Buon compleanno Mr. Grape

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Buon compleanno Mr. Grape
Buon compleanno Mr. Grape.png
Leonardo DiCaprio e Johnny Depp in una scena del film
Titolo originale What's Eating Gilbert Grape
Paese di produzione Stati Uniti
Anno 1993
Durata 118 min
Colore colore
Audio sonoro
Rapporto 1.85 : 1
Genere drammatico
Regia Lasse Hallström
Soggetto Peter Hedges
Sceneggiatura Peter Hedges
Distribuzione (Italia) Penta Film
Fotografia Sven Nykvist
Montaggio Andrew Mondshein
Musiche Alan Parker, Björn Isfält
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Buon compleanno Mr. Grape (What's Eating Gilbert Grape) è un film del 1993 diretto da Lasse Hallström.

Il film è interpretato da Johnny Depp, Juliette Lewis e Leonardo DiCaprio, quest'ultimo candidato all'Oscar come miglior attore non protagonista.

È basato sull'omonimo romanzo di Peter Hedges, il film è stato girato a Manor, in Texas.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Nella piccola città di Endora, nello Iowa, Gilbert Grape si occupa del fratellino Arnie quasi diciottenne il quale è mentalmente ritardato dalla nascita e che, a detta dei medici, non sarebbe nemmeno potuto arrivare a quell'età. La madre Bonnie, obesa da quando il marito si è suicidato sette anni prima, trascorre i giorni sul divano mangiando, fumando e guardando la televisione. Con Bonnie incapace di aver cura dei figli, Gilbert si è fatto carico della responsabilità della casa e dell'accudimento di Arnie, cosa non sempre semplice anche perché il ragazzo ha l'abitudine di arrampicarsi sul pluviometro della città; le sorelle si sono fatte carico del resto. Il rapporto tra i due fratelli è basato sull'aver cura e sulla protezione, infatti Gilbert sostiene continuamente la politica del "nessuno tocchi Arnie".

Gilbert lavora nella piccola drogheria Lamson della cittadina, adesso minacciata commercialmente dall'apertura di un nuovo supermercato, Foodland. Un'altra situazione spinosa è rappresentata dalla sua relazione con una donna sposata, Betty Carver che per avere modo di incontrarlo si fa consegnare a domicilio le compere. Con tutti questi pesi sulle spalle, Gilbert cerca di gestire al meglio la sua situazione. All'inizio del film, la famiglia è in movimento per il 18º compleanno di Arnie che avverrà tra sei giorni. Le cose iniziano a cambiare con l'arrivo di una giovane donna, Becky, e di sua nonna, bloccate in città perché il loro caravan si è rotto. Gilbert ha chiaramente un'infatuazione per la nuova arrivata e per trascorrere un po' di tempo con lei lascia Arnie solo nel bagno con le parole "Sei un ragazzo grande ora, no?". Rientrando a casa dall'appuntamento trova Arnie ancora nel bagno, tremante, così al suo senso di colpa si unisce la rabbia della famiglia e in Arnie nasce la paura di farsi il bagno.

La sua relazione con la signora Carver termina quando lei, rimasta improvvisamente vedova (il marito è accidentalmente annegato nella piscina dei bambini) lascia la città in cerca di una nuova vita. In seguito Becky si avvicina sia a Gilbert che ad Arnie e parlando con Gilbert inizia a sbloccare speranze bruciate, sogni e felicità. Nasce l'amore tra lei e Gilbert. Durante una delle loro chiacchierate sono distratti da Arnie che è ritornato al pluviometro, cercando di scalarlo. Arnie viene arrestato dopo essere stato salvato, e ciò comporta che la madre, uscita per la prima volta di casa dopo sette anni per andare a riprendere il figlio dallo sceriffo, venga segnata a dito e derisa. All'ennesimo rifiuto di Arnie a farsi un bagno, viene fuori tutta la frustrazione di Gilbert che picchia Arnie più volte. Sconvolto e con sensi di colpa, Gilbert sale in macchina e corre via, senza pronunciare una parola. Anche Arnie corre via ma va da Becky, che si prende cura di lui per tutta la serata fino all'arrivo delle sorelle. Gilbert si reca da Becky e distrutto passa la notte con lei.

Il giorno dopo è il compleanno di Arnie e Gilbert decide di tornare a casa. Dopo che, durante la festa, la famiglia si è riappacificata Gilbert presenta Becky a sua madre ancora provata per il disagio subito dallo sceriffo. Intanto la nonna di Becky ha riparato il caravan e quindi le due lasciano la città subito dopo la festa. Quella stessa sera muore la madre di Gilbert e lui decide con le sorelle di bruciare quella casa con il corpo della madre obesa dentro che altrimenti sarebbe diventato nuovamente oggetto di derisione, diventando un fenomeno da baraccone. Il finale si conclude portando la scena a un anno dopo, le sorelle di Gilbert hanno abbandonato la città ricostruendosi una vita, è quasi il 19º compleanno di Arnie rimasto con il fratello ad Endora, entrambi stanno aspettando sul bordo della strada l'annuale arrivo dei caravan tra cui quello di Becky che subito si ferma e li fa salire portandoli via con sé, lontano da quella città.

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • Darlene Cates fu scelta per interpretare Bonnie Grape dopo che un direttore casting contattò il "Sally Jessy Raphael Show" (1985) dove lei partecipò come ospite mesi prima.[senza fonte]
  • La foto della Signora Grape da giovane è veramente una foto di Darlene Cates da ragazza.
  • La casa usata per girare le scene di interno della famiglia Grape era anche nel set del film Roadie - Le strade del rock del 1980.
  • Durante la scena in cui Darlene Cates (la Sig.ra Grape) sale la scala, lei sale solo i primi due o tre scalini. Questo spezzone fu riusato per comporre la scena in cui lei sale l'intera scala. La camera in cui l'attrice va al piano superiore in realtà è una stanza al piano terra.
  • Nella puntata Immalgrado Steve della seconda stagione di American Dad! con degli scoiattoli per protagonisti ne viene fatta la parodia.
  • Nella puntata Maxi Homer della settima stagione de I Simpson quando gli amici di Bart si affacciano alla finestra dei Simpson per vedere Homer in versione extralarge sul divano, è un chiaro riferimento al film.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema