Bursatella leachii

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Bursatella leachii
Bursatella leachii.jpg
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa Bilateria
Phylum Mollusca
Subphylum Conchifera
Classe Gastropoda
Sottoclasse Opistobranchia
Ordine Anaspidea
Famiglia Notarchidae[1]
Genere Bursatella
Specie B. leachii
Nomenclatura binomiale
Bursatella leachii
de Blainville, 1817
Sinonimi

Bursatella leachi[2]

sottospecie

Bursatella leachii Blainville, 1817 è una specie di mollusco opistobranco della famiglia Notarchidae[1].

Habitat e distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Specie lessepsiana rara, proveniente dal Mar Rosso, è stata reperita per la prima volta nel Mar Mediterraneo nel 1940, in prossimità delle coste Palestinesi, poi nel 1961 in Turchia[3]e nel 1970 a Malta[4]). Lungo le coste italiane i primi ritrovamenti furono nel 1977 a Taranto[5], 1978 a Palermo[6], 1984 a Napoli[7], 1986 a Venezia[8]), mostrando quindi una continua progressione a nord dell'areale. Normalmente reperibile a bassa profondità.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Corpo molle di colore bruno ricoperto da tubercoli e papille dello stesso colore, bordati in bianco, con chiazze circolari concentriche di colore blu o arancione. Fino a circa 8 centimetri.

Alimentazione e comportamento[modifica | modifica wikitesto]

Mollusco tipicamente erbivoro, si nutre di alghe.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Secondo alcuni autori apparterrebbe alla famiglia Aplysiidae.
    Vedi ad esempio Bello, G., Su alcuni ritrovamenti di Bursatella leachi savignyana (Audouin) (Opistobranchia, Aplysiidae) presso le coste italiane in Bollettino Malacologico, vol. 18, 7-8, Milano, 1982, pp. 175-176.
  2. ^ Ortografia errata.
  3. ^ Swennen C., On a collection of Opisthobranchia from Turkey in Zoologische Mededelingen, vol. 38, 1961, pp. 41-75.
  4. ^ Bebbington A., Aplysiid species from Malta with Notes on the Mediterranean Aplysiomorpha in Pubblicazioni della Stazione zoologica di Napoli, vol. 38, Napoli, 1970, pp. 25-46.
  5. ^ Tortorici R., Panetta P., Notizie ecologiche su alcuni Opistobranchi raccolti nel Golfo di Taranto (Gastropoda) in Atti. della Società Italiana di Scienze Naturali del Museo Civico di Storia Naturale di Milano, vol. 118, nº 2, Milano, 1977, pp. 249-257..
  6. ^ Catalano E., De Leo G., Parrinello N., Nuovi dati sulla penetrazione nel Mar Mediterraneo di Bursatella leachii savignyana Audouin, 1826. Ritrovamento nel Golfo di Palermo, vol. 8, nº 5, 1978, pp. 123-128.
  7. ^ Fasulo G., Perna E., Toscano F., Prima segnalazione di Bursatella leachii savignyana Audouin, 1826 per il Golfo di Napoli in Bollettino Malacologico, vol. 20, Milano, 1984, pp. 161-163.
  8. ^ Cesari P., Mizzan L., Motta E., Rinvenimento di Bursatella leachi leachi Blainville, 1817 in Laguna di Venezia. Prima segnalazione adriatica (Gastropoda, Opisthobranchia), vol. 11, Venezia, 1986, pp. 5-16.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

molluschi Portale Molluschi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di molluschi