Bull Durham - Un gioco a tre mani

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Bull Durham - Un gioco a tre mani
Bull Durham - Un gioco a tre mani.png
Una scena del film
Titolo originale Bull Durham
Paese di produzione USA
Anno 1988
Durata 108 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere commedia, romantico, sportivo
Regia Ron Shelton
Sceneggiatura Ron Shelton
Fotografia Bobby Byrne
Montaggio Robert Leighton, Adam Weiss
Musiche Michael Convertino
Scenografia David Lubin, Kris Boxell
Interpreti e personaggi
Premi

Bull Durham - Un gioco a tre mani (Bull Durham) è un film del 1988 scritto e diretto da Ron Shelton.

Primo dei due film consecutivi di Kevin Costner sul baseball (l'altro è L'uomo dei sogni).

Trama[modifica | modifica sorgente]

In una squadra di baseball di seconda divisione gioca "Crash" Davis, un veterano sul viale del tramonto. Come ultimo atto gli viene chiesto di occuparsi di un nuovo talento, il lanciatore Ebby Calvin la Loosh, giocatore dotato di grande braccio, ma senza esperienza.

Anche Annie Savoy, insegnante fanatica del gioco (tanto da avere il baseball come religione, dopo averne provate molte e riscontrando coincidenze come il fatto che 108 sono i punti delle cuciture sulle palline e 108 i grani del rosario) si occupa di Ebby, avendo una relazione sentimentale con lui.

Crash convince Ebby a seguire i suoi insegnamenti e Annie lo cresce culturalmente, la squadra comincia a macinare gioco e vince molte partite, aiutando il nuovo astro a mettersi in mostra ed a sfondare nel gioco fino ad essere ingaggiato da una grande squadra e giocare in prima divisione. Ma quando questo accade è la fine agonistica di Crash che viene licenziato, Annie lo conforta e Crash terminerà la stagione raggiungendo il nuovo record di home run in un'altra squadra, poi si ritirerà per diventare un direttore sportivo.

Riconoscimenti[modifica | modifica sorgente]

Il film ha ottenuto due candidature ai Golden Globe 1989, per la migliore attrice in un film commedia o musicale a Susan Sarandon e per la migliore canzone originale.

Ha vinto due Boston Society of Film Critics Awards 1989, per il miglior film e la migliore attrice.

La sceneggiatura di Shelton è stata candidata all'Oscar alla migliore sceneggiatura originale, ha vinto il LAFCA Award, il NSFC Award, il NYFCC Award e il WGA Award.

Nel 2000 l'American Film Institute ha inserito il film al 97º posto della classifica delle cento migliori commedie americane di tutti i tempi e nel 2008 al 5º posto dei dieci migliori film sportivi.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema