Buddhadeb Bhattacharjee

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Buddhadeb Bhattacharjee

Buddhadeb Bhattacharjee (Calcutta, 1º marzo 1944) è un politico indiano.

È attualmente primo ministro del Bengala Occidentale.

Fa parte del Comitato Centrale del Partito Comunista Marxista dell'India, solitamente abbreviato in CPI(M) o CPM.

proveniente da un'importante famiglia di Calcutta (il cugino di suo padre era il celebre poeta Sukanta Bhattacharya), si è laureato nel 1964 al Presidency College della sua città ed è quindi entrato nel Partito Comunista.

Nel 1977 è stato eletto nel Parlamento del Bengala Occidentale ed è diventato ministro della cultura dello Stato del Bengala Occidentale. Dopo aver ricoperto diversi altri incarichi di governo, nel 2000 è diventato primo ministro dello Stato e da allora ha caratterizzato la sua azione con una politica di forti liberalizzazioni, di aperture al mercato e ai grandi capitali, per attrarre investimenti stranieri nel Bengala.

Per questo ha subito forti critiche da leader di altri partiti (come il Trinamool Congress) e soprattutto dai Naxaliti, che lo accusano di aver svenduto la storia del comunismo indiano al grande capitale.

Particolarmente contestati sono i progetti di costruzione di grandi impianti industriali a Singur e Nandigram, dove migliaia di contadini sono stati espropriati delle loro terre per fare posto ai nuovi stabilimenti.

Grande viaggiatore e appassionato di cricket, Bhattacharjee è soprannominato in India il Buddha rosso.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie