Burramyidae

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Burramidi
Cercartetus nanus.jpg
Cercartetus nanus
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Ordine Diprotodontia
Sottordine Phalangeriformes
Superfamiglia Phalangeroidea
Famiglia Burramyidae
Broom, 1898
Generi

I Burramidi (Burramyidae Broom, 1898) sono una famiglia di marsupiali dell'ordine dei Diprotodonti. Comprende cinque specie di opossum, note collettivamente come opossum pigmei, suddivise in due generi: quattro di esse sono endemiche dell'Australia, mentre una (Cercartetus caudatus) è diffusa anche in Nuova Guinea.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Gli opossum pigmei hanno una lunghezza testa-corpo di 5-12 cm e pesano 10-50 g. Sono animali notturni e onnivori, che si nutrono di invertebrati, frutta, semi, nettare e polline. Sono eccellenti arrampicatori e sono aiutati in questo dalla loro coda prensile. Nonostante non siano in grado di planare come altre specie di opossum, alcune specie possono compiere grandi distanze saltando[1].

Biologia[modifica | modifica sorgente]

Formula dentaria
Arcata superiore
3-4 2-3 1 3 3 1 2-3 3-4
3-4 3 0 2 2 0 3 3-4
Arcata inferiore
Totale: 34-40
1.Incisivi; 2.Canini; 3.Premolari; 4.Molari;

Gli opossum pigmei del genere Cercartetus si sono evoluti nelle brughiere sclerofille australiane, nelle aree cespugliate e nelle foreste di eucalipti. Si ritiene che la maggior parte delle specie raccolga il polline abbondante presente sui fiori, e occasionalmente anche gli insetti, come fonte di proteine. La piccola dimensione e l'abbondante azoto nella dieta permettono dimensioni di cucciolata fuori dal comune (4-6) e rapidi tassi di crescita e di sviluppo, simili a quelli dei marsupiali carnivori (famiglia Dasiuridi).

Superficialmente, il raro e poco studiato opossum pigmeo di montagna (Burramys parvus), è molto simile. Questo animale passa fino a sei mesi di attività sotto una coltre di neve delle brughiere di alta quota nella catena delle Snowy Mountains. Questa specie arrampicatrice, che si foraggia al suolo e sugli alberi, ha una singolare dieta costituita da semi, frutti carnosi, polline, alcuni insetti e altri invertebrati. Il notevole premolare è adattato per sbucciare e frantumare i semi. I semi in eccesso possono essere immagazzinati per i periodi di carestia invernali.

Classificazione[modifica | modifica sorgente]

La famiglia dei Burramidi comprende cinque specie, suddivise in due generi[2]:

Conservation International (CI) e l'Istituto delle Scienze Indonesiano (LIPI) hanno riportato la possibile scoperta di una nuova specie di Cercartetus durante una spedizione sulle montagne Foja, nel giugno 2007[3].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Turner, Vivienne and McKay, G. M., 27. Burramyidae in Walton, D.W. and Richardson, B. J. (eds) (a cura di), Fauna of Australia, Volume 1B: Mammalia, Canberra, Australian Government Publishing Service, 1989, ISBN 0-644-06056-5.
  2. ^ (EN) D.E. Wilson e D.M. Reeder, Burramyidae in Mammal Species of the World. A Taxonomic and Geographic Reference, 3ª ed., Johns Hopkins University Press, 2005, ISBN 0-8018-8221-4.
  3. ^ Afp.google.com, Two new mammals found in Indonesian 'lost world': green group

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

mammiferi Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi