Burakumin

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Template-info.svg

I burakumin (in giapponese 部落民, letteralmente abitanti (-min) dei villaggi (buraku)), rappresentano una delle minoranze presenti in Giappone, dove costituiscono circa il 2-3% della popolazione. Il termine burakumin ha sostituito parole denigratorie usate in passato, come eta (穢多, letteralmente "pieno di sporcizia"), e hinin (非人, letteralmente "non umano").

In passato la società giapponese era suddivisa in caste, proprio come quella indiana, e i burakumin erano la casta più bassa, analoga ai Paria indiani. Si occupavano di lavori umili e/o in qualche modo collegati al sangue (un tabù per lo shintoismo): erano boia, becchini, macellai o conciatori di pelle. Le caste furono legalmente eliminate nel 1871, ma i pregiudizi fortemente radicati nella società giapponese no.

Nel 1975 in Giappone ci fu un grosso scandalo, il cosiddetto incidente "Tokushu Buraku Chimei Soukan", per cui si scoprì che in tutto il paese, mediante un sistema di vendita per corrispondenza, erano state vendute migliaia di copie di un libro, scritto a mano, che riportava tutti i nomi dei discendenti dei burakumin. Pare che anche grandi aziende come Toyota, Honda e Nissan, oltre che privati, abbiano usato il libro per decidere se assumere o meno un dipendente. La produzione e la vendita del testo furono proibiti, ma sicuramente alcune copie circolano ancora oggi.

In definitiva oggi, benché in Giappone le discriminazioni verso i burakumin siano legalmente vietate, in alcune zone le disparità di trattamento ancora esistono. Un burakumin può anche studiare all'università e diventare un medico o un avvocato, ma se le sue origini vengono scoperte rischia di non trovare un lavoro consono alle sue reali capacità. Anche le unioni con un burakumin non sono viste di buon occhio.

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

Il celebre Dottor Gregory House della fiction televisiva Dr. House - Medical Division rivela in un episodio che matura la decisione di fare il medico, spinto dall'ammirazione verso un medico Buraku.[1] [2] [3]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ [1].
  2. ^ [2].
  3. ^ [3].

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]