maxwell fu scelto dai Seahawks nel sesto giro come 173° assoluto del Draft 2011[1]. Nella sua stagione da rookie giocò in totale nove partite, nessuna delle quali da titolare, mettendo a segno un solo tackle assistito. Nella stagione successiva disputò altre nove partite facendo registrare 14 tackle, 1 fumble forzato e tre passaggi deviati.

Maxwell nella pre-stagione 2014

A fine novembre 2013, Maxwell fu nominato cornerback titolare nel lato opposto a Richard Sherman dopo le squalifiche di Brandon Browner e Walter Thurmond[2]. Il primo intercetto in carriera lo mise a segno l'8 dicembre nella settimana 14 ai danni di Colin Kaepernick dei San Francisco 49ers[3]. La settimana successiva, i Seahawks batterono 23-0 i New York Giants al MetLife Stadium, la prima volta che la franchigia avversaria non riuscì a segnare alcun punto in casa dal settembre 1995. Maxwell concluse la gara con 2 intercetti su Eli Manning[4]. Nell'ultima gara della stagione mise a segno un altro intercetto su Kellen Clemens. I Seahawks batterono i Rams in casa terminando con un record di 13 vittorie e 3 sconfitte, il migliore della storia della franchigia a pari merito con quello del 2005, assicurandosi il primo posto nel tabellone della NFC e la possibilità di qualificarsi direttamente al secondo turno dei playoff[5], dove sconfissero New Orleans Saints e San Francisco 49ers], qualificandosi per il secondo Super Bowl della loro storia.

Il 2 febbraio 2014, nel Super Bowl XLVIII contro i Denver Broncos, Seattle dominò dall'inizio alla fine, vincendo per 43-8. Maxwell partì come titolare e si laureò campione NFL mettendo a segno 4 tackle e forzando un fumble in una gara in cui la difesa di Seattle annullò l'attacco dei Broncos che nella stagione regolare aveva stabilito il record NFL per il maggior numero di punti segnati[6][7].

Con gli addii di Browner e Thurmond, Maxwell divenne uno dei due cornerback titolari della difesa di Seattle nella stagione 2014, facendo subito registrare un intercetto su Aaron Rodgers nella prima gara dell'anno, vinta contro i Green Bay Packers[8].

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Franchigia[modifica | modifica sorgente]

Seattle Seahawks: Super Bowl XLVIII
Seattle Seahawks: 2013

Statistiche[modifica | modifica sorgente]

Partite totali 34
Partite da titolare 5
Tackle totali 33
Sack 0
Intercetti 4
Fumble forzati 1

Statistiche aggiornate alla stagione 2013

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) 2011 National Football League Draft, Pro Football Hall of Fame, 2 maggio 2011. URL consultato il 28 settembre 2012.
  2. ^ (EN) Next man up: Byron Maxwell, Seahawks.com, 27 novembre 2013. URL consultato il 27 novembre 2013.
  3. ^ (EN) Game Center: Seatte 17 San Francisco 19, NFL.com, 8 dicembre 2013. URL consultato il 9 dicembre 2013.
  4. ^ (EN) Game Center: Seattle 23 New York 0, NFL.com, 15 dicembre 2013. URL consultato il 15 dicembre 2013.
  5. ^ (EN) Game Center: St. Louis 9 Seattle 27, NFL.com, 29 dicembre 2013. URL consultato il 30 dicembre 2013.
  6. ^ (EN) Seahawks crush Broncos for first Super Bowl win, NFL.com, 2 febbraio 2014. URL consultato il 3 febbraio 2014.
  7. ^ (EN) Super Bowl, la difesa annienta Manning, Seattle stravince: campione per la prima volta, La Repubblica, 3 febbraio 2014. URL consultato il 3 febbraio 2014.
  8. ^ (EN) Game Center: Green Bay 16 Seattle 36, NFL.com, 4 settembre 2014. URL consultato il 5 settembre 2014.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]