Budgie (gruppo musicale)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Budgie
Fotografia di Budgie
Paese d'origine Galles Galles
Genere Hard rock[1][2]
Rock progressivo[2]
Heavy metal[1][2][3]
Periodo di attività 1967 – in attività
Etichetta MCA Records
Repertoire Records
RCA Records
Noteworthy Records
Album pubblicati 24
Studio 13
Live 2
Raccolte 9
Sito web

I Budgie sono un gruppo Hard rock formato nel 1967 a Cardiff, Galles.

Storia del gruppo[modifica | modifica wikitesto]

Formatisi nel 1967, la formazione originale era costituita da John Burke Shelley (nato il 10 aprile 1947, Tiger Bay, Cardiff, South Glamorgan, Galles) al basso e alla voce; Antony "Tony" James Bourge (nato il 24 novembre 1948, Tiger Bay, Cardiff, South Glamorgan, Galles) alle chitarre e alla voce; e Raymond "Ray" Phillips (nato il 1º marzo 1949, Tiger Bay, Cardiff, South Glamorgan, Galles) alla batteria. Nonostante la non eclatante popolarità, il vasto panorama hard rock e heavy metal degli ultimi venti anni deve molto alla band gallese. I Budgie adottarono infatti uno stile musicale veloce e pesante (si ascoltino, ad esempio, canzoni come Breadfan, Napoleon Bona-Part 1&2), uno stile precursore di un genere che sarà ripreso qualche anno più tardi dagli Iron Maiden, dai Judas Priest e da altre band del movimento New Wave of British Heavy Metal. L'attuale formazione vede al basso e alla voce Burke Shelley, Simon Lees alle chitarre (nato il 16 maggio 1970) e Steve Williams alla batteria (nato il 17 settembre 1953)

Il loro omonimo album di debutto, Budgie caratterizzato da un heavy metal blueseggiante, fu inciso presso i Rockfield Studios dall'allora produttore dei Black Sabbath Rodger Bain, e venne pubblicato nel 1971, seguito a ruota da Squawk nel 1972. Il terzo album, Never Turn Your Back on a Friend (1973), assicurò alla band un posto d'onore nella storia del rock, contenendo al suo interno la loro canzone al giorno d'oggi probabilmente più conosciuta: Breadfan, reinterpretata anche dai Metallica nell'album Garage Inc. (I Metallica hanno ripreso anche un'altra canzone dei Budgie, Crash Course in Brain Surgery) e la lunga suite Parents.

Il batterista, Ray Philips, lasciò la band prima dell'incisione del quarto album In for the Kill, venne sostituito da Peter "Pete" Charles Boot. L'album uscì nel 1974. Verso la fine dello stesso anno, un ulteriore avvicendamento alla batteria vide subentrare Steve Williams per l'album Bandolier (1975). Bourge successivamente lasciò la band nel 1978, il suo ruolo alle chitarre fu sostituito da "Big" John Thomas verso la fine del 1979.

La musica dall'LP del 1978 Impeckable venne utilizzata nel film (oggi un cult) del 1979 J-Men Forever. La band successivamente cavalcò l'onda musicale della New Wave of British Heavy Metal fino al 1982, facendo addirittura da headliner al Festival di Reading di quell'anno (l'anno precedente suonarono in tale manifestazione con i Whitesnake come headliner). I Budgie ebbero un particolare seguito in Polonia, dove suonarono come prima band heavy metal oltre la Cortina di Ferro nel 1982. Di rilievo fu anche il loro tour assieme a Ozzy Osbourne nel 1984.

La band smise di suonare on the road nel 1988, quando i componenti tornarono in studio per produrre e occasionalmente comparivano come guest star in altri progetti. "Big" John Thomas compare nell'album Phenomena con Glenn Hughes. Thomas lasciò la band nel 2001 dopo aver condotto da headliner il Welsh Legends of Rock Festival.

Godendo ancora di popolarità in Texas (in qualche maniera grazie al lavoro di promozione svolto dal leggendario DJ Joe "The Godfather" or "Mr.Pizza" Anthony, attraverso radio KMAC/KISS negli anni '70) la band si riunì per delle singole date nel 1995, 1996 e nel 2000 per i festival “La Semana Alegre” a San Antonio, Texas. Tra il 2002 e il 2006, la band proseguì in tour toccando prevalentemente il Regno Unito, la zona di New York / New Jersey, Dallas, e qualche show in europa, tra cui alcune date in Svezia e in Polonia.

I Budgie nel 2006 sono stati in tour (per un totale 35 date) nel Regno Unito, in concomitanza con l'uscita (7 novembre 2006) del loro ultimo album intitolato You're All Living in Cuckooland.

Il 4 luglio 2007 Lees ha annunciato la sua dipartita dalla band per dedicarsi all'insegnamento e alla sua carriera da solista.

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Attuale[modifica | modifica wikitesto]

Ex componenti[modifica | modifica wikitesto]

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

In Studio[modifica | modifica wikitesto]

Live[modifica | modifica wikitesto]

Raccolte[modifica | modifica wikitesto]

Altre release[modifica | modifica wikitesto]

  • The Extreem - From Out Of The Sky - pre-Budgie fine anni '60, CD solo per il mercato giapponese (1999)
  • Tredegar - Tredegar con Tony Bourge and Ray Phillips (1986)
  • Six Ton Budgie - Unplucked – band del batterista Ray Phillips (1995)
  • Budgie And Beyond - 80's lavori solisti, out-takes, demo non pubblicate ~ Australian Fan Club "Sabre Dance" pubblicato su etichetta VSC (Gold CD) (1999)
  • Six Ton Budgie - Ornithology v.1 – band del batterista Ray Phillips (1996)
  • Booty's B-Sides - Boot 66 con l'ex-Budgie Pete Boot e altri artisti (2003)
  • The Battle Of My Mind - Pete Boot e Andy Colley (guitar) (2006)

Singoli e E.P.s (solo Regno Unito se non diversamente specificato)[modifica | modifica wikitesto]

  • Crash Course In Brain Surgery / Nude Disintergrating Parachutist Woman 1971 MCA MK 5072
  • Whiskey River / Guts 1972 MCA MK 5085
  • Whiskey River / Stranded 1972 MCA MCA 2185 US release
  • Zoom Club (Edit) / Wondering What Everyone Knows 1974 MCA 133
  • I Ain't No Mountain / Honey 1975 MCA 175
  • Smile Boy Smile / All At Sea 1978 A&M AMS 7342
  • If Swallowed Do Not Induce Vomiting E.P. 1980 Active BUDGE 1
  • Crime Against The World / Hellbender 1980 Active BUDGE 2
  • Keeping A Rendezvous / Apparatus 1981 RCA BUDGE 3
  • I Turned To Stone (Part 1) / I Turned To Stone (Part 2) 1981 RCA BUDGE 4
  • Bored With Russia / Don't Cry 1982 RCA RCA 271

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b allmusic.com - Budgie
  2. ^ a b c metal-archives.com - Budgie
  3. ^ nolifetilmetal.com - Budgie

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]